pagina da: Hillman James, La forza del carattere, Adelphi, , 2001, p. 11-12

Hillman James, La forza del carattere,

Adelphi, , 2001, p. 11-12


Invecchiare non è un accidente. E’ una necessità della condizione umana; ed è l’anima a volerlo.L’invecchiamento è inscritto nella nostra fisiologia; eppure, il fatto che la vita umana duri a lungo dopo l’età feconda da e ben oltre il periodo di funzionalità dei muscoli e di acuità dei sensi ci rende perplessi.
Per questo motivo si sente il bisogno di idee immaginative capaci di aggraziare il diventare vecchi e di parlare alla vecchiaia con l’intelligenza che essa si merita. Nel presente libro troverete appunto questo tipo di visione. Esso offre la promessa di dare refrigerio alla mente del lettore con una pioggia di intuizioni che mirano a influire profondamente, addirittura indelebilmente, sulla transizione agli anni più tardi della vita.
Insomma, perché viviamo tanto a lungo? Gli altri mammiferi si danno per vinti, mentre noi andiamo avanti per quaranta, cinquanta, talvolta addirittura sessanta anni dopo la menopausa. A ottantotto anni, eccoci ancora qui, che tiriamo la carretta o indugiamo sulle nostre sdraio.
Io non mi sento di aderire alla teoria secondo la quale la longevità umana è il risultato artificiale della civiltà, della sua scienza e dei suoi servizi sociali, che sfornerebbero questa schiera di mummie viventi, paradossi sospesi in una zona crepuscolare. I vecchi come ritardatari.
Proviamo invece a carezzare l’idea che il carattere ha bisogno di quegli anni in più e che la lunga durata della vita non ci è imposta né dai geni né dalla medicina conservazionistica né da un accordo collusivo con la società.

Gli ultimi anni della vita confermano e portano a compimento il carattere.

2 commenti

  1. …ma è anche vero che si invecchia di più, rispetto a tutto il corso della storia delle civiltà, grazie alla medicina, ai farmaci, alle cure mediche. negare questo significa negare l’evidenza per sostenere la propria (in questo caso giusta) tesi. questa argomentazione di james hillman andrebbe letta accanto a quella del grandissimo psicanalista Gugggenbuhl, quando dive https://mappeser.com/2015/02/09/pagina-da-guggenbuhl-craig-adolf-il-vecchio-stolto-e-la-corruzione-del-mito-moretti-vitali-1997/

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.