Il carcere è un luogo di morte. Ma nessuno vuole riformarlo, di GIULIA MERLO E FILIPPO TEOLDI, in Domani 24 dic 21

letto in edizione cartacea

cerca in

Il carcere è un luogo di morte. Ma nessuno vuole riformarlo
  • Mentre continua il dramma del sovraffollamento, quasi la metà dei decessi registrati negli istituti è per suicidio.
  • A togliersi la vita sono soprattutto i giovani sotto i 35 anni. Ma per la politica cambiare l’ordinamento penitenziario non è  una priorità.
  • Nelle grandi riforme del sistema giudiziario, la dignità dei detenuti è solo una nota a piè di pagina. Nonostante le rivolte del marzo 2020 e il caso drammatico di Santa Maria Capua Vetere, infatti, il problema delle carceri è rimasto in fondo alla lista degli interventi.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.