Category Archives: Leggi Regionali

Panorama Legislativo a cura di Luigi Colombini / La Rivista di Servizio Sociale


Vai a:  Panorama Legislativo / La Rivista di Servizio Sociale

Banca dati del Consiglio Regionale della Lombardia


banca dati del Consiglio Regionale della Lombardia   

All’interno della banca dati sono presenti tutte le leggi e i regolamenti della Regione Lombardia.

La consultazione delle leggi e dei regolamenti avviene nel testo vigente: viene infatti fornito sempre l’ultimo testo in vigore a disposizione.

Ove disponibili e non particolarmente complessi sotto il profilo tecnico e/o grafico sono forniti anche i documenti allegati ai testi normativi.

E’ offerta anche la possibilità di consultazione del testo storico inizialmente approvato e dei vari testi previgenti intervenuti nel corso del tempo (al momento questa opportunità è offerta, in modo completo, per i soli testi pubblicati e promulgati, oppure modificati, a partire dal 1995\VI legislatura); i vari testi sono anche confrontabili fra loro con evidenziate le parti oggetto di modifica.

E’ inoltre disponibile il “link” alle norme citate nel testo consultato, siano esse regionali o nazionali (collegamento al sito “http://www.normattiva.it”, cui la Regione collabora attraverso le iniziative assunte dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome) ed è possibile visualizzare i riferimenti attivi e passivi (vale a dire le disposizioni normative modificate dal testo normativo consultato o modificanti il testo stesso).
Avviso: i riferimenti attivi e passivi sono generati e gestiti automaticamente dal programma e potrebbero, in alcuni casi, contenere indicazioni non perfettamente coerenti.

I provvedimenti sono classificati per legislatura e per anno nonché per varie tipologie (materia, status ecc); attraverso il menù ad albero posto a sinistra dello schermo è possibile consultare rapidamente i documenti d’interesse. Per ricerche più approfondite è possibile utilizzare le funzioni di Ricerca semplice o di Ricerca avanzata.

La maschera di ricerca contiene i diversi criteri sulla base dei quali si può effettuare la ricerca dei testi normativi. In alcuni campi la maschera presenta una serie di opzioni, che possono essere selezionate o de-selezionate con il mouse.

Si precisa che si sono considerate abrogate solo le disposizioni per le quali vi è stata una puntuale ed espressa indicazione da parte del legislatore, dando anche conto, ove possibile, sia nelle classificazioni che nelle note, delle abrogazioni sottoposte a condizione.

I testi contengono inoltre note in merito ad eventuali interventi operati dalla Corte costituzionale

Banca dati del Consiglio Regionale della Lombardia.

Reform è un servizio interamente gratuito, finanziato e gestito dallaProvincia di Pisa tramite la sua partecipata Reform srl. La sua finalità prevalente è quella di aiutare gli operatori della funzione pubblica locale, lavoratori e amministratori, a sostenere la evoluzione delle competenze professionali, così come richiesto dai processi di riforma che sono in atto nel nostro Paese


On line troverà un sito completamente rinnovato. Supportato da una piattaforma completamente nuova e da una grafica al passo con i tempi. Potrà navigare in maniera rapida e intuitiva grazie ai moduli di navigazione semantica, senza però rinunciare alle possibilità di ricerca più tradizionali, come il sistema di archiviazione che abbiamo conservato, portando nella nuova release decine e decine di migliaia di link.

Per sfruttare a pieno le nuove funzionalità la invitiamo ad accedere alla pagina di registrazione e reinserire le proprie credenziali, confermando la mail che successivamente le sarà inviata.

Come lei saprà, Reform è un servizio interamente gratuito, finanziato e gestito dallaProvincia di Pisa tramite la sua partecipata Reform srl. La sua finalità prevalente è quella di aiutare gli operatori della funzione pubblica locale, lavoratori e amministratori, a sostenere la evoluzione delle competenze professionali, così come richiesto dai processi di riforma che sono in atto nel nostro Paese.

Nelle prossime settimane saranno attivati nuovi servizi, con l’intento di favorire la partecipazione degli utenti alla costruzione dei nuovi asset, per mettere a punto lo strumento e per focalizzarlo ancora di più sulle reali necessità di chi opera nella Pubblica Amministrazione. Già fino da ora è gradito, ma forse è indispensabile, il suo aiuto: ci scriva le sue opinioni, le sue osservazioni, le sue critiche all’indirizzo reform@reform.it.
Ne terremo conto.

Fabiano Corsini
Direttore di Reform


Paolo Ferrario, AUDIO LEZIONE su ANALISI DELLE RIFORME: METODI E TECNICHE


GUIDA AGLI ENTI LOCALI, settimanale del Sole 24 Ore


Mara Maretti, Welfare locali. Studio comparativo sulla programmazione dei servizi sociali nelle regioni italiane, FrancoAngeli, 2008


Welfare locali. Studio comparativo sulla programmazione dei servizi sociali nelle regioni italiane
Autori e curatori: Mara Maretti
Contributi: Everardo Minardi
Collana: Temi dello sviluppo locale – diretta da Everardo Minardi
Argomenti: Politiche e servizi sociali
Livello: Studi, ricerche
Dati: pp. 224,     1a edizione  2008  (Cod.1791.2)
Welfare locali. Studio comparativo sulla programmazione dei servizi sociali nelle regioni italiane
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Limitata
Codice ISBN 13: 9788846499240
In breve Un’indagine condotta negli anni 2005-2007 con l’obiettivo di cogliere aspetti caratterizzanti il processo di strutturazione dei sistemi regionali, nel tentativo di comprendere in che modo e con quali criticità le Regioni costruiscono e caratterizzano il proprio sistema di servizi e interventi sociali. L’analisi comparativa dei documenti di programmazione di ventuno amministrazioni ha permesso la formulazione di un’ipotesi di raggruppamento dei ventuno contesti territoriali in quattro cluster, che rappresentano altrettanti idealtipi di welfare regionale.
Presentazione
del volume:
Il nuovo scenario in materia di politiche sociali, delineatosi a seguito della riforma del Titolo V della Costituzione e del varo della L. 328/2000, ha comportato una marcata regionalizzazione del sistema, il cui assetto complessivo volge ad una crescente integrazione. Tale processo ha prodotto disomogeneità territoriali riscontrabili tuttavia dall’analisi della normativa e della documentazione inerente la programmazione dei servizi e degli interventi sociali.
Il volume illustra i risultati di una indagine esplorativa condotta negli anni 2005-2007 il cui obiettivo è stato quello di cogliere aspetti caratterizzanti il processo di strutturazione dei sistemi regionali; nel contempo si è tentato di comprendere in che modo e con quali criticità le regioni costruiscono e caratterizzano il proprio sistema di welfare locale. La presente ricerca ha coinvolto le direzioni regionali competenti considerate testimoni chiave del processo di riforma in corso. L’analisi comparativa dei documenti di programmazione delle ventuno ammnistrazioni, unitamente alla raccolta delle opinioni dei testimoni chiave, ha permesso la definizione di elementi di forza e di debolezza dei welfare locali, e la formulazione di una ipotesi di raggruppamento dei diversi contesti territoriali in quattro cluster, che rappresentano altrettanti idealtipi di welfare regionale.

Mara Maretti è dottore di ricerca in Politiche Sociali e Sviluppo Locale presso l’Università degli Studi di Teramo e Assegnista di ricerca in Sistemi di Welfare e Valutazione di Politiche Sociali presso l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti. Si è occupata principalmente di politiche sociali, di metodologie e strumenti della partecipazione nei contesti locali, di programmazione e valutazione delle politiche pubbliche.

Indice:
Everardo Minardi, Prefazione
Introduzione
Parte I. Il contesto
Politica sociale: definizioni, attori e modelli interpretativi
(Introduzione; Lo stato delle politiche sociali; Modelli di analisi comparativa)
Nascita e sviluppo dello stato di benessere
(Introduzione; La cittadinanza; I diritti sociali; Crisi dello stato sociale nell’era della globalizzazione; La moltiplicazione dei diritti e il principio di sussidiarietà come modello di gestione della complessità; Sussidiarietà e governance)
La riforma degli interventi e dei servizi sociali in Italia
(Introduzione; La riforma dell’assistenza; Sistema di governance multilivello per le politiche sociali)
La regionalizzazione in Italia
Parte II. La ricerca
Metodologia e disegno della ricerca
(I modelli teorici di riferimento; La metodologia; Descrizione dell’indagine e disegno della ricerca)
Il percorso di attuazione della riforma del welfare regionale: le dimensioni della riforma nel sistema Paese
(Introduzione; La normativa e il sistema della programmazione sociale regionale; Elementi della programmazione sociale regionale; La spesa sociale nelle Regioni; Il sistema delle relazioni istituzionali e strumenti d’integrazione tra politiche; Attori istituzionali e professioni del sociale; La programmazione sociale locale; Il ruolo delle Province; Il rapporto tra politica e dirigenza; I servizi primari; La valutazione nei sistemi di programmazione sociale; Punti di forza e punti d debolezza della programmazione sociale regionale)
Analisi cluster dei sistemi Regionali
(L’analisi delle componenti principali; Livello di strutturazione normativa del sistema di programmazione sociale regionale; Il livello di innovazione della programmazione sociale regionale; Livello di conformità alle indicazioni della L. 328/2000; La classificazione automatica delle Regioni)
Conclusioni. La strutturazione disorganica dei sistemi di welfare regionali
(Premessa; La prospettiva teorica emergente; Vincoli e risorse della strutturazione del sistema di welfare delle Regioni; Il ruolo delle organizzazioni della società civile nel processo di strutturazione)
Appendice. Schede delle Regioni
Bibliografia.

da: Welfare locali. Studio comparativo sulla programmazione dei servizi sociali nelle regioni italiane.

Paolo Bonetti, Profili costituzionali dell’accesso ai diritti sociali nella legge regionale lombarda 3/2008, in IL MODELLO LOMBARDO DI WELFARE. Continuità, riassestamenti, prospettive, a cura di Giuliana Carabelli e Carla Facchini, Franco Angeli, 2010


Profili costituzionali dell’accesso ai diritti sociali nella legge regionale lombarda 3/2008

di Paolo Bonetti

  • Servizi sociosanitari e servizi sociali e principi costituzionali di solidarietà e di eguaglianza
  • Potestà legislativa regionale sui servizi sociali e potestà legislativa statale sui livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti sociali
  • Diverse nozioni di livelli essenziali delle prestazioni concernenti l’assistenza sociale
  • Organizzazione e svolgimento delle funzioni amministrative concernenti i servizi sociali: potestà regolamentare regionale e locale e sussidiarietà orizzontale
  • Rapporti tra la legge 328/2000 e la legge regionale 3/2008
  • Limiti derivanti dalle norme comunitarie e statali in materia di condizione giuridica degli stranieri
  • La LR 3/2008 di fronte allo statuto regionale della Lombardia e i provvedimenti attuativi della legge
  • Diritti delle “persone che accedono alla rete” delle unità di offerta sociali e sociosanitarie
  • Bisogni da soddisfare prioritariamente

in:

IL MODELLO LOMBARDO DI WELFARE

Continuità, riassestamenti, prospettive

A cura di Giuliana CarabelliCarla Facchini

Franco Angeli, 2010, p. 256

da: IL MODELLO LOMBARDO DI WELFARE. Continuità, riassestamenti, prospettive, a cura di Giuliana Carabelli e Carla Facchini, Franco Angeli, 2010 « Politica dei servizi sociali: ricerche in rete.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.617 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: