Sanità: piani di rientro, ministero su debiti 2009 di alcune Regioni Ricorso ai fondi Fas per Calabria Lazio, Molise e Campania. Inoltre verifiche sui piani di Sicilia e Sardegna, Newsletter n. 1545 del giovedì 25 marzo 2010

 
(regioni.it) Il ministero della Sanità ha reso noto – tramite un comunicato stampa – di aver provveduto al ripiano dei deficit sanitari 2009 di alcune regioni (Calabria  Lazio, Molise e Campania) attraverso i fondi Fas (fondi per le aree sottoutilizzate).
Si riporta di seguito il testo del comunicato del Ministero della Salute

Nei giorni 23 e 24 marzo 2010 si è tenuta presso il Ministero dell’economia e delle finanze una sessione di verifica con le Regioni impegnate nei Piani di rientro potenzialmente interessate all’applicazione della nuova disposizione normativa (scaturita da quanto previsto dal nuovo Patto per la salute ) relativa alla possibilità,  straordinariamente concessa a queste Regioni,  di utilizzare i fondi FAS per ripianare eventuali disavanzi di gestione 2009 , in modo da poter evitare il ricorso ad un ulteriore inasprimento dell’aliquota regionale IRPEF e della maggiorazione regionale IRAP.
Tale verifica ha riguardato le regioni  Calabria  Lazio, Molise e Campania. Sono state anche verificate le regioni Sicilia e Sardegna, interessate però solo  alla verifica finale del loro Piano di rientro 2007-2009.  
I risultati dettagliati di tali verifiche saranno resi disponibili nei prossimi giorni .
In attesa di tali risultanze il Ministero della salute ritiene di dover evidenziare  alcune linee di tendenza.
RICORSO AI FONDI FAS PER RIPIANARE I DISAVANZI 2009
Le Regioni interessate a tale ricorso sono risultate essere la Calabria, il Lazio, la Campania ed il Molise
CALABRIA
La Regione presenta per l’anno 2009 un risultato di gestione negativo di circa 120   ml di euro che, tenendo conto del ribaltamento su tale anno dei risultati negativi degli anni precedenti 2006, 2007 e 2008, porta ad un complessivo disavanzo 2009 di  circa 1.000 mln  di euro.  In questa situazione, non essendo plausibile l’ipotesi di rinvenire nel bilancio regionale altre risorse, bisognerà ricorrere ai Fondi FAS per circa 1.000 milioni di euro per assicurare la necessaria copertura  senza la quale scatterebbe il forte inasprimento della fiscalità regionale aggiuntiva.
Per quanto attiene all’andamento del Piano di rientro, si sono registrati  ritardi, in particolare per la riorganizzazione della rete ospedaliera e il controllo della spesa farmaceutica  e un’incompleta adozione dei provvedimenti previsti alle relative scadenze, compresa la regolarizzazione di alcune situazioni atipiche come quella della Fondazione Tommaso Campanella.
LAZIO
La Regione per l’anno 2009 presenta un risultato di gestione negativo di circa 1.400  mln. di euro,  che, sommato al trascinamento di una perdita 2008 di circa 180 mln., porta ad un totale di disavanzo da coprire di circa 1.600 mln di euro, che, dopo le coperture straordinarie derivanti dalla fiscalità aggiuntiva regionale e dal fondo transitorio e da risorse regionali,  comporta un disavanzo di gestione 2009 di circa 420  mln. di euro. Non essendo plausibile l’ipotesi di rinvenire nel bilancio regionale altre risorse, bisognerà ricorrere ai Fondi FAS per circa 420 milioni di euro per assicurare la necessaria copertura  senza la quale scatterebbe il forte inasprimento della fiscalità regionale aggiuntiva.
Relativamente alla complessiva verifica di attuazione del PdR è emerso che la gestione commissariale governativa ha messo in essere una serie di positive iniziative che ha portato ad una migliorata capacità di gestione del complesso servizio sanitario regionale. Grazie a questa gestione è stato possibile erogare una quota di 70 milioni di euro (pari a circa il 10% del totale erogabile).  Rimangono tuttavia da sciogliere ed affrontare sul piano operativo i  principali nodi strutturali che riguardano le grandi tematiche: protocolli d’Intesa con le Università, la mancata contrattualizzazione delle prestazioni e delle funzioni erogate dagli ospedali classificati e dagli IRCCS privati, la riorganizzazione della rete ospedaliera, il ritardo che si registra nel processo di accreditamento definitivo. 
MOLISE
La Regione per l’anno 2009 presenta un risultato di gestione negativo al  IV trimestre  di circa 80 mln. di euro,  che  sommato al trascinamento di una perdita 2008 di circa 30 mln., porta ad un totale di disavanzo da coprire di circa 110 mln di euro che, dopo le coperture straordinarie derivanti dalla fiscalità aggiuntiva regionale e dal fondo transitorio,  comporta un disavanzo di gestione 2009 di circa 67 mln. di euro. Non essendo plausibile l’ipotesi di rinvenire nel bilancio regionale altre risorse, bisognerà ricorrere ai Fondi FAS per circa 67  milioni di euro per assicurare la necessaria copertura  senza la quale scatterebbe il forte inasprimento della fiscalità regionale aggiuntiva.
Relativamente alla complessiva verifica di attuazione del PdR è emerso che la Regione non risulta aver adottato i provvedimenti di risanamento del SSR, in particolare per la mancata adozione dell’atto aziendale, la mancata riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale, per la gestione dei  rapporti con l’IRCCS Neuromed e Cattolica, per la riorganizzazione della rete laboratoristica.
CAMPANIA
La Regione per l’anno 2009 presenta un risultato di gestione negativo di circa 770 mln. di euro,  che sommato al trascinamento di una perdita 2008 di circa 223 mln., porta ad un totale di disavanzo da coprire di circa 1.000 mln di euro che, dopo le coperture straordinarie derivanti dalla fiscalità aggiuntiva regionale e dal fondo transitorio,  comporta un disavanzo di gestione 2009 di circa 500 mln. di euro. Ciò significa, che essendo non plausibile l’ipotesi di rinvenire nel bilancio regionale altre risorse, bisognerà ricorrere ai Fondi FAS per circa 500 milioni di euro per assicurare la necessaria copertura  senza la quale scatterebbe il forte inasprimento della fiscalità regionale aggiuntiva.
Per quanto attiene all’andamento del Piano di rientro, si è registrata la conferma  dei ritardi che hanno portato al commissariamento della Regione. Si registrano ritardi nella riorganizzazione della rete ospedaliera, della rete laboratoristica, della rete territoriale, nella stesura dei protocolli d’intesa con le università. Una cospicua serie di provvedimenti adottati dalla gestione commissariale  Commissario nei mesi di febbraio e marzo non sono ritenuti valutabili in questa sessione in quanto trasmessi solo poche ore prima della riunione di verifica.
VERIFICHE FINALI DEI PIANI DI RIENTRO
Erano interessate la Sicilia e la Sardegna .
SICILIA
La Regione per l’anno 2009 presenta come risultato di gestione,  dopo le coperture straordinarie derivanti dalla fiscalità aggiuntiva regionale e dal fondo transitorio,  un avanzo di gestione di  circa 26  ml di euro.
L’esito della riunione di verifica con la Regione Siciliana  è risultato parzialmente positivo in ordine alle prescrizioni indicate nei verbali delle precedenti sedute di verifica,  relativamente alle scadenze del 31 luglio e del 30 settembre. Ciò ha consentito di prospettare  la erogabilità di 445  mln di euro di quote premiali, mentre restano da erogare circa 500 mln di euro
Relativamente alla complessiva verifica di attuazione del PdR si è convenuto che la Regione ha messo in essere vari provvedimenti per il risanamento del SSR (in particolare per la riorganizzazione della rete ospedaliera, per il potenziamento della risposta territoriale e per la riorganizzazione del sistema 118) Tali interventi per quanto giudicati efficaci nella loro impostazione, sono ancora solo molto parzialmente realizzati. Pertanto il PdR non può considerarsi pienamente attuato. 
La Regione ha chiesto, grazie ad una apposita norma legislativa nazionale da emanarsi,  di poter prorogare i tempi di attuazione e completamento del PdR mettendo in evidenza che lo stesso è partito con  un anno e mezzo di ritardo dalla formalizzazione dell’Accordo, solo dopo l’insediamento della nuova Giunta.
SARDEGNA
La verifica annuale ha dato esito negativo. Tavolo e Comitato hanno valutato che la Regione Sardegna dopo aver presentato  a consuntivo 2008 un disavanzo non coperto di circa 75 mln di euro, ha  presentato  al  IV trimestre un disavanzo non coperto di circa 225  mln di euro per l’anno 2009. La Regione ha comunicato di aver disposto una adeguata manovra di bilancio per assicurare la necessaria copertura.
La Regione non risulta aver adottato i provvedimenti di risanamento del SSR, in particolare per la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale, della razionalizzazione dell’acquisto dei beni e servizi. Pertanto la verifica di questa sessione, che si è configurata  come ultima verifica sul piano di rientro, non è stata positiva. La Regione per poter accedere all’ulteriore tranche dei finanziamenti non erogato dovrebbe , entro la fina dell’anno 2010, dar seguito a quanto previsto nel Piano di rientro, in particolare promuovendo il risanamento del SSR in quei settori da razionalizzare, come la rete ospedaliera e territoriale, l’acquisto di beni e servizi e di prestazioni da privato, la spesa farmaceutica.

Newsletter n. 1545 del giovedì 25 marzo 2010

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.