Massimo Tanzi, “Risvegli” di Oliver Sacks e le emozioni di uno studente di medicina | Muoversi Insieme, Stannah

Fra il 1917 e il 1927, una grave epidemia di encefalite letargica (malattia del sonno) invase il mondo. Circa cinque milioni di persone furono colpite da quel male.Improvvisamente, e in modo misterioso per l’epoca, l’epidemia scomparve come era sopraggiunta.Solo pochi malati sopravvissero, rimanendo in una sorta di perpetuo torpore (Parkinsonismo post-encefalitico).Dal 1969, fino al 1972, il dottor Oliver Sacks somministrò un nuovo farmaco a più di duecento di questi malati al Mount Carmel Hospital di New York. Questo farmaco permise di risvegliarli.Il dottore in questione scrisse successivamente (1973) un libro, “Risvegli”, nel quale racconta le storie di venti di loro, facendosi strada all’interno delle esperienze più remote e inaccessibili dei suoi pazienti, che rappresentano ciascuno un mondo a sé stante, pur avendo vissuto gran parte della vita in un contesto inaccessibile.

vai all’articolo:

“Risvegli” di Oliver Sacks e le emozioni di uno studente di medicina | Muoversi Insieme

Blogged with the Flock Browser

Un commento

  1. Illuminante! Insieme ad Alfredo Profeta e Giancarlo Schiaffini trasferiremo su CD echi, emozioni e “risvegli” tracimati dal fiume di cxxxxxe impostoci da sempre più invadenti mass-media.
    In omaggio all’amico Mario Schiano.
    Benvenuto sia chi aggregarsi vuole.
    Toni Cosenza – 29/1/2010

    "Mi piace"

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.