Home » 4) POLITICA ITALIANA, GEOPOLITICA, STORIA » POLITICA ITALIANA » SISTEMA POLITICO » Partiti e coalizioni » PD Partito Democratico » Claudio Petruccioli, Dov’è la forza di Monti – qdR magazine

Claudio Petruccioli, Dov’è la forza di Monti – qdR magazine

La forza di Monti è innanzitutto nel prestigio internazionale e specificamente europeo. Ne disponeva già; ma è molto cresciuta nell’ultimo anno, per quel che ha fatto e ha cercato di fare, per l’impronta che ha dato alla sua azione di capo del governo italiano; ma anche – forse soprattutto – per la linea perseguita sulla scena europea, nell’anno più difficile affrontato dall’Unione.

C’è poi una seconda fonte della forza di Monti: è la debolezza dei tradizionali protagonisti della politica italiana. Lo si vide quando Monti prese in mano la guida del governo; accadde perché nessun altro era (né si riteneva) in grado di farlo. Lo si vede oggi: quegli stessi interpreti tradizionali possono atteggiarsi a protagonisti esclusivi purché Monti resti fuori dal gioco, si imbalsami nel ruolo di “tecnico”: inteso come politicamente “insignificante”.

Quanto sta accadendo dimostra invece che Monti è politicamente “significante”; e come! Purché lo voglia.

Berlusconi ha tentato un blitz per risalire a cavallo. Con i suoi famigli è stato come affondare una lama nel burro. Appena, però, Monti ha risposto per le rime (peraltro correttissime) alle sue sbruffonate, il Cav. è restato in braghe di tela; fino all’umiliante autodafé di Bruxelles, davanti al sinedrio PPE. Se Monti avesse fatto buon viso a cattivo gioco – come molti si aspettavano e auspicavano – la revanche di Berlusconi avrebbe potuto consolidarsi. Anche senza vincere le elezioni sarebbe restato, pur all’opposizione, protagonista; e avrebbe inchiodato tutti al livello imposto dalla sua presenza. Eventualità – purtroppo – ancora non del tutto scongiurata.

Basterebbe questo dato per far capire quanto la presenza di Monti sia politicamente utile all’insieme della situazione politica (e civile) italiana.

Invece sono in molti a non comprenderlo: in particolare al vertice del PD, con supporti convinti e militanti, come quello del fondatore di Repubblica. Sorprende; perché l’orientamento di quel vertice non è quello espresso da Renzi durante le recenti primarie. “I voti moderati del ‘centro’ – disse il sindaco di Firenze – dobbiamo andare a conquistarli direttamente noi; non lasciarli a Casini – o a chi per lui – con il quale allearci dopo le elezioni”.. Tutti hanno sentito la replica di Bersani, il vincitore: “Noi dobbiamo raccogliere i progressisti. Altri raccolgano i moderati; dopo il voto cercheremo convergenze e collaborazione”. Non si vede per quale ragione andrebbe bene se a raccogliere i moderati fosse Casini e non se fosse Monti.

La verità è che la sola presenza di Monti, mette a nudo le debolezze che ci sono: sulla destra ma anche sulla sinistra. Il PD, anche se beneficiario del generoso premio assicurato dal porcellum, sa benissimo di non essere autosufficiente quanto a capacità di governo.

….

tutto l’articolo qui   Dov’è la forza di Monti – qdR magazine.


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scorri la rete analitica dei Temi

Scrivi il tuo indirizzo Email per ricevere gli aggiornamenti. Per cancellarti clicca sull’apposito link che si trova in fondo a ciascuna Newsletter

Unisciti agli altri 2.554 follower

Cookies e Privacy

Diritti d’autore e cookies

Questo blog raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge
Ricordo che questo blog non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, non può quindi essere considerato giornale o periodico ai sensi della legge 62/2001 e non memorizza in alcun modo i dati comunicati dagli utenti tramite e-mail e gli stessi non vengono in alcun modo comunicati a terze parti. L’autore del blog non tratta in alcun modo i dati degli utenti. Gli utenti sono liberi di commentare gli articoli sotto la loro più completa responsabilità. Le immagini pubblicate, così come i testi, sono da intendersi come materiale di propaganda; qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog, che provvederà alla loro pronta rimozione.

Privacy:

Si informa che i dati, eventualmente ricavati dall’uso dei cookie, non sono in possesso dell’autore dei contenuti di questo blog. Il titolare di questi dati, come dei dati connessi alla privacy degli utenti e lettori è wordpress.com

Cookies:

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com .

Utilizzando questa piattaforma, noi Autori e Tu lettore siamo soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic

La piattaforma fa uso di cookie erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati raccolti sono a noi visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non abbiamo conoscenza di alcuno dei dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori, ad eccezione dell’email necessaria per lasciare un commento o contattarci.

Ricordo che è una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) che non desideri tramite opportuna configurazione del tuo browser

Vi informiamo quindi che navigando in questo sito accettate automaticamente l’uso dei cookie.

SE NON VUOI I COOKIES ABBANDONA QUESTO BLOG E NON CONSULTARLO.

Ovviamente è sempre possibile impostare il proprio browser per la NON memorizzazione dei cookie stessi.

Statistiche del Blog

  • 1,193,193 visite

Archivio cronologico

Benvenuti e bentornati, Paolo Ferrario

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.554 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: