Home » 6. FONTI DI INFORMAZIONE » RADIO E TELEVISIONE » Tg La 7. Enrico Mentana: “Ci vediamo stasera alle otto”

Tg La 7. Enrico Mentana: “Ci vediamo stasera alle otto”

“Ci vediamo stasera alle otto”, ha detto ieri mattina un Enrico Mentana in autopromozione fotografica dalle pagine dei grandi quotidiani, e la gigantografia  lo mostrava con il dito sotto il mento come il professore prima dell’interrogazione, un look liscio per i capelli solitamente ricci e un sorriso a mezz’asta (ironico? beffardo? pensieroso? soddisfatto? inquieto? da battaglia? da quiete prima del debutto con il nuovo Tg de La7?). Poi ieri sera alle otto Enrico Mentana è apparso – sorridente e un po’ in tensione, i capelli di nuovo ricci, su sfondo verde fosforescente (tipo astronave? tipo studio dentistico?) – e si è preso un minuto per dire “solo una parola” per sé, un “grazie” a chi gli ha fatto in bocca al lupo (poi se n’è scusato, citando Cappuccetto rosso).

E però la parola per sé ci stava tutta, ieri sera, ché il tigì mentaniano, nonostante lo schermirsi del conduttore (“non cambiamo dall’oggi al domani”, la priorità ce “l’hanno sempre le notizie”), era non solo condotto ma commentato e fatto in diretta da un Mentana mattatore, un po’ padrone di casa un po’ didatta (“avete capito adesso perché Gheddafi è una questione di soldi?”, ha detto dopo aver infiltrato due giornaliste tra le hostess del leader libico), un po’ intervistatore un po’ polemista un po’ clown (a tensione calata, alla fine, nelle battute a Luisella Costamagna, Gad Lerner e Vittorio Feltri). Un Mentana che ci tiene a mostrarsi “cuoco” con la scaletta giusta (“la bravura si vede da come cucini quello che hai trovato al mercato”, ha detto ieri a Repubblica), che spiega perché sceglie questa notizia e non quell’altra (“vorrei che considerassimo assieme questo aspetto”) e che mette in guardia l’ascoltatore (in realtà tra Pdl e Fli “il braccio di ferro è ancora in corso”, motivo per cui Mentana fa intervenire Marco Travaglio e Filippo Facci in montaggio alternato per rispondere alla domanda “cosa deve fare Fini con il suo drappello?”).

A chi si aspettava un Mentana tutto politica
per contrasto con il vecchio Mentana “tutto cronaca” (quello del Tg5), Mentana mostra un Matteo Renzi guastafeste che dice “sei noioso” al Pd di Bersani, e però poi antepone alla politica l’approfondimento sulla rissa in sala parto. Anzi: intervista personalmente il marito della donna che ha partorito tra medici litiganti, dicendosi “colpito come padre” ma premettendo: “Però dovrò farle qualche domanda da giornalista”.

“Inquietante”, “incredibile” – i fan del Mentana di “Matrix” forse hanno ritrovato l’aggettivazione enfatica. “Può fare il botto”, ha detto in diretta Vittorio Feltri. “Bravo Enrico”, hanno scritto in diretta gli ascoltatori sintonizzati su YouTube. Il critico del Corriere della Sera Aldo Grasso, interpellato dal Foglio in proposito, mostra approvazione: “Bella grafica, bel ritmo. Un altro ritorno interessante dopo quello di Ibrahimovic al Milan. E anzi, meno male che Mentana è tornato. Ho visto in contemporanea il Tg1, il Tg5 e il Tg7: le notizie erano le stesse, ma la differenza la faceva il conduttore. Mentana sa giocare su vari registri, puntando una volta sull’ironia una volta sulla commozione”.

“Ci vediamo stasera alle otto”, ha detto Mentana ieri mattina in autopromozione fotografica, ed era un invito, non una minaccia. Poi però, a leggere la sua intervista su Repubblica di ieri, un po’ ci si poteva allarmare: doppia sfida annunciata a Tg1 e Tg5 (ma quale nicchia, “possiamo essere concorrenziali”), massima “scomodità” annunciata per Silvio Berlusconi e per Pier Luigi Bersani, grande impulso ai “bioritmi alti” della redazione, “nessun tabù”.

di Marianna Rizzini

Mentana, gran cuoco della scaletta e mattatore – [ Il Foglio.it › La giornata ].


2 commenti

  1. Patuzzo Mario scrive:

    01.sett. 2010
    Alla redazione del TG La 7

    Tutto bene per le notizie. Una cosa non va molto bene ed è l’inquadratura del conduttore, troppo lontana, l’immagine viene sbiadita, poco incisiva e anche la scenografia è troppo chiara, disturba e non si guarda volentieri. Parlatene con i vostri tecnici e osservate che forse ho ragione….
    Peccato perchè potreste essere veramente innovativi.
    Mario Patuzzo
    Verona

  2. gentile patuzzo
    di questi tempi ci si può solo accontentare.
    a me basta un telegiornale delle otto centrato sulle informazioni un filo, un filo appena, commentate
    tg la 7 è una boccata di ossigeno

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scorri la rete analitica dei Temi

Archivio cronologico

Scrivi il tuo indirizzo Email per ricevere gli aggiornamenti. Per cancellarti clicca sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter

Unisciti agli altri 1.643 follower

Follow POLITICHE SOCIALI e SERVIZI on WordPress.com

PFerrario su Twitter:

Vai a Segnalo.it

Benvenuti e bentornati, Paolo Ferrario

Statistiche del Blog

  • 1,071,477 visite
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.643 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: