Domenico Quirico, Malati di Aids, l’epidemia dei sessantenni, La Stampa

Alle statistiche la dimensione del fenomeno. Alla loro lettura, invece, il cammino dell’Aids che scivola come acqua o olio tra le fessure di una difesa debole. Era la «peste» dei drogati, non lo è più. Era l’inferno dei gay, lo è meno. È contagio che si sparge fra eterosessuali dai venticinque ai quarant’anni, ma pure tra i giovanissimi e i cinquanta-sessantenni che hanno ritrovato una vita sessuale con i farmaci che risvegliano vigore.

l’intero articolo è qui:

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.