Se l’imperativo categorico deve essere l’abbattimento delle liste di attesa, allora le sole forze dell’ente locale non bastano. L’amministrazione ha così scelto il percorso di accreditamento dei nidi, per ampliare l’offerta di posti disponibili sul territorio, Sesto S. G. , Cinisello B.

Sesto San Giovanni, 2 marzo 2011 – Se l’imperativo categorico deve essere l’abbattimento delle liste di attesa, allora le sole forze dell’ente locale non bastano. L’amministrazione ha così scelto il percorso di accreditamento dei nidi, per ampliare l’offerta di posti disponibili sul territorio.

Una strada intrapresa già dal 2004 — con due anni di anticipo sulla Regione — che l’altra sera ha portato il Consiglio comunale ad approvare il regolamento con i requisiti e le procedure per l’accreditamento. Cambiano infatti le modalità per i servizi alla prima infanzia, nidi e micronidi.

«L’obiettivo è innalzare gli standard qualitativi dei servizi e realizzare un sistema integrato, mettendo in rete le strutture pubbliche, quelle del privato sociale e del privato accreditato — spiega l’assessore all’Educazione Monica Chittò — Il testo nasce dall’esperienza di collaborazione di questi anni tra l’amministrazione e il privato sociale accreditato». Un’esperienza che, già nel 2004, aveva fatto di Sesto «un Comune prototipo. In Lombardia non esisteva un modello equivalente: solo recentemente la Regione ha definito i criteri di accreditamento». Le strutture private che hanno intenzione di offrire il loro servizio, oltre alle normative stabilite dal Pirellone, dovranno dimostrare di avere anche i requisiti aggiuntivi richiesti dal Comune.

Si va da un’esperienza di almeno tre anni nella gestione dei servizi sociali per la prima infanzia all’adeguata professionalità degli educatori, dalla condivisione con l’amministrazione di percorsi per la definizione del progetto educativo all’attività di aggiornamento del personale fino alla disponibilità per iniziative di coordinamento con gli altri servizi dedicati ai bimbi presenti in città.

«Sono requisiti indispensabili per garantire che le strutture accreditate rispondano appieno agli alti standard di quelle pubbliche. Non assumiamo solo un ruolo burocratico, ma rimaniamo parte attiva nei servizi alla prima infanzia, facendoci garanti e promotori di un ampliamento dell’offerta». Soddisfatto anche il Pdl. «Finalmente il nostro modello di sussidiarietà è passato anche a Sesto — commenta la capogruppo Franca Landucci — Basta con il monopolio pubblico, finalmente si pensa a un’offerta che soddisfa i bisogni con un libero confronto tra statale e privato».

Voti tutti favorevoli, solo la Lega si è astenuta: presentati nove emendamenti, non ne è passato neanche uno. Tra le proposte di Alessandra Tabacco, dare priorità ai nuclei familiari residenti a Sesto da dieci anni. «Ho chiesto anche più controlli da parte della commissione di esperti: uno all’anno è poco, anche se l’organo può uscire su segnalazione».

da: Il Giorno – Sesto Cinisello – Volete aprire un nido privato? I requisiti si fanno più severi.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.