Aatish Taseer: viaggio di un figlio nelle terre dell’Islam, di Cadavrexquis

….

perché individui nati e cresciuti in Inghilterra, magari da genitori in qualche modo integratisi nella realtà occidentale, si lasciano tentare dall’estremismo islamico. Taseer s’interroga però anche su di sé chiedendosi se lui stesso possa definirsi “musulmano”, perché è quella la religione del padre, in quanto pakistano, e l’identità islamica si trasmette per via patrilineare.

E’ da qui che inizia il viaggio di Aatish Taseer in quelle “terre islamiche” a cui allude il sottotitolo. La prima tappa è a Istanbul: la Turchia è ancora, malgrado tutto, il più aperto tra i paesi islamici e quello in cui “la laicità era dogmatica, quasi come una religione separata”. All’interno di questa città multiforme, Taseer va a visitare Fatih Carsamba, un quartiere di fondamentalisti islamici che sembra uscito da un altro mondo. Qui incontra Abdullah, studente di teologia islamica, che gli espone la sua idea di perfetta società islamica e la sua assoluta contrarietà alla penetrazione della modernità e delle idee occidentali – che, però, nei fatti e nella vita dei musulmani non solo turchi sono già onnipresenti. E quando l’autore gli chiede che cosa c’è di tanto sbagliato nella modernità, Abdullah risponde con queste parole: “E’ che il sistema di oggi mette l’uomo al centro. E’ antropocentrico. Il nostro sistema è teocentrico. La civiltà occidentale dice che possiamo fare quello che vogliamo e che non ci serve un Dio per creare un sistema culturale o religioso. La differenza è questa, ed è grande. […] L’uomo invece di Dio, il progresso invece dell’aldilà, la ragione invece della fede”. Il suo progetto è un altro, più radicale: “Noi crediamo che per una persona musulmana la religione avrà qualcosa da dirle in ogni secondo della sua vita […] Altre religioni non hanno questo tipo di obbligi e permessi, mentre l’Islam possiede una tale unità. E’ tutto un sistema per questo mondo e per l’altro mondo”. Nulla, insomma, della realtà può sottrarsi all’Islam e alla sua regolamentazione, dice lo studente: “Penso che i musulmani debbano stare al vertice, al centro del sistema. Dobbiamo determinare tutte le cose al mondo, altrimenti non saremo liberi noi stessi. Questo non significa che distruggeremo le altre culture. No. Vogliamo essere in cima per realizzare ciò che è stato ordinato da Allah, renderlo reale per nostra mano in questo mondo. Crediamo che sia la cosa giusta da fare al mondo. […] Un cristiano può vivere qui con noi, ma non come un musulmano. Può vivere qui, ma noi dobbiamo essere dominanti”.

l’intera recensione è qui: cadavrexquis: Aatish Taseer: viaggio di un figlio nelle terre dell’Islam.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.