Home » 3. POLITICHE SOCIALI E DEI SERVIZI » SERVIZI » SERVIZI SOCIALI (Page 5)

Category Archives: SERVIZI SOCIALI

Claudia Marabini (Studio APS di Milano), Intervento a “Tracce di innovazione dei servizi sociali per un welfare di comunità” – 27 Marzo 2014 — Reggio Emilia


“Tracce di innovazione dei servizi sociali per un welfare di comunità” – 27 Marzo 2014 — Reggio Emilia. Intervento di Claudia Marabini (Studio APS) – Fattori qualificanti e nodi critici nello sviluppo di un nuovo sistema di servizi sociali territoriali

 

I tagli al welfare ai tempi della crisi economica: è tempo di ribassi concorrenziali sul costo del lavoro sociale? – di Davide Pizzi, su Scambi di Prospettive


 

I tagli al welfare ai tempi della crisi economica: è tempo di ribassi concorrenziali sul costo del lavoro sociale?

di Davide Pizzi*

Pizzi Davide_ Bandiera ItalianaLe statistiche negli ultimi anni parlano chiaro: la spesa sociale in Italia diminuisce drasticamente anno dopo anno. È forse questo uno dei pochi dati inequivocabili che non necessita di essere sottoposto a ulteriori studi di analisi dell’interpretazioni dei numeri percentuali di un fenomeno, perché in questo caso si può affermare con certezza che è vera l’affermazione che “la matematica non è un’opinione!” Sulla scia di questa tendenza si inseriscono le privatizzazioni e le esternalizzazioni dei servizi, tra cui quelli dedicati alle persone. Alcuni studi dimostrano invece, che privatizzare non produce affatto risparmio, come nemmeno miglior qualità del servizio.
Il concetto è sintetizzabile con questo gioco di parole: liberare per liberalizzare, liberalizzare per liberarsi! In altre parole, offrire la possibilità di decidere se mantenere o meno un servizio a completa gestione pubblica, oppure di liberalizzarlo in modo da essere “libero” da alcune responsabilità.

Leggi il resto dell’articolo

Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto, Ledizioni, 2013


Controllo Sociale

Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto

 

per acquisto vai a:  Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto

Il testo, fra le altre cose, contiene un una parte sul  legame tra politiche sociali e penali; oltre ad un inquadramento specifico sul settore penitenziario.

 

I costi delle RSA, da Forum sulla non Autosufficienza, 2014


I costi delle RSA

Quanto costano effettivamente le RSA e quali sono gli elementi determinanti la spesa? I dati relativi a questo settore di spesa pubblica e privata sono pochi e non facilmente comparabili per cui una analisi rigorosa o qualche utile esercizio di benchmarking sono difficili da realizzare

La procedura comparata di calcolo dei costi di produzione al fine di definire i costi complessivi delle RSA si scontra con le difficoltà di disporre di contabilità analitica di molte strutture pubbliche, ma anche con le diverse modalità di contabilizzazione dei costi di soggetti privati. Quali sono le risultanze delle poche ricerche e studi che si sono realizzati in materia? Abbiamo cercato di sintetizzarli nelle pagine che seguono al fine di verificare la possibilità di trarne delle indicazioni convergenti o comunque utili per interpretare la realtà attuale e dare utili indicazioni a chi deve misurarsi con la gestione delle RSA e con la determinazione delle tariffe di riferimento.

Per cercare di comprendere gli elementi determinanti dei costi delle RSA sono stateraccolte 5 ricerche sui costi analitici delle RSA (Pesaresi, 2013).

segue qui

Forum sulla non Autosufficienza.

la Fondazione Cariplo ha presentato il nuovo bando sociale “Welfare di comunità e innovazione sociale”, scadenza 30 maggio 2014


Il 31 marzo Fondazione Cariplo ha presentato il nuovo bando sociale “Welfare di comunità e innovazione sociale”. L’intento è quello di avviare sperimentazioni che, coinvolgendo le diverse anime della comunità, permettano diporre in rete le risorse e le forze presenti sui territori delle province lombarde, di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola per rispondere più efficacemente ai bisogni dei singoli e delle famiglie.

Per raggiungere questo obiettivo ambizioso Cariplo ha deciso di mettere sul piatto una cifra considerevole, 10 milioni di euro, destinata agli attori pubblici e privati che sceglieranno di intraprendere un percorso di programmazione territoriale, aperta e partecipata, finalizzato a cambiare il welfare locale. I soggetti interessati saranno invitati a mettersi insieme, confrontarsi e proporre congiuntamente idee che possano cambiare il volto delle politiche sociali che, come è sotto gli occhi di tutti, ormai da diversi anni faticano a fornire risposte ai rischi e bisogni cui si trovano quotidianamente esposti i cittadini.

Le reti pubblico-private che si costituiranno in questi mesi avranno tempo fino al 30 maggio per presentare idee progettuali finalizzate alla realizzazioni di sistemi territoriali di welfare comunitario, che dovranno essere capaci di produrre innovazione in merito alle modalità di risposta alle problematiche sociali. Le proposte migliori che saranno selezionate da Fondazione Cariplo verranno quindi sostenute ed accompagnate nelle successive fasi di realizzazione e lo sviluppo.

Dallo Stato alla comunità: una nuova idea di welfare

“Di solito non sono enfatico, ma oggi ho deciso di lasciarmi andare: siamo qui per provare una vera e propria rivoluzione”: queste le parole di Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo, nel corso della presentazione del nuovo bando sociale. Guzzetti ha ricordato come ci sia stato un periodo felice per il welfare in cui, grazie a tante risorse disponibili, si pensava che attraverso l’intervento pubblico si potesse rispondere a tutti i bisogni sociali, “ma oggi non è più così”. “La vera domanda che dobbiamo porci oggi è: se si può convertire il welfare statale in un welfare di comunità? La comunità, la persona, il territorio, si possono affiancare allo Stato nella risposta ai bisogni sociali?”.

vai a.

Carlone Ugo, INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE SOCIALE come cosa, perchè, Morlacchi editore, 2014, p. 176


www.morlacchilibri.com

2014-04-01_110712

2014-04-01_110532 2014-04-01_110600 2014-04-01_110624 2014-04-01_110638

I SERVIZI DOMICILIARI: RACCONTARE E RACCONTARSI, a cura di Beatrice Longoni, 15 aprile 2014 Spazio Seicentro Via Savona ,99 Milano Orario 14.30 -17.30, iniziativa di Cogess, cooperativa sociale, 15 aprile 2014


Iniziativa di Cogess cooperativa sociale

I SERVIZI DOMICILIARI:

RACCONTARE E RACCONTARSI

15 aprile 2014

Spazio Seicentro, Via Savona ,99 Milano

Orario 14.30 – 17.30

 

 

Alleghiamo il programma  dell’evento con la richiesta di darne ampia diffusione.

 

Abbiamo scritto del nostro lavoro , fra ricerca e testimonianza ..scrivere chiarifica,

rende consapevoli, fa crescere e comunica…

è un mezzo potente

per coloro che pensano con il cuore e sentono con il cervello

 

 

Sono stati richiesti i crediti per la formazione continua all’Ordine Regionale Assistenti Sociali

2014-03-26_181116 2014-03-26_181159

locandina:  Cogess programma Milano 15-4-2014

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.819 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: