A partire dagli anni ’50, l’Italia diventa luogo di approdo per flussi di rifugiati politici di varia provenienza … , Paolo Mieli e Silvia Salvatici, Rai Storia/Passato e Presente, 18 gen 22

A partire dagli anni ’50, l’Italia diventa luogo di approdo per flussi di rifugiati politici di varia provenienza legati soprattutto alle dinamiche della guerra fredda.
I primi profughi arrivano dall’Europa orientale, in particolare dall’Ungheria dopo il 1956.
La fallita rivoluzione antisovietica e la repressione dell’Armata Rossa spingono circa 180mila ungheresi a fuggire dal Paese: circa 4.000 troveranno accoglienza in diversi campi di raccolta organizzati e gestiti dalla Croce Rossa.
Oggi #18gennaio ne parliamo a #PassatoePresente alle 13:15 su Rai3 e alle 20:30 su #RaiStoria,con Paolo Mieli e Silvia Salvatici.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.