Breve il divorzio, minore il trauma dei figli. Ma la Camera ragiona al contrario | Libertiamo.it

….

Cosa propongono le proposte di legge in discussione e quelle escluse?

Delle tre in esame, quella del relatore Paniz, la più controversa ed incomprensibile, stabilisce una riduzione da tre ad un anno dell’obbligo di separazione legale solo nel caso in cui la coppia non abbia figli minori, altrimenti tutto rimane invariato, prevede che la comunione dei coniugi si scioglie nel momento in cui, in sede di udienza presidenziale, il presidente autorizza i coniugi a vivere separati. La seconda proposta, quella della deputata Sesa Amici del PD, considerata più “equilibrata”, prevede una riduzione dei termini da tre ad un anno in tutti i casi. Una riduzione ancora maggiore è stabilita invece dall’ultima proposta, quella dell’on. Marcello De Angelis: sei mesi di separazione obbligatoria, ma nel caso vi siano figli minori di 14 anni il termine si allunga ad un anno.

La prima considerazione da fare è che in due delle proposte menzionate la presenza di figli minori allunga i termini. Questa soluzione è esclusivamente dettata dalla ipocrita speranza che si possano evitare in tal modo le obiezioni di quella parte politica ideologicamente contraria a qualsiasi riforma della legge sul divorzio. Tuttavia, se tale parte politica è pregiudizialmente contraria ad una riforma e nessuna soluzione di compromesso può smorzarne le obiezioni, tanto vale non compromettersi. Cosa comporta, dal punto di vista concreto, questa differenziazione in presenza di figli minori? Nessun esperto professionista della materia potrà dirvi che la separazione dei coniugi non sia un trauma per i figli, ma non è certamente allungando il tempo della separazione per ottenere il divorzio che questo trauma si lenisce, tutt’altro.

Dal momento in cui papà e mamma vengono autorizzati a vivere separati, smettono di litigare in casa ed iniziano con gli avvocati senza alcuna rete per i figli, che si trovano spesso al centro delle vicende legali dei genitori. Certamente più è lunga questa fase, più tempo passa, più si rischia che i coniugi si incattiviscano, talvolta spinti da parenti, amici e legali sconsiderati, con la conseguenza di aggravare il trauma dei figli. A tutto questo andrebbe posto rimedio con la riforma del divorzio, e non certo con una semplice riduzione dei termini della separazione legale, che è comunque legata anche ai tempi della giustizia civile, difforme nelle varie realtà del Paese, certamente tra le più lente al mondo, al 156° posto su 181 paesi presi in esame dalla Banca mondiale  ….

SEGUE: Breve il divorzio, minore il trauma dei figli. Ma la Camera ragiona al contrario | Libertiamo.it

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.