Nel 2003 per tutelare la procreazione medicalmente assistita (PMA) nasce la Legge 40. Dell’impianto originale del provvedimento poco resta: il testo negli anni è stato fatto a pezzi dai tribunali che via via sono intervenuti su casi specifici mutandone sostanzialmente l’assetto normativo. All’interno di questa legge però permane una regola che oggi ci aiuta a definire il rapporto tra innovazione scientifica e legge 40 – di Irene Pellizzone in Associazione Luca Coscioni, 22 settembre 2017

Nel 2003 per tutelare la procreazione medicalmente assistita (PMA) nasce la Legge 40. Dell’impianto originale del provvedimento poco resta: il testo negli anni è stato fatto a pezzi dai tribunali che…

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato nella riunione del 25 settembre, un documento per la definizione tariffa unica convenzionale per le prestazioni di fecondazione eterologa – da Regioni.it

25/09/2014) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, presieduta da Sergio Chiamparino, ha approvato nella riunione del 25 settembre, un documento per la definizione tariffa unica convenzionale per le prestazioni di…

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 4 settembre, ha approvato un documento sulle problematiche relative alla fecondazione eterologa a seguito della sentenza della Corte costituzionale n.162/2014

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 4 settembre, ha approvato un documento sulle problematiche relative alla fecondazione eterologa a seguito della sentenza della Corte costituzionale n.162/2014. Tale…

Commento alla sentenza 1 aprile – 8 maggio 2009 n. 151 della Corte Costituzionale sul vincolo degli embrioni per impianto e le modalità di applicazione. Relatore: Marilisa D’Amico, prof. ordinario di Diritto costituzionale presso l’Università degli Studi di Milano, Mercoledì 10 marzo 2010, ore 15:00 – 18:00

Mercoledì 10 marzo 2010, ore 15:00 – 18:00. Presenta per A.G.e D. avv. Marcello Iantorno. Commento alla sentenza 1 aprile – 8 maggio 2009 n. 151 della Corte Costituzionale sul vincolo…

Corte costituzionale, S. 151/2009 del 01/04/2009, Procreazione medicalmente assistita – Limiti all’applicazione delle tecniche sugli embrioni – Previsione della produzione di un numero massimo di tre embrioni ai fini dell’impianto – Previsione della crioconservazione degli embrioni solo nel caso che il trasferimento degli stessi nell’utero non risulti possibile per grave e documentata causa di forza maggiore, relativa allo stato di salute della donna non prevedibile al momento della fecondazione. Procreazione medicalmente assistita – Consenso informato – Previsione che la volontà di ciascuno dei soggetti della coppia di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita possa essere revocata fino al momento della fecondazione dell’ovulo – Irrevocabilità del consenso da parte della donna all’impianto in utero degli embrioni creati, dal momento della fecondazione dell’ovulo. Dispositivo: illegittimità costituzionale parziale – manifesta inammissibilità

S. 151/2009 del 01/04/2009 depositata il 08/05/2009 Udienza Pubblica del 31/03/2009, Presidente: AMIRANTE, Redattore: FINOCCHIARO Oggetto: Procreazione medicalmente assistita - Limiti all'applicazione delle tecniche sugli embrioni - Previsione della produzione…

La Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 14, comma 2, della legge 19 febbraio 2004, n. 40, limitatamente alle parole “ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre”.

Corte Costituzionale Ufficio Stampa Legge sulla fecondazione assistita La Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 14, comma 2, della legge 19 febbraio 2004, n. 40, limitatamente alle parole “ad un…