Ecco l’atlante della buona morte – Corriere della Sera

….

è stato un centro studi anglosassone, TheEconomist Intelligence Unit (elabora analisi e previsioni per il gruppo editoriale che pubblica The Economist) che ha messo sotto esame 40 Paesi e il modo in cui accompagnano i loro cittadini negli ultimi giorni, stilando anche una classifica: la Gran Bretagna è risultato il posto dove si dà la migliore assistenza di fine vita, l’Italia si piazza solo ventiquattresima, soprattutto per politiche contraddittorie e un accesso discontinuo alle terapie antidolore.

IL PIL CONTA POCO – Commissionata dalla Lien Foundation di Singapore, la ricerca è stata condotta per elaborare un indice utile a misurare la capacità di fornire assistenza di fine vita. Quaranta nazioni sono state valutate con una batteria di 24 indicatori e l’ausilio di sociologi, economisti, medici e specialisti in cure palliative, per vedere come sono in grado di occuparsi dei malati quando la guarigione diventa improbabile. I risultati hanno messo in chiaro che, anche se la vita media va allungandosi, le cure palliative sono una strategia in pochi luoghi al mondo e, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, in questo campo Paesi ricchi non sono necessariamente i più virtuosi. Secondo la Worldwide Palliative Care Alliance, nel mondo meno dell’otto per cento di chi ne avrebbe bisogno accede a hospice e cure palliative.

ANGLOSASSONI IN TESTA – In cima alla lista figura la Gran Bretagna, nonostante sia «lontana dall’avere un sistema sanitario perfetto» – scrivono i ricercatori -, soprattutto per la grande consapevolezza della popolazione, per la formazione del personale, l’accesso ai farmaci antidolore e per la trasparenza nella comunicazione fra medico e paziente. Con l’Australia seconda e terza la Nuova Zelanda, la classifica vede diversi Paesi ricchi in posizioni arretrate: Danimarca, Giappone, Italia fra il ventiduesimo e ventiquattresimo posto. In fondo, Cina, Brasile, India e Uganda, con alcune eccezioni interne, come lo stato indiano del Kerala, che spicca per i servizi di assistenza a domicilio e in hospice. «In Italia lo sviluppo delle cure palliative ha avuto una storia discontinua con una mancanza di coordinamento e fino a tempi recenti un accesso inadeguato ai farmaci oppiacei» ha commentato David Clark, esperto dell’università di Glasgow e fondatore dell’International Observatory on End of Life Care, l’osservatorio internazionale sull’assistenza di fine vita.

I TABÙ SI PAGANO CARI – The Economist Intelligence Unit ha tratto dai risultati dello studio e delle interviste agli esperti cinque conclusioni. Primo: combattere i tabù culturali sulla percezione della morte è fondamentale per migliorare le cure palliative.

….

Ecco l’atlante della buona morte – Corriere della Sera.

Un commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.