Guatemala e mercato della droga: Vede i genitori uccisi: il gesto del fratellino, di Michele Farina in Corriere della sera 11 ottobre 2012

———————————————————————————————

Vive in uno dei Paesi più belli del mondo Carlos Gonzalez, di anni sei, che l’altra notte ha visto massacrare nella penombra la sua famiglia dentro una baracca di lamiera. Uno dei posti più belli e più violenti, il Guatemala: i laghi e i narcos, i resti della civiltà Maya e i 39 omicidi per ogni 100 mila abitanti.

….

Tra i cinque piccoli sopravvissuti, a parlare con i poliziotti della «Unidad de delitos contra la vida» è stato soprattutto Carlos, felpa grigia e pantaloni corti giallo sporco. Non il cugino Alfonso, di 12 anni, o Kevin di 11. Ma Carlos, che da martedì notte è il capofamiglia di una famiglia sterminata. Sono rimasti in due: lui e la sorella di 4 anni, Jimena. La foto del loro abbraccio li riprende di spalle, mentre camminano verso la porta (chiamiamola così) di casa. Intorno i corpi insaccati nei teli neri, il fango, un paio di anatre che zampettano in mezzo ai cartellini gialli con i numeri che indicano i 40 bossoli lasciati dai sicari. Carlos che mette la mano sulla spalla di Jimena, lei che gli si aggrappa alla vita. È la foto di un ritorno impossibile, di un inizio tutto da soffrire: i due orfani sono già stati affidati all’assistenza sociale. Ma a vederli così, sembrano due che si incamminano per proprio conto, in mezzo alla palta, accanto a un inutile poliziotto panzuto con i guanti di lattice di una improbabile squadra scientifica.

tutto l’articolo qui Vede i genitori uccisi Il gesto del fratellino.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.