Procreazione medicalmente assistita: gli ultimi dati del CENSIS 27 settembre 2016

Gli ultimi dati forniti dal Censis lo scorso 14 settembre, durante il ciclo di audizioni avviati al Senato per l’esame del provvedimento in materia di procreazione medicalmente assistita (A.S. 1630),  evidenziano mutamenti significativi nel profilo delle coppie che si sottopongono alla PMA, con particolare riferimento all’età dei partner (l’età del partner maschile passa da 37,7 anni nel 2008 a 39,8 anni nel 2016 e quella del partner femminile da 35,3 anni a 36,7 anni) e alla loro condizione professionale che diventa più stabile per entrambi.Il 37,7% delle coppie dichiarano di essersi rivolte a medici diversi prima di individuare la causa dell’infertilità (al Sud ed Isole questa percentuale aumenta al 48,8%). Il centro presso cui le coppie si trovano attualmente in cura rappresenta per il 72,2% del campione l’unico al quale si sono rivolti per sottoporsi alla PMA (dato più basso di quello del 2008, pari al 76% circa), testimoniando che è più ampio il numero di coppie che frequentano più di un centro di PMA. Il 36,9% dei rispondenti al momento della rilevazione si trovava a effettuare il primo ciclo, mentre il 63,1% ha indicato di essere già stato sottoposto ad altri cicli in passato.
Qui i dati di dettaglio contenuti nei documenti presentati:

Servizio Studi della Camera dei deputati

Sorgente: Procreazione medicalmente assistita: gli ultimi dati del CENSIS

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.