squadristi – taxisti aggrediscono Massimo Cacciari, Genova 20 gennaio 2012

Eversione, dal latino “evertere”: abbattere

Insieme di atti violenti e criminosi, volti a creare disordine, sconvolgimento specialmente politico

Sfumature linguistiche: distruzione, abbattimento, rovina …

da IL VOCABOLARIO DELLA LINGUA ITALIANA, Treccani

———————————————————————————————–

La rabbia dei tassisti a Genova: aggredito Massimo Cacciari
Nuova Venezia
La rabbia dei tassisti di Genova prende di mira l’ex sindaco Massimo
Cacciari. Un gruppo di tassisti infatti nel capoluogo ligure l’ha inseguito
e aggredito. Cacciari aveva appena partecipato a un convegno e stava
tornando in albergo col presidente …
<http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/01/21/news/la-rabbia-dei-tassisti-a-genova-aggredito-massimo-cacciari-1.3091427>

Cacciari aveva appena partecipato a un convegno e stava tornando in albergo col presidente della comunità ebraica Piero Dello Strologo e l’ex assessore all’urbanistica Mario Epifani. L’ex sindaco è riuscito a rifugiarsi all’interno dell’hotel Bristol grazie all’intervento dei vigili urbani.

Mentre ritornava in alberto, qualcuno ha riconosciuto Cacciari e ha cominciato a insultarlo. «Bravi, bravi, voi del Pd si avete fatto un bel regalo». Cacciari tira dritto. Non pensa neppure che quelle parole siano indirizzate proprio a lui. Dal gruppo di tassisti si stacca un drappello di esasperati. Inseguono i tre e quando imboccano i portici della Borsa li accerchiano. Cacciari si ferma. «Ma che vi ho fatto io?», fa segno con la mano. Continua a camminare. Una decina di tassisti lo accerchia, comincia a strattonarlo. Uno, con il volto coperto da una sciarpa si rivolge così a Dello Strologo. «Stavolta passi e non ti facciamo niente, ma sappi che se finisce male, diamo fuoco alla città».

Nel frattempo Cacciari ed Epifani hanno attraversato via Venti. Sono a poche decine di metri dal Bristol. Momenti di follia: scatta la caccia all’uomo. Cacciari a stento riesce a rifugiarsi dentro il Bristol e deve ringraziare i vigili che a fatica riescono a creare un cordone di sicurezza. Un operatore di una televisione locale viene spintonato e preso a calci da due manifestanti con il volto coperto. Quindi i tassisti minacciano gli altri cronisti e li «invitano» ad andarsene.

«Mi dispiace per quello che accaduto, mi sono scusato a nome della categoria con Cacciari e le persone che erano con lui», dice amareggiato Valter Centenaro, presidente della Cooperativa Radio Taxi di Genova.

Un commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.