Claudio Risè, Lavorare tutta la vita, godendosela

Tra le industrie in pieno sviluppo, c’è quella della seconda metà della vita: come prepararvisi, cosa farne, come organizzarla. In poco più di mezzo secolo, questo periodo dell’esistenza, è diventato, da geniale intuizione dello psicologo Carl Gustav Jung (il primo che l’ha nettamente distinto dal resto della vita), un fenomeno economico, sociale, mediatico.Comincia a circa 35 anni, e va avanti fino alla fine, cioè (con le attuali aspettative di vita), ben più del doppio della prima. Jung la «scoperse», notando che i pazienti da quell’età in poi sviluppano problemi diversi da quelli dei ventenni. Mentre i giovani sono proiettati verso l’esterno (la carriera, la coppia, la casa, il successo, lo status sociale), dai trentacinque anni (circa) in poi la psiche presenta, in modi diversi per ognuno, una domanda di senso dell’esistenza, che pone problemi, e inquietudini diverse.

SEGUE:

Diario di bordo :: Lavorare tutta la vita, godendosela :: April :: 2010

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.