IL PASSO INDIETRO CHE CHIEDE MILANO di UMBERTO AMBROSOLI, Da “Il Corriere della Sera” di martedì 19 aprile 2011

Le parole del presidente Napolitano non lasciano dubbi sulla «vergogna senza attenuanti» dei manifesti anti Procura di Milano. Non possono cadere nel vuoto in una città dove tra meno di un mese si terranno le elezioni per il sindaco e per il consiglio comunale.

Roberto Lassini, candidato al Consiglio comunale nelle liste del Pdl, ha deformato di prepotenza il tema del confronto con lo slogan: «Via le Br dalle Procure». Tale pensiero non riguarda certo i programmi per l`amministrazione dì Milano, tuttavia ora coinvolge e smarrisce la città: nella sua dignità e storia, nella memoria dei suoi cittadini, dei molti che hanno combattuto il terrorismo vivendo appieno la propria responsabilità, facendo fino in fondo il proprio dovere, credendo nelle leggi e nelle istituzioni e rimanendovi fedeli. Cittadini: come quelli che hanno operato in quegli anni nelle aule dei tribunali.o nelle Procure della Repubblica. Alcuni di essi, proprio per tale ragione, hanno perso la vita; altri, raccogliendone il testimone, hanno deciso di lasciare dimensioni. più tranquille e si sono impegnati ed esposti in prima persona per evitare che si affermasse la barbara legge della violenza contro la democrazia.

Per queste ragioni quella frase scellerata coinvolge direttamente la città e ben lo hanno a mente i candidati sindaci che subito l`hanno censurata.

È importante che anche il sindaco Moratti, rappresentante della città prima che candidato per il Pdl, abbia dichiarato: «Sono comportamenti che vanno stigmatizzati perché tutte le istituzioni vanno rispettate».

Di più, Letizia Moratti ha dichiarato «Via Lassini dalla lista», cosa che può dire con una certa autorità visto che questi è candidato nelle file del partito del quale fa parte la stessa Moratti, partito che la vuole nuovamente primo cittadino. Pare, però, che ci sia un certo imbarazzo nel Pdl e, di fatto, ad oggi l`autore di quello slogan scellerato è incredibilmente ancora in corsa per il consiglio comunale.

Mai come ora il sindaco di Milano può imporre la propria posizione e vivere la propria responsabilità: senza giri di parole, distinguo, titubanze, imbarazzi o equilibrismi.

Può, a volerlo, pronunciare parole semplici e chiare, del tipo: caro Pdl, fai fare un passo indietro all`autore, o agli autori, di quei pensieri deliranti che io non condivido affatto, altrimenti il passo indietro devo farlo io e lasciamo ad altri la città.

Poche chiare parole, talmente semplici da non capire perché ancora non siano state dette. Ma oggi è ancora in tempo.

da: Governo Italiano – Rassegna stampa.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.