Fiamma Nirenstein, Le stragi di cristiani? Tutto scritto nel Corano – Esteri – ilGiornale.it del 05-01-2011

Come fermeremo le uccisioni di cristiani nel mondo islamico, come si evita la prossima strage in Irak, in Turchia, nelle Filippine, in Nigeria, ovunque alberghino gruppi islamisti? Prima di tutto, chiamandole per nome e cognome: non si tratta di «intolleranza religiosa» ideologica, non di casuali «gruppi di fondamentalisti» né di «alcuni terroristi».

Se si guarda la carta geografica, è ormai maculata da stragi espulsioni, rapimenti, chiese vandalizzate… È il mondo islamista nella sua vasta, massiccia terribilità che colpisce i cristiani, e la responsabilità è di chi per opportunismo o per paura di rappresaglie sui cristiani ha ritenuto che col silenzio avrebbe pacificato gli aggressori.

Il fatto che appena il Papa ha protestato chiamando il mondo islamico «mondo islamico» il Mufti di Al Azhar abbia esclamato «ingerenza», la dice lunga sul paradosso dell’atteggiamento dell’islam istituzionale: che sarà mai qualche morto, taccia il secolare nemico romano.

Se lo si chiede al teologo e professor padre Peter Madros, oggi al Patriarcato di Gerusalemme, per tanti anni direttore della scuola dei Freres a Betlemme, un sacerdote che ha combattuto la decimazione dei cristiani a Betlemme senza fare sconti anche agli israeliani, pure egli mi indica chiaro, per capire, il testo del Corano: «Dopo pagine sulla concordia che deve vigere, pur nella sottomissione dei cristiani e degli ebrei che (versetto 9/29) devono comunque pagare la Gizia (la tassa per i non musulmani, ndr) se non abbracciano l’Islam, c’è un altro verso rivelatore (5/51): non lasciatevi dominare né dagli ebrei né dai cristiani».

Il nodo è tutto qui: il mondo islamista è determinato a costruire un mondo in cui i due comprimari siano tenuti in stato di sottomissione culturale, religiosa, politica. Ed è invece accaduto negli ultimi sette secoli che il mondo occidentale abbia preso il sopravvento, dichiarando così, nell’interpretazione bigotta di vaste organizzazioni e persino di Stati interi, come l’Iran, una guerra contro l’Islam che deve ancora essere vinta.

Naturalmente non tutti la pensano così, ma le bombe fanno rumore, mentre la buona volontà non si sente. Nel 1919 la rivoluzione egiziana portava per egida una bandiera verde con la mezzaluna e la croce. Sia i musulmani che i cristiani erano parte di una rivoluzione nazionalista contro il colonialismo britannico.

Ma le elite dei nostri decenni, spaventate anche dall’omicidio di Sadat che aveva concluso la pace con Israele, hanno lasciato spazio a un processo di islamizzazione strisciante che pacificasse i gruppi più aggressivi, come la Fratellanza Musulmana. I libri di testo nelle scuole rappresentano oggi l’Egitto come un Paese solo islamico e includono testi anticristiani. Il trapianto di organi fra musulmani e cristiani è proibito per una decisione del sindacato dei dottori, che come altri è dominato dalla Fratellanza Musulmana.

Il governo recentemente ha bloccato la costruzione di una scala in una chiesa copta, e i copti, continuamente aggrediti (8 furono uccisi un anno fa) non esistono in politica benché siano il 10 per cento della popolazione. Mubarak, che così facendo tiene a bada la Fratellanza tanto che l’ha emarginata alle ultime elezioni, fa come l’Arabia Saudita, lo Yemen, la Siria, la Giordania e più lontano il Pakistan: crede di domare il domatore, che invece viene messo in grado di sguinzagliare il suo odio a piacimento, mettendo a repentaglio anche la sua leadership.

Le televisioni iraniane, libanesi, turche… hanno accusato i “sionisti” della strage di Capodanno. Ma sì, perché non cercare di colpire almeno un po’ gli ebrei anche in questa occasione? È nello stile della casa: dal pogrom Farhud di Bagdad nel 1941 in cui furono uccisi 180 ebrei, e poi in Libia (130 morti), e poi in Turchia (tre attacchi alle sinagoghe dall’86 a oggi, 47 morti) a tutte le violenze che hanno causato la fuga di quasi tutti gli ebrei, il mondo islamico ha fatto fuggire da 600mila a un milione di ebrei. Profughi irriconosciuti dall’Onu, come i cristiani fuggiti dallo stesso mondo in cui ormai la popolazione cristiana, una volta quella originale, è ridotta al 6 per cento.

da: Le stragi di cristiani? Tutto scritto nel Corano – Esteri – ilGiornale.it del 05-01-2011.

9 commenti

  1. pervengono su questo post molti commenti di persone che su google hanno cercato “Fiamma Nirenstein” e si sono dati il compito collettivo di linciarla a parole (non potendolo fare fisicamente) con prefabbricati copia ed incolla
    è evidente che cestino questi commenti, anche perchè obiezioni di contenuto alle argomentazioni di una giornalista molto informata come la nirenstein vanno fare direttamente alla testata di cui segnalo una fonte.
    mi si chiede anche perchè ospito queste fonti storico informative
    a parte il fatto che non debbo motivare a nessuno le mie motivazioni di filtraggio delle informazioni (se polser non piace basta non consultarlo).
    posso dire che dal 11 settembre 2001 ho attivato un mio particolare punto di vista (che , per l’appunto non devo motivare) in materia di geopolitica ed islamismo:
    https://polser.wordpress.com/category/1-politiche-sociali/geopolitica-e-politica-internazionale/
    ho 62 anni e ho conosciuto sulla mia pelle negli anni ’70 le minacce dei rivoluzionari benestanti (https://polser.wordpress.com/2011/02/12/cadavrexquis-il-rivoluzionario-benestante-come-star-fuori-pur-stando-dentro/), non ho nulla da perdere visto che vivo molto poveramente e dunque difficilmente mi faccio intimidire avendo già sperimentato i passi minacciosi dietro alle spalle
    cordiali saluti
    paolo ferrario

    Mi piace

  2. se posso, presento due precisazioni;
    1) fino al 16\3\11 non vi erano commenti a questo post.
    2) avevo inserito un commento al post, non offensivo verso nessuno, ed è stato cancellato (ovvio che il web master cancella o non cancella chi vuole; però poi non si può dire di tenere uno spazio aperto anche alle opinioni non collimanti con quelle proposte dal web master). Avevo capito che i temi proposti dal sito potessero essere usati come base per liberi confronti di idee.
    3)Cancellatomi il post, ne ho messo un altro in cui chiedevo xchè era stato cancellato il precedente; anche quest’ultimo è stato cancellato.
    3) giuro che: a) non mi son dato nessun “compito collettivo” con alcuno, e NON ho cercato cercato su google fiamma nierestein, che non conosco, e contro la quale non ho nulla. Semplicemente, ho navigato nel sito, mi sono imbattuto in questo articolo, ho elaborato un commento (totalmente farina del mio sacco) e l’ho postato, certamente criticando il contenuto di detto articolo; poi, “criticando”…. ho espresso un’opinione diversa e ho posto delle domande.
    Mi scuso di aver posto la domanda “xchè si pubblica questo articolo su questo sito”, in quanto ovviamente il creatore del sito ne dispone come vuole senza rendere conto a nessuno, ma semplicemente mi sembrano tesi che alimentano odio. Preciso; il contenuto del commento è farina del mio sacco, alla fine del commento ho messo dei link, che riportano le tesi di paolo barnard; non è il vangelo, non sono suo “seguace”, semplicemente ho “trovato” le sue idee su internet e ci penso su…. Non mi sembrano tuttavia offensiver verso nessuno, al di là che le si condivida o meno; non mi sembra censurabile chi voglia confrontarsi sui temi dell’europa, dei nostri valori costituzionali, della loro difesa. b) non mi considero un “rivoluzionario benestante”, non intendo minacciare nessuno, mi spiace che questo non sia stato capito: mai ho espresso alcun tipo di minaccia! Cmq, se non son stato suifficientemente chiaro nell’esprimere il mio pensiero, e ho dato adito a sentirsi minacciati,mi scuso con chiunque si sia sentito offeso.

    Ribadisco: non ce l’ho con nessuno, non voglio insultare, minacciare, censurare nessuno, desidererei solo poter usare, se possibile, anche questo spazio per confrontarmi con altre persone.

    Posso postare nuovamente il commento che era stato cancellato?

    Grazie per l’attenzione, mi scuso per lo spazio utilizzato, e soprattutto mi scuso se mai avessi offeso qualcuno, assicuro che non è mia intenzione.

    un caro saluto
    lorenzo

    Mi piace

  3. buongiorno lorenzo
    ora collego questo suo messaggio a quello che poco fa mi ha inviato sulla scheda del mio blog di ricerca: credo di avere chiarito il mio stile di lavoro.
    polser è un mio costrutto di lavoro ed ha una precisa finalità che si va consolidando nel tempo (per quel – poco – che vale ha circa 800 visite al giorno. testimonianza di un certo valore attribuito)
    capisco le sue ragioni e la sua voglia di esprimere opinioni
    allora: perchè non apre un suo blog?
    sono un fautore di queste tecnologie della prossimità e ho pubblicato varie schede su come si usano questi strumenti (e oggi ne sto scrivendo un altro per un blog magazine a cui colalboro per prefessione):
    http://aulevirt.wordpress.com/paolo-ferrario-un-blog-%E2%80%9Cprovvisorio%E2%80%9D-come-strumento-di-un-gruppo-di-lavoro/
    venendo al tema che le sta a cuore.
    se vuole entrare nel merito dei contenuti della giornalista nierenstein la sede più opportuna sarebbe o il giornale su cui lei pubblica oppure la sua casella di deputato (mi sembra che sia una deputata del parlamento)
    tuttavia, data la sue gentilezza ed insistenza, mi invii pure il suo commento che pubblicherò sotto questo post.
    il tema della persecuzione dei cristani in terre islamiche mi interessa perchè sono un fautore dei diritti individuali e perchè mi interessano tutte le minoranze (a partire da quelle omosessuali fino ad arrivare ai morenti che desiderano scrivere un loro testamento biologico)
    sul piano personale non mi riconosco in alcuna storica famiglia della politica attuale e – invece – mi riconosco nella linea esistenziale di herman hesse quando insegue una sua visione del motto socratico “sii te stesso” (lui poi fece questo in piena epoca dei totalitarismi comunisti e nazisti del novecento: ancora più eroico): https://www.place2point5.com/index.php?id=65&no_cache=1&L=3&tx_extendedmagazine_pi1%5BshowUid%5D=453&cHash=e91598dd6e
    cordiali saluti e buon futuro
    paolo ferrario

    Mi piace

  4. La ringrazio. Di seguito posto il mio commento. Chiaro che si tratta di mie opinioni, nessuno si senta offeso o minacciato.

    Fermo restando il diritto dei cittadini israeliani avivere in pace nel loro stato, questo articolo fomenta impunemente l’odio. Se la prende contro un fantomatico “mondo islamista”,categoria difficlmente definibile data l’estrema eterogeneità delle realtà che vorrebbe ricomprendere, per chui chi legge è libero di attribuire a questa categoria astratta il “pericolo” di turno, l’africano, l’arabo, il musulmano, lo straniero ecc.
    inoltre strumentalizza addirittura il corano, commettendo così almeno due nefandezze:
    1) intanto insulta e offende tutti i musulmani asserendo che il corano è la fonte a causa della quale il “mondo islamista (!)” è determinato a sottomettere per cultura, religione e politica ebrei e cristiani!! Come se non avessero punti in comune, soprattutto col cristianesimo, come se non condividessero anche personaggi considerati “santi” o “illuminati” da entrambe le religioni (vedi solo gesù, considerato uno dei + importanti profeti dal corano), come se il corano non riconoscesse il diritto all’esistenza delle altre due religioni monoteiste, (certo che rivendica la propria superiorità, esclusività, “giustezza”, quale religione non ha questa rigidità? Forse il cristianesimo?

    2) la faziosità è evidente leggendo che a sostegno e come esempio della validità della tesi di cui sopra, l’articolo riporta 2 versetti del corano i quali, paradossalmente, non confermano per nulla l’idea che il corano indicherebbe di sottomettere in modo totale ebrei e cristiani. “Non lasciatevi dominare dagli ebrei o dai cristiani”. E allora? Esiste forse un testo sacro di altra religione che dica di lasciarsi sottomettere da altre religioni?? O forse non è vero che tutte le religioni rivendicano la loro supremazia sulle altre? Ma la bibbia è forse priva di espressioni guerresche in cui la forza superiore del dio che ha dettato la bibbia stessa non spazzi via nemici a frotte???? O forse non riporta in tanti punti scenari orribili per chi non aderisce alla religione dell’unico dio? E l’imposizione di un tributo sarebbe l’indicazione che avrebbe contribuito a costituire il substrato ideologico alla base delle persecuzioni contro gli ebrei attribuite al “mondo islamico”?
    Ma come si fa a liquidare tragedie di popoli perseguitati in tre parole, attribuendo al “mondo islamico (!!)” la migrazione di 600.000\1.000.000 di ebrei, senza un accenno alle immense sofferenze infiltte da israele (il governo israeliano, NON “gli ebrei”, Non “l’ebraismo”) ai palestinesi?? Xchè negare l’evidenza?? xchè non riflettere su quanto odio nasce dalle violenze, dalle sopraffazioni? Ma a quale religione appartenevano i più tenaci, efficienti, convinti sterminatori di ebrei del pianeta nella storia umana fino ad oggi?? I nazisti non erano cristiani? E il pregiudizio razziale contro gli ebrei non era diffuso in germania, come in tutta l’europa, in russia, e pure in america??? Ed erano forse musulmane quelle popolazioni?????? E poi, a voler erroneamente generalizzare, chi è che ha sempre costituito un pericolo per “gli altri”, se non noi occidentali? Le crociate chi le ha fatte? la santa inquisizione? quale religione al mondo se non il cattolicesimo ha (!!) uno stato nazionale e predica (!!) la separazione tra potere spirituale e temporale? E poi critichiamo la sharia e gli stati nazionali d’ispirazione musulmana? E proprio noi italiani, cittadini del paese

    Forse il motivo di tanto spargimento di odio insensato è da ricercarsi nella volontà di occupare le menti altrui con fantasie, paurose è meglio xchè sono più pressanti, e tacere i veri temi che dovrebbero interessare i lettori italiani; leggete per cortesia quanto trovate qui

    http://www.paolobarnard.info/docs/Il_Piu_Grande_Crimine.pdf

    guardate anche i video (in quest’ordine) che posto qui di seguito:

    1

    2

    3

    4

    5

    6

    Al di là che si creda o meno alle tesi esposte, è certo però che una riflessione relativamente alla “nuova” Unione Europea, ai valori costituzionali e alla loro negazione, ed al dovere di ognuno di difenderli è argomento senz’altro più reale, drammatico, e vicino ad ognuno di quanto lo sia il supposto “pericolo islam”.
    Grazie per l’attenzione, userò in futuro il sito solo ai fini per i quali è stato creato, cordiali saluti
    Lorenzo

    Mi piace

  5. per gli eventuali successivi lettori di questo post
    ho ceduto alle insistenze per la pubblicazione del precedente commento vista la motivazione e la gentilezza del signor lorenzo nello scrivermi con insistenza per inserirlo.
    ribadisco che le discussioni opinionanti non sono oggetto di ricerca di polser e pertanto non replico a nome di nierenstein (che chissà mai leggerà questo commento a lei dedicato.
    devo però intervenire, da esperto in tecniche do comunicazione, sul linguaggio
    mi limito a sottolineare la VIOLENZA LINGUISTICA (del tutto omogenea a quella fisica) del predetto commento (anche se all’inizio afferma “nessuno si senta offeso o minacciato”):
    – “questo articolo fomenta impunemente l’odio”. La parola fomentare significa “spingere altri a commettere atti immorali o dannosi”. l’articolo della nierenstein era centrato su informazioni tese a documentare un silenzioso e lento genocidio documentato dalla progressiva diminuzione dei cristiani in terre islamiche
    – “strumentalizza addirittura il corano, commettendo così almeno due nefandezze” . nefando: riferito ad atti di persone che si macchiano di colpe gravi . Diceva il filosofo Arthur Schopenhauer : Il Corano, questo cattivo libro, fu sufficiente per fondare una religione mondiale, per soddisfare il bisogno metafisico di milioni e milioni di uomini, per definire il fondamento della loro morale – e di un notevole disprezzo della morte, ma anche per esaltarli convolgendoli in guerre sanguinose e nelle conquiste più estese. Nel Corano troviamo la forma più squallida e più povera di teismo… In quest’opera, io non sono riuscito a scoprire nemmeno un pensiero dotato di valore” E’ nefando anche un filosofo della modernità pessimistica come Schopenhauer? se sì allora bisognerebbe considerare che è vissuto in epoca meno pericolosa per la sua riflessione filosofica
    sorvolo sulle sommarie e scontate affermazioni su “ebrei” , “israeliani”, Israele

    mi auguro di non dovere perdere altro del mio tempo con queste tesi che sarebbe meglio veicolare in luoghi di opinionifici coma facebook, dove si creano piccoli gruppi autoreferenziali che si convincono delle proprie verità
    mi scuso ancora con l’occasionale nuovo lettore di questo post che, se dovessi ancora ricevere commenti del tenore del precedente sarei costretto ad eliminare. e mi scuso soprattutto con la stimatissima fiamma nierenstein che tuttavia è abituata (da ebrea) ad insulti, minacce, offese. alla faccia del immenso dolore che il popolo ebreo-israeliano si trascina dietro dal secolo breve
    un cordiale saluto
    paolo ferrario

    Mi piace

  6. Dibattito molto interessante e degno del massimo rispetto fino a quando è reciproco, sia nelle parole, sia nel lessico. Assisto sbigottito all’invadenza prepotente del non sapere nei riguardi di chi per lo meno, ha iniziato e continua a documentarsi, a leggere, scrivere, chiedere per cercare di capire il perchè delle cose, dei fatti, prima di esprimere opinioni populiste e popolari, di facile presa e con contenuti leggeri. Grandi volumi, tanta aria. Suggerisco la lettura coerente e coscente, documentata di quallche volumetto, tipo “La Chiave di Hiram”, da dove iniziare lo studio comparato e l’origine delle religioni, del copia-incolla, in iniziato in mesopotamia un po’ di tempo fà, un po’.Per poi proseguire con lo studio-lettura delle carte geografiche e DOCUMENTATE delle migrazioni. Poi per piacere cercate un momento per individuare l’epoca, il momento del “Quantum leap” sociale, la scoperta dei cieli, dell’astronomia, della magia dei numeri della matematica. Cosa è successo!?? Nel giro di 100 anni, dal niente alle basi della nostra civiltà.
    Ci tornerò. L’argomento è di grandissimo interesse per tutti coloro che vogliono capire, oggettivamente il perchè siamo arrivati fino a qui. Niente pancia, solo ragione e documentazione. Finiremmo così come Padre Gianni.
    Sto lavorando ad un documento che non finisce mai. Grazie a tutti per i contributi al riempimento del mio ancora enorme spazio pieno d’aria. !
    Bibliografia, of course su richiesta!

    Mi piace

  7. ciao edoardo
    ben tornato e buoni giorni
    La Chiave di Hiram? lo cercherò
    quante cose da imparare.
    sul corano mi basta il giudizio di arthur schopenhauer
    non ho tempo per le fesserie di uno che si credeva l’unico vero profeta nel 7° secolo dc
    mentre mi interessa il messaggio sempre attivo per la sua tensione etica di gesù cristo
    a presto
    paolo

    Mi piace

  8. Se ci rifletti il meccanismo è relativamente semplice ed è un modello eccellente di comunicazione-manipolativa che partito dalla Mesopotamia è stato diffuso. Il metodo è buono, la costruzione della verità altrettanto. Il popolo di allora era facile preda di sapienti, maghi, saltimbanchi, giullari, cialtroni vari capaci, con la loro personale comunicazione di indurre, generare consenso, la credulità, oggi non è molto diverso, sono i sistemi che sono diversi. Oggi non è concepibile che uno di noi vada in cima ad una montagna e torni con le tavole della legge. Tavole fantastiche con principi di comune buonsenso, salvo che all’epoca mancava lo “Sponsor”. Chi te le ha date? me le ha date Dio in cima alla montagna! Allora è vero!. Tanto chi và a controllare?? Oggi la logica è la stessa. Importante è apparire, tanto poi chi controlla?? I Profeti sono tutti veri, per chi ha vissuto allora, lui o loro non “Si credevano”, facevano che la gente credesse. Oggi ho sentito su R.R. che il Papa ha affermato che l resurrezione di Gesù è avvenuta perchè non era morto. Quanto a “Resurrezione”, su 15 religioni 7 o 8 hanno la stessa matrice. Il profeta è nato da Madre Vergine, 7/8 su 15. Quasi tutte (vado a memoria), hanno il pofeta che muore e poi risorge.Show copiato dai faraoni un 1000 anni prima. Vado a memoria. Scusami. Quando parlo di Copia-incolla mi riferisco anche alla nostra attuale clepto-crazia.

    Ciao EMILIO:

    Mi piace

  9. oggi c’è la dea televisione che ha creato un popolo di teledipendenti che opinionano azzannandosi verbalmente usando lo schema della “denigrazione manipolativa”
    è difficile per un prevecchio come me stringere i denti e non reagire
    ma ormai il quadro è questo: solo doxa e non più verità. come ben diceva il mio filosofo del cammino su questa terra: parmenide
    “Ebbene, io t’esporrò — e tu fai tesoro del discorso che odi — quali siano le sole vie di ricerca pensabili.
    L’una che esiste e non può non esistere — è il cammino della Persuasione (infatti segue la Verità), l’altra che non esiste e che è necessario logicamente che non esista, e questa io ti dico che è una strada del tutto impercorribile. Perché ciò che non è non puoi né conoscerlo (infatti questa conoscenza è irrealizzabile) né esprimerlo.”
    Parmenide Sulla natura Fr 2

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.