MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Category Archives: Cure palliative

AUDIO della presentazione del libro: L’AZZURRO OLTRE LE FOGLIE. Racconti e poesie di vita attraverso le fatiche, Alessandro Dominioni editore, per la 1° edizione del Premio Letterario ASSOCIAZIONE ANTONIO e LUIGI PALMA. 18 maggio 2017, alla Fondazione Ca’ d’Industria, COMO. Voce narrante di Giorgio Masciocchi; accompagnamento musicale di Jordan Corda. Interventi di: Palma Angelo, Castelli Maria, Paolo Ferrario, Paola Giussani e Chiara Magatti


Cure palliative pediatriche in Italia: stato dell’arte e criticità. A cura di Enrico Alleva, Franca Benini, Anna De Santi, Andrea Geraci e Marcello Orzalesi,  2017, Istituto Superiore di Sanità


17/6 – Cure palliative pediatriche in Italia: stato dell’arte e criticità. A cura di Enrico Alleva, Franca Benini, Anna De Santi, Andrea Geraci e Marcello Orzalesi 2017, v, 39 p. (1 allegato)

Sorgente: Istituto Superiore di Sanità: Benvenuti

L’AZZURRO OLTRE LE FOGLIE. Racconti e poesie di vita attraverso le fatiche, , Alessandro Dominioni editore, 2016. Vincitori e migliori opere della I edizione del Premio Letterario Associazione Antonio e Luigi Palma 2016


palma associazione481

palma associazione472palma associazione473palma associazione474palma associazione475palma associazione476palma associazione477palma associazione478palma associazione479palma associazione480

palma associazione482

palma associazione483palma associazione484

palma associazione481

Marina Sozzi, Sia fatta la mia volontà. Ripensare la morte per cambiare la vita, ChiareLettere, 2014


SOZZI410SOZZI411SOZZI412SOZZI413SOZZI414

Maria Tagliabue, Quando muore un bambino, tesi di laurea, Università degli studi di Milano-Bicocca, Master in Cure Palliative, 2010/2011


MUORE BAMBINO396MUORE BAMBINO397MUORE BAMBINO398MUORE BAMBINO399

MUORE BAMBINO395

la SOFFERENZA NELLA MALATTIA, a cura dell’Associazione A.Ma.Te. onlus e l’RSA San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate. Relazioni: 1. Paolo Ferrario: LE CURE PALLIATIVE E IL SISTEMA DEI SERVIZI: ASPETTI SOCIODEMOGRAFICI E LEGISLAZIONE; 2. Fabio Gabrielli, LA SOFFERENZA NELLA MALATTIA: ASPETTI FILOSOFICI E FILANTROPICI. Faloppio (Co), 16 marzo 2017. AUDIO, DISPENSA, APPUNTI


3° serata del corso di FORMAZIONE:

La sofferenza nella malattia:

comprenderne le cause, i bisogni e i desideri

cura dell’Associazione A.Ma.Te. onlus e l’RSA San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate


AUDIO

Introduzione di Martinelli

intervento di Iris Bizzanelli, assessore ai servizi sociali del Comune di Faloppio

Relazione di Paolo Ferrario: LE CURE PALLIATIVE E IL SISTEMA DEI SERVIZI: ASPETTI SOCIODEMOGRAFICI E LEGISLAZIONE

Dispensa (clicca sulla prima immagine per vedere le slides in sequenza)

Questo slideshow richiede JavaScript.

QUI la dispensa in formato dbf scaricabile:

Paolo Ferrario CURE PALLIATIVE FALOPPIO 16MAR2017 in formato dbf


Relazione di Fabio Gabrielli, preside della Facoltà di Scienze Umane e ordinario di Antropologia Filosofica dell’Università Ludes di Lugano

Appunti (a cura di Paolo Ferrario)

GABRIELLI286GABRIELLI287GABRIELLI288

MANTELLO293MANTELLO294MANTELLO295MANTELLO296

2017-02-07_234424

Ministero della Salute – Direzione generale della programmazione delle cronicità, PIANO NAZIONALE DELLA CRONICITA’, 15 febbraio 2016


piano cronicità

qui il file in formato pdf

PIANO_CRONICITA

LOMBARDIA – DGR 5918 del 28.11.2016 – Evoluzione del modello organizzativo delle Cure Palliative Lombarde


LOMBARDIA – DGR 5918 del 28.11.2016 – Evoluzione del modello organizzativo delle Cure Palliative LombardeStampa

DGR 5918 del 28.11.2016 – Disposizioni in merito alla evoluzione del modello organizzativo della rete delle Cure Palliative della Lombardia: integrazione dei modelli organizzativi sanitario e sociosanitario

Per leggere o scaricare la Delibera clicca qui

La Delibera è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regione Lombardia, Serie ordinaria n. 48 del 2 dicembre 2016, pag. 30

Il testo sulle  Cure Palliative pubblicato sul Burl clicca qui

Sorgente: LOMBARDIA – DGR 5918 del 28.11.2016 – Evoluzione del modello organizzativo delle Cure Palliative Lombarde

Paolo Ferrario: LE CURE PALLIATIVE E IL SISTEMA DEI SERVIZI: ASPETTI SOCIODEMOGRAFICI E LEGISLAZIONE. Relazione all’interno del percorso formativo: la SOFFERENZA NELLA MALATTIA, a cura dell’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo, Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate, 16 febbraio 2017. AUDIO e DISPENSA


 AUDIO


DISPENSA in formato dbf:

Paolo Ferrario CURE PALLIATIVE FALOPPIO 16MAR2017 in formato dbf


SLIDES DELLA RELAZIONE

2017-03-14_135531

CLICCA SULLA PRIMA IMMAGINE

PER VEDERE LE SLIDES IN SEQUENZA


il PERCORSO FORMATIVO complessivo

Quattro appuntamenti per approfondire tutto ciò che ruota attorno all’assistenza nel fine vita. “La sofferenza nella malattia: comprenderne le cause, i bisogni e i desideri” è il titolo del percorso informativo organizzato dall’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate che prenderà il via giovedì 16 febbraio nell’Auditorium di Faloppio

Il primo incontro tratterà il tema della cultura delle cure palliative e prevede l’intervento di Carla Longhi, primario dell’U.O. Cure Palliative Hospice dell’Asst Lariana, e di Maurizio Ferretto, direttore sanitario dell’Hospice San Martino e dell’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratell.

Il 9 marzo, invece, l’argomento sarà “Il principio di sussidiarietà – il ruolo del volontariato”su cui relazionerà Luca Moroni, presidente della Federazione Italiana Cure Palliative.

Il 16 marzo, invece, saranno affrontati i problemi sociodemografici e gli aspetti normativi, filosofici e filantropici che riguardano questo ambito con Paolo Ferrario, docente e ricercatore, curatore del blog mappeser.com, e Fabio Gabrielli, preside della Facoltà di Scienze Umane e ordinario di Antropologia Filosofica dell’Università Ludes di Lugano.
L’ultima serata sarà dedicata all’accompagnamento spirituale all’uomo morente. Interverrà padre Giacomo Bonaventura, camilliano, cappellano dell’ospedale Niguarda di Milano. L’iniziativa è patrocinata dalla Federazione italiana Cure Palliative, dall’Asst Lariana, dal Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese e dal Comune di Faloppio.

faloppio5067

2017-02-07_234424

Sorgente: La SOFFERENZA NELLA MALATTIA: percorso informativo e formativo a cura dell’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate, 16 febbraio, all’Auditorium di Faloppio (Como) in Via Roma. Date: 16 febbraio, 9 e 16 marzo, 6 aprile 2017 « MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

LUCA MORONI, Il principio di sussidiarietà e il ruolo del volontariato. All’interno del corso: La SOFFERENZA NELLA MALATTIA: percorso informativo e formativo a cura dell’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate, all’Auditorium di FALOPPIO (Como) in Via Roma il 9 marzo 2017. APPUNTI e AUDIO della serata


2017-03-07_143219

 Martinelli: introduzione

Maroni, consigliera regionale

Fermi, sotto segretario regionale

Soru, direttore

LUCA MORONI: RELAZIONE (1 ORA e 4 minuti):

qui la stessa relazione in formato mp3 scaricabile:

https://polser.files.wordpress.com/2017/03/5-relazione-moroni.mp3


moroni palliative 9 mar 2017205moroni palliative 9 mar 2017206moroni palliative 9 mar 2017207moroni palliative 9 mar 2017208moroni palliative 9 mar 2017209moroni palliative 9 mar 2017210moroni palliative 9 mar 2017211


il PERCORSO FORMATIVO:

Quattro appuntamenti per approfondire tutto ciò che ruota attorno all’assistenza nel fine vita. “La sofferenza nella malattia: comprenderne le cause, i bisogni e i desideri” è il titolo del percorso informativo organizzato dall’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate che prenderà il via giovedì 16 febbraio nell’Auditorium di Faloppio

Il primo incontro tratterà il tema della cultura delle cure palliative e prevede l’intervento di Carla Longhi, primario dell’U.O. Cure Palliative Hospice dell’Asst Lariana, e di Maurizio Ferretto, direttore sanitario dell’Hospice San Martino e dell’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratell.

Il 9 marzo, invece, l’argomento sarà “Il principio di sussidiarietà – il ruolo del volontariato”su cui relazionerà Luca Moroni, presidente della Federazione Italiana Cure Palliative.

Il 16 marzo, invece, saranno affrontati i problemi sociodemografici e gli aspetti normativi, filosofici e filantropici che riguardano questo ambito con Paolo Ferrario, docente e ricercatore, curatore del blog mappeser.com, e Fabio Gabrielli, preside della Facoltà di Scienze Umane e ordinario di Antropologia Filosofica dell’Università Ludes di Lugano.
L’ultima serata sarà dedicata all’accompagnamento spirituale all’uomo morente. Interverrà padre Giacomo Bonaventura, camilliano, cappellano dell’ospedale Niguarda di Milano. L’iniziativa è patrocinata dalla Federazione italiana Cure Palliative, dall’Asst Lariana, dal Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese e dal Comune di Faloppio.

faloppio5067

2017-02-07_234424

Sorgente: La SOFFERENZA NELLA MALATTIA: percorso informativo e formativo a cura dell’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate, 16 febbraio, all’Auditorium di Faloppio (Como) in Via Roma. Date: 16 febbraio, 9 e 16 marzo, 6 aprile 2017 « MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Eric-Emmanuel Schmitt , Oscar e la dama rosa, edizioni E/O


Testa Pelata ha dieci anni e il soprannome gliel’hanno dato per via del cranio completamente pelato a causa delle cure per il cancro a cui si sottopone. La sua vita trascorre in ospedale, in un reparto riservato ai bambini con malattie gravi, i suoi unici amici. Soffre, sa che cure e trapianti non hanno avuto buon esito, sa che presto morirà, eppure quello che a prima vista sembrerebbe un quadro funesto si rivela una meravigliosa e movimentata avventura per merito di Nonna Rose, una “dama rosa”, come vengono chiamate le volontarie che prestano assistenza ai degenti, per via, appunto, del camice rosa che indossano. Nonna Rose trasforma gli ultimi dodici giorni di vita del bambino in un’epopea rutilante di avvenimenti, gli fa vivere l’esistenza che non vivrà, lo mette in grado di vedere esauditi desideri che non avrebbe avuto il tempo di desiderare.

Sorgente: Oscar e la dama rosa

La SOFFERENZA NELLA MALATTIA: percorso informativo e formativo a cura dell’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate, 16 febbraio, all’Auditorium di Faloppio (Como) in Via Roma. Date: 16 febbraio, 9 e 16 marzo, 6 aprile 2017


Quattro appuntamenti per approfondire tutto ciò che ruota attorno all’assistenza nel fine vita. “La sofferenza nella malattia: comprenderne le cause, i bisogni e i desideri” è il titolo del percorso informativo organizzato dall’Associazione A.MaTe onlus e l’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratelli di Solbiate che prenderà il via giovedì 16 febbraio nell’Auditorium di Faloppio

Il primo incontro tratterà il tema della cultura delle cure palliative e prevede l’intervento di Carla Longhi, primario dell’U.O. Cure Palliative Hospice dell’Asst Lariana, e di Maurizio Ferretto, direttore sanitario dell’Hospice San Martino e dell’R.S.A. San Carlo Borromeo Fatebenefratell.

Il 9 marzo, invece, l’argomento sarà “Il principio di sussidiarietà – il ruolo del volontariato”su cui relazionerà Luca Moroni, presidente della Federazione Italiana Cure Palliative.

Il 16 marzo, invece, saranno affrontati i problemi sociodemografici e gli aspetti normativi, filosofici e filantropici che riguardano questo ambito con Paolo Ferrario, docente e ricercatore, curatore del blog mappeser.com, e Fabio Gabrielli, preside della Facoltà di Scienze Umane e ordinario di Antropologia Filosofica dell’Università Ludes di Lugano.
L’ultima serata sarà dedicata all’accompagnamento spirituale all’uomo morente. Interverrà padre Giacomo Bonaventura, camilliano, cappellano dell’ospedale Niguarda di Milano. L’iniziativa è patrocinata dalla Federazione italiana Cure Palliative, dall’Asst Lariana, dal Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese e dal Comune di Faloppio.

faloppio5067

2017-02-07_234424

LIBRI in tema di CURE PALLIATIVE, a cura dalla associazione Accanto di COMO, www.accanto-onlus.it


STO STUDIANDO PER IMPARARE A MORIRE

Antonio Thellung
Altrimedia edizioni

SONO VIVO ED È SOLO L’INIZIO

Laura Campanello
Mursia

CADUTO FUORI DAL TEMPO

David Grossman
Mondadori

HO VISSUTO LA TUA MORTE

Gerda Lerner
Giunti, 1996

I DOLORI CHE CI CAMBIANO

Anna Salvo
Mondadori

LA MORTE E IL MORIRE

E. Kubler-Ross
Cittadella Editrice, 1984

CAPITA

Gina Lagorio
Garzanti, 2005

LA FINE È IL MIO INIZIO

Tiziano Terzani
Longanesi, 2006

OSCAR E LA DAMA IN ROSA

Eric-Emmanuel Schmitt
Rizzoli 2004

LA MORTE AMICA

Marie De Hennenzel
Rizzoli

SAPER ACCOMPAGNARE. AIUTARE GLI ALTRI E SE STESSI AD AFFRONTARE LA MORTE

Frank Ostaseski
Mondadori 2006

MILLE FILI MI LEGANO QUI. VIVERE LA MALATTIA

Silvia Bonino
Laterza, 2006

COSA SOGNANO I PESCI ROSSI

Marco Venturino
Mondadori, 2005

IL CASO DI SARONNO: E’ IRRESPONSABILE METTERE SOTTO ACCUSA LA SEDAZIONE PALLIATIVA, a cura del Comitato per l’etica del fine vita, dicembre 2016


Il Comitato per l’etica di fine vita (CEF), impegnato da venticinque anni, nella riflessione e nel dibattito sulle questioni etico-giuridiche sollevate dall’assistenza ai malati affetti da patologie a prognosi infausta e/o giunte alla fase terminale, ritiene doveroso denunciare la pericolosità e gli effetti disinformativi di messaggi mediatici diffusi nel contesto di trasmissioni di largo ascolto, il cui obiettivo dovrebbe essere, al contrario, quello della corretta informazione al pubblico…. segue…

vai a:

Sorgente: Dichiarazioni anticipate di trattamento | Comitato per l’etica di fine vita

La nuova frontiera delle cure palliative, la quarta età, di Marina Sozzi | Si può dire morte


modificare il modello d’intervento, costruendo un approccio palliativo progressivo, consapevoli dell’era della cronicità in cui siamo entrati, e dell’esigenza di personalizzare le cure per tutti, ma a maggior ragione per gli anziani. Ciò non significa abbandonare terapeuticamente pazienti che possano ancora trarre un beneficio significativo da un intervento anche invasivo, ma non infliggerlo a persone che non hanno possibilità di sopravvivere ad esso un tempo congruo, con una qualità di vita compatibile con la loro visione della propria dignità. Occorre per questo fare un altro passo verso il coinvolgimento del paziente nel percorso di cura, grande sfida per la medicina di questo secolo. Un passo che comporta: a) di partire da una corretta informazione, che prospetti rischi e benefici per la salute fisica e mentale di ciascuno; b) di concertare le cure con il paziente, con rispetto per il suo mondo interiore e le sue possibilità di comprensione, c) di dargli la possibilità di esprimere le proprie preferenze (anche con un po’ di anticipo rispetto alla situazione concreta della scelta terapeutica, soprattutto in considerazione dell’incidenza delle demenze senili oggi).

VAI ALLA INTERA SCHEDA QUI

Sorgente: La nuova frontiera delle cure palliative, la quarta età, di Marina Sozzi | Si può dire morte

VIVILA TUTTA. Il diritto alle cure palliative, 11 novembre 2016, Università degli Studi di Milano, via Festa del perdono 7, ore 10


2016-10-28_123248

Regione Lombardia, GRUPPO DI LAVORO E COORDINAMENTO PER LE CURE PALLIATIVE Sottogruppo: “INTEGRAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI SOCIO SANITARIO E SANITARIO IN ATTUAZIONE DELLA DGR IX/4610/2012”


VAI AL DOCUMENTO N FORMATO PDF

Regione Lombardia, GRUPPO DI LAVORO E COORDINAMENTO PER LE CURE PALLIATIVE Sottogruppo: “INTEGRAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI SOCIO SANITARIO E SANITARIO IN ATTUAZIONE DELLA DGR IX/4610/2012”

CURE PALLIATIVE NELLA REGIONE LOMBARDIA, LETTERA APERTA ALL’ASSESSORE AL WELFARE DI REGIONE LOMBARDIA GIULIO GALLERA, Luca Moroni (Presidente Federazione Cure Palliative Onlus e Direttore Hospice di Abbiategrasso), 24 ottobre 2016


le sottolineature in rosso sono di Paolo Ferrario


LETTERA APERTA ALL’ASSESSORE AL WELFARE DI REGIONE LOMBARDIA GIULIO GALLERA

Milano, 24 ottobre 2016

Egregio Assessore,

dopo 30 anni di battaglie potrebbe essere la volta buona! Nell’attuazione della riforma del Sistema Sociosanitario Lombardo vediamo oggi infatti un’occasione straordinaria per realizzare in Lombardia una Rete di Cure Palliative capace di rispondere sempre meglio ai bisogni di tutte le persone affette da una malattia inguaribile in fase avanzata e delle loro famiglie. È un’occasione che non vogliamo perdere.

La Lombardia è la regione in cui sono nate e si sono sviluppate le Cure Palliative grazie al forte impulso di professionisti motivati e del mondo del non profit e grazie ad una normativa regionale che ha spesso anticipato quella nazionale.

Come sa un gruppo di esperti nell’ambito delle Cure Palliative, nominato dalla Regione, ha redatto e consegnato al Suo Assessorato un documento molto articolato, che rappresenta una proposta operativa e pragmatica, frutto del confronto tra i più capaci professionisti lombardi e nazionali e dell’analisi di traguardi raggiunti ed errori compiuti in questi anni.

Da un punto di vista tecnico la proposta traduce in requisiti e standard alcuni dei principi ispiratori della riforma del Sistema Sociosanitario Lombardo e dei valori delle Cure Palliative:

“Le persone affette da malattie inguaribili e le loro famiglie vanno orientate e accompagnate in modo da ricevere costantemente e senza interruzione, l’assistenza coerente con i bisogni e le aspettative”. Per questo i molti Hospice e le Unità di Cure Palliative Domiciliari, che oggi operano ancora troppo spesso in modo autonomo e frammentario, devono potersi coordinare attraverso specifiche modalità organizzative e costituire davvero una Rete Locale di Cure Palliative. Allo stesso modo gli specialisti ospedalieri e i medici di famiglia sono chiamati a lavorare insieme alle équipe di cure palliative per concordare il percorso di cura più adatto al singolo malato e alla sua famiglia.

“Sono i servizi ad adattarsi ai bisogni deli malati inguaribili e non viceversa”. Per questo occorre più flessibilità nei modelli assistenziali: oltre al ricovero negli Hospice è necessario che gli interventi di Cure Palliative a domicilio si sviluppino su più livelli e che possano essere erogate anche in ambulatorio e nelle RSA attraverso specifici accordi di consulenza. Gli Ospedali devono poter garantire dimissioni più rapide e protette grazie alla consulenza del palliativista in reparto e alla collaborazione con le strutture del territorio.

“Solo valorizzando tutte le migliori risorse pubbliche, del volontariato e del terzo settore si potrà rispondere ai crescenti bisogni di una società sempre più anziana e affetta da malattie croniche”. Il documento propone perciò regole chiare e valide per tutti: per il settore pubblico e per le realtà del Terzo Settore. Si vuole promuovere la collaborazione e la realizzazione di economie di scala ma anche tutelare, in base al principio di sussidiarietà, l’autonomia di scelta del malato e le peculiarità dei differenti territori che in questi anni, hanno saputo produrre esempi di eccellenza nel pubblico così come nel privato sociale.

Il volontariato non è un optional. Un volontariato organizzato e formato risponde ai bisogni di solidarietà e relazione e contribuisce ad abbattere l’esclusione sociale che la malattia inguaribile troppo spesso determina. Il volontariato è quindi pensato come un attore fondamentale, capace di agire con competenza e di partecipare autorevolmente agli organismi di coordinamento a tutti i livelli.

“Le famiglie sono risorse”. Le famiglie delle persone malate, adeguatamente assistite dai professionisti e supportate dai volontari, possono essere risorse preziose nel processo di cura e contribuire ad evitare i ricoveri non necessari.

Oggi sappiamo esattamente come mettere in pratica questi principi e trasformarli in reale accesso a servizi efficaci e flessibili: orientando i malati verso i percorsi di cura più adeguati. Si potranno così evitare ricoveri, esami e terapie superflui e dannosi oltre che inutili sofferenze. Come la cronaca recente ha drammaticamente fatto emergere i malati e le loro famiglie, se privati di una presa in carico adeguata, si rivolgono in modo inappropriato ai Pronto Soccorso. Occorrerà certamente uno sforzo economico iniziale e crescente per i primi cinque anni. Sappiamo però che il sistema, se adottato integralmente, sarà in grado di portare rapidamente importanti risparmi e riduzione di sprechi. Promuovere le cure a casa consente infatti di conciliare qualità ed efficienza dell’assistenza.

La proposta tecnica è condivisa dall’intero mondo professionale pubblico e privato profit e non profit e delle associazioni di volontariato. Per i valori in essa contenuti si stanno attivando molti esponenti della società civile, del mondo accademico, della cultura e dell’informazione.

Siamo pronti da subito ad accettare la sfida non appena un atto normativo regionale, che speriamo imminente, darà il via a quella riorganizzazione che i malati e le loro famiglie aspettano da molti anni e per la quale chiediamo un impegno Suo personale e del Suo Assessorato.

Con i più cordiali saluti

  • Luca Moroni (Presidente Federazione Cure Palliative Onlus e Direttore Hospice di Abbiategrasso)

vedi il seguente documento in formato pdf

GRUPPO DI LAVORO E COORDINAMENTO PER LE CURE PALLIATIVE Sottogruppo: “INTEGRAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI SOCIO SANITARIO E SANITARIO IN ATTUAZIONE DELLA DGR IX/4610/2012”

LUCA MORONI – Cure palliative e relazioni che alleviano il dolore, il valore del volontariato nelle cure palliative – Incontro a cura di Accanto Onlus, a L’Isola che c’è – Villaguardia (CO), 18 settembre 2016


Luca Moroni (Presidente della Federazione Cure Palliative), Gianluigi Rossi (Socio fondatore di Accanto e Responsabile Sanitario del Servizio di Assistenza Domiciliare) e Gino Frassi (past President di Accanto e volontario)
Incontro a cura di Accanto Onlus

A L’Isola che c’è – Villaguardia (CO), SETTEMBRE 2016

David Le Breton, FUGGIRE DA SE’, una tentazione contemporanea, Raffaello Cortina Editore, 2016


L’esistenza a volte ci pesa. La società contem­poranea esige da noi un’affermazione permanente, la continua reinvenzione della vita, il successo. E se qualcuno non si sente all’altezza? Subentra allora la tentazione di lasciare la presa, di assentarsi da sé divenendo irraggiungibili, che può manifestarsi in forma di fuga nell’alcol, nelle droghe, nel gioco, nella follia, o può assumere il carattere di una fuga vera e propria, quando non si lasciano tracce di sé, scegliendo per esempio di vivere “nelle terre estreme”. Eppure, la volontà di sottrarsi al legame sociale è, a volte, la condizione per continuare a vivere, per inaugurare un rapporto nuovo con sé, con gli altri e con il mondo.
Ricchissimo di spunti antropologici e letterari, il saggio di Le Breton affronta un tema di grande fascino e, non da ultimo, invita il lettore a riscoprire alcuni grandi autori della “fuga da sé”, tra i quali Emily Dickinson, Robert Walser, Fernando Pessoa.

Biografia dell’autore

David Le Breton, sociologo e antropologo, insegna all’Università di Strasburgo. In questa collana ha pubblicato Il sapore del mondo (2007) e Esperienze del dolore (2014).

Sorgente: Fuggire da sé – David Le Breton – Raffaello Cortina Editore – Libro Raffaello Cortina Editore

breton3543breton3544

brfeton4205

LE RELAZIONI CHE ALLEVIANO IL DOLORE. IL VALORE DEL VOLONTARIO NELLE CURE PALLIATIVE, Domenica 18 settembre 2016, ore 10.30 Presso lo spazio Palco Parco Comunale “G. Garibaldi” di Villa Guardia (Via Varesina)


In occasione della 13° edizione de “L’’Isola che c’’è”,

fiera provinciale delle relazioni e delle economie solidali,

l’’Associazione Accanto Onlus – Amici dell’’Hospice San Martino

organizza l’’incontro

LE RELAZIONI CHE ALLEVIANO IL DOLORE.

IL VALORE DEL VOLONTARIO NELLE CURE PALLIATIVE

Domenica 18 settembre 2016, ore 10.30

Presso lo spazio Palco

Parco Comunale “G. Garibaldi” di Villa Guardia (Via Varesina)

Programma:

Ore 10.30        Introduzione Gisella INTROZZI, presidente dell’’Associazione Accanto

Interventi:

Ore 10.35        Luca MORONI, presidente della Federazione Cure Palliative

Ore 11.10        Gianluigi ROSSI – socio fondatore di Accanto e Responsabile Sanitario del Servizio di

Assistenza Domiciliare

Ore 11.20        Gino FRASSI, past President di Accanto e volontario

Ore 11.30        Spazio per interventi e domande dal pubblico

Ore 12.00        Conclusioni a cura di Luca MORONI

Per tutta la durata della fiera, i volontari di Accanto saranno presenti con un proprio stand per distribuire materiale informativo sulle cure palliative e per dare una testimonianza diretta delle attività svolte dall’’Associazione.

Per informazioni:

Accanto Onlus – Amici dell’Hospice San Martino

Tel: 031 309135 (ore 9.00 – 13.00)

contatto@accanto-onlus.itwww.accanto-onlus.it


locandina:

locandina_accanto-onlus_18-settembre


CORSO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE, VII EDIZIONE – 26-27-28 MAGGIO 2016, Desenzano del Garda


programma e la scheda di iscrizione del Corso residenzialein
“CURE PALLIATIVE – VII Edizione”
promosso da UO Cure Palliative ASST Ovest Milanese in collaborazione con Stella Polare Onlus
che si terrà nei giorni 26-27-28 maggio 2016 presso Hotel Acquaviva del Garda  – Desenzano del Garda (BS) 
 
 Il corso è accreditato ECM per medici, infermieri e psicologi
CREDITI ASSEGNATI N° 26,2
 
 Per scaricare il programma e la scheda di iscrizione cliccare qui

Sorgente: CORSO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE, VII EDIZIONE – 26-27-28 MAGGIO 2016 DESENZANO DEL GARDA – pamalteo@gmail.com – Gmail

2016-04-02_1030322016-04-02_1030592016-04-02_1031102016-04-02_103128

ADLER SEGRE ELIANA, Imparare a dirsi addio. Quando una vita volge al termine: guida per familiari, operatori sanitari, volontari, Proedi , Milano, 2005, p. 222


vai alla scheda dell’editore:

http://20bambini.proedieditore.it/index.php/imparare-a-dirsi-addio.html

imparare_a_dirsi_addiob

ADLER SEGRE2629ADLER SEGRE2630

 

INES TESTONI, presentazione del MASTER “DEATH STUDIES & THE END OF LIFE” , Università degli Studi di Padova, 2016


PRESENTAZIONE

di Ines Testoni 

In Occidente, l’allungamento dei tempi di vita è proporzionale non solo all’occultamento della morte, all’abbandono del sofferente e al protrarsi dei tempi in agonia e in solitudine, ma anche all’incapacità di considerare le esperienze di perdita e lutto come una parte essenziale nella costruzione del senso della vita.
Il Master, giunto alla VII edizione, è unico nel suo genere nel panorama universitario italiano, in quanto affronta il tema della morte in modo interdisciplinare, disponendosi come luogo di incontro di saperi e di competenze diverse per creare e diffondere conoscenza su questo aspetto importante dell’esistenza, ovvero lo spazio che sta tra la vita e ciò che le è ulteriore. Uno dei territori di studio e ricerca più significativi a livello internazionale su questi temi è quello della “Death Education”, volto a offrire i contenuti e le strategie più idonee affinché le persone imparino a gestire le consapevolezza della morte, nelle diverse situazioni della vita. Il Italia solo il Master Death Studies & The End of Life offre una tale opportunità formativa. Infatti, l’obiettivo primario di questo percorso post-lauream è quello di offrire ai professionisti dei servizi alla persona (psicologi, medici e infermieri), operatori sociali e insegnanti, una formazione completa affinché acquisiscano competenze idonee ad affrontare la morte e il lutto nelle loro espressioni socio-culturali, situazionali concrete e individuali. In tal senso, il Master Death Studies & The End of Life risponde certamente alle istanze della legge 38/2010 per i temi della palliazione e del fine-vita, ma vuole anche definire uno spazio di studio e riflessione ulteriore, perché non si muore solo in determinate condizioni, quali sono appunto quelle indicate dalla legge. Infatti, la presenza della morte nella vita quotidiana travalica le condizioni della malattia terminale e del suo contenimento in ospedali e hospice. Per prendere coscienza di questo è necessario garantire una formazione completa, che sappia illustrare come le dimensioni individuali, sociali e relazionali entrino in gioco nei rapporti tra morte, cultura e storia; tra situazioni sociali e biografie individuali; tra condizioni di malattia e vita quotidiana; tra perdite ed elaborazioni nelle diverse età della vita; tra interiorità e codici comportamentali condivisi … Se l’esperienza del lutto comincia quando si comincia a morire, ovvero, qualcuno dice, fin dalla nascita, è certo che la competenza su questa sostanziale condizione umana risulta essere fondamentale. Il Master dunque mette in gioco diverse discipline specialistiche di tre fondamentali campi del sapere: filosofico e religioso; medico-infermieristico; psicologico, sociologico e antropologico. I contenuti che vengono considerati riguardano:

  • la significazione della morte e del morire;
  • le diverse forme del morire;
  • il morire in diverse culture e situazioni;
  • il lutto e processi psicologici relativi alla perdita e alla sua elaborazione;
  • la death education tra prevenzione primaria/secondaria/terziaria;
  • la morte nel ciclo di vita;
  • la gestione del fine-vita tra questioni di bioetica e di biodiritto;
  • la consulenza e il sostegno a chi muore e a chi accompagna;
  • la tanatologia e le scienze mediche, psicologiche, filosofiche, giuridiche e religiose.

Una particolare attenzione viene offerta all’elaborazione personale da parte dei corsisti delle loro opinioni e degli atteggiamenti relativi alla morte e alla paura di morire, affinché le competenze relative alle rappresentazioni individuali e socio-culturali della morte in tutte le sue espressioni concrete e simboliche vengano operazionalizzate e impostate per progettare interventi finalizzati alla promozione della vita e della sua qualità nelle diverse situazioni di sofferenza e di crisi. Come è evidente, interdisciplinarità e transdisciplinarità caratterizzano l’intero curriculum formativo, pur mantenendo una cogente unità dei saperi, nel rispetto della centralità della persona e dell’attenzione alla relazione che nella cura e nell’educazione restituiscono la morte all’esperienza della vita. I contenuti vengono quindi declinati mantenendo presente la ricerca di senso da parte di chi muore e di chi resta, nonché di chi aiuta a gestire il passaggio. Il sapere dell’irreversibilità viene dunque affrontato per restituire ai professionisti che operano nel campo della salute e dell’educazione la capacità di superare la tendenza all’elusione per acquisire la capacità di imparare a parlare senza reticenze, attraverso la sintassi parola-silenzio-ascolto che caratterizza la comprensione e l’accompagnamento.

sono aperte le iscrizioni alla VIII°edizione, 2016

tutte le informazioni qui:

Sorgente: VIII Edizione Master 2016 | Pagina 2

Cure palliative. On line il primo sito in Italia dedicato ai malati inguaribili e a chi li assiste – segnalato da Quotidiano Sanità


Realizzato dalla Federazione Cure Palliative con il supporto tecnico della Società Italiana di Cure Palliative. Un vero e proprio manuale per chi assiste a casa un malato inguaribile. Previsto anche un aggiornato database degli Hospice italiani e le risposte alle domande che maggiormente preoccupano i cittadini in merito agli obiettivi delle cure palliative, alla comunicazione, ai farmaci oppioidi e molto altro.

08 GIU – È online, e a disposizione di chiunque desideri consultarlo, Info Cure Palliative (www.infocurepalliative.it) ideato dalla Federazione Cure Palliative come supporto alle famiglie durante l’assistenza a domicilio di una persona malata in carico a un’équipe di cure domiciliari.

VAI ALLA INTERA SCHEDA:

Cure palliative. On line il primo sito in Italia dedicato ai malati inguaribili e a chi li assiste – Quotidiano Sanità.

Relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della legge 38/2010 sulle cure palliative e la terapia del dolore – 13.05.2015


vai a:

Regioni.it – n. 2723 del 14-05-2015 – Cure palliative: migliora l’accesso – Regioni.it.

PAOLO FERRARIO, Reti dei servizi in Lombardia: il caso delle cure palliative | LombardiaSociale, 30 gennaio 2015


vai a:

Regione Lombardia: documentazione sul sistema delle Cure Palliative, al 2012


Centri Cure Palliative

Medico che tiene la mano del paziente

Cosa sono le Cure Palliative

Le cure palliative rappresentano l’insieme di prestazioni volte a garantire la miglior qualità di assistenza alle persone affette da malattie inguaribili nella fase terminale della vita.

Si tratta di un complesso di cure caratterizzate da interventi sanitari (innanzitutto controllo del dolore e dei sintomi), socio-sanitari, psicologici, ecc., erogati da equipe di operatori a ciò preparati.

Queste cure possono essere effettuate:

  • presso strutture di ricovero dedicate: “Hospice” ed “Unità ospedaliere di Cure Palliative” (UOCP);
  • presso il domicilio della persona tramite l’Ospedalizzazione Domiciliare per le Cure Palliative (ODCP) e l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) mediante il voucher socio-sanitario.

 

Per accedere ai servizi, è possibile contattare il Medico di famiglia, le Strutture per le Cure Palliative, i Servizi ADI dell’ASL di residenza.

Allegati

DGR n. 4610 del 28/12/2012 - Determinazioni in ordine alla rete di cure palliative e alla rete di terapia del dolore in Regione Lombardia in applicazione della legge 38 del 15 marzo 2010 DGR n. 4610 del 28/12/2012 – Determinazioni in ordine alla rete di cure palliative e alla rete di terapia del dolore in Regione Lombardia in applicazione della legge 38 del 15 marzo 2010 (3.1 MB) PDF
Atti del Convegno per l'XI Giornata Nazionale del Sollievo (Milano, 24 maggio) Atti del Convegno per l’XI Giornata Nazionale del Sollievo (Milano, 24 maggio) (26.1 MB) ZIP File
Elenco Strutture di degenza per Cure Palliative Elenco Strutture di degenza per Cure Palliative (143 KB) PDF
Centri per Ospedalizzazione Domiciliare Cure Palliative (aggiornato al settembre 2012) Centri per Ospedalizzazione Domiciliare Cure Palliative (aggiornato al settembre 2012) (227 KB) PDF
Raccolta delibere di Regione Lombardia in materia di Cure Palliative Raccolta delibere di Regione Lombardia in materia di Cure Palliative (7.3 MB) ZIP File

Lezione di Paolo Ferrario su: INDIRIZZI E LINEE DI WELFARE LOMBARDO PER IL FUTURO DELLE CURE DOMICILIARI E L’ASSISTENZA AL MALATO IN FASE AVANZATA, al Convegno formativo “Famiglia, casa e cura. La centralità degli aspetti sociali e familiari delle cure palliative domiciliari, organizzato dalle associazioni: Accanto, A.Ma:TE, Ancora, Il Mantello, Antonio e Luigi Palma, Como, 11 Novembre 2014


PER LE SLIDES E LA DISPENSA VAI A:

 

 

CASA1483 CASA1484 CASA1485 CASA1486

CURE PALLIATIVE E MALATI TERMINALI: link utili


Link Utili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: