MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » POLITICA E SCIENZE POLITICHE » GEOPOLITICA » ISLAMISMO e TERRORISMO ISLAMISTA » Francia sottomessa agli islamisti. Giuliano Ferrara sul libro di GEORGES BENSOUSSAN, UNE FRANCE SOUMISE  – in Il Foglio, 14 gennaio 2017

Francia sottomessa agli islamisti. Giuliano Ferrara sul libro di GEORGES BENSOUSSAN, UNE FRANCE SOUMISE  – in Il Foglio, 14 gennaio 2017

51bkhser37l-_sx322_bo1204203200_

https://www.amazon.fr/Une-France-soumise-voix-refus/dp/2226396063

….

E’ uscito con clamore un libro importante, che potrebbe pesare. “La Francia sottomessa” è il suo titolo. Autore Georges Bensoussan, un ebreo marocchino di grande talento, storico riconosciuto della Shoah, del sionismo e dell’antisemitismo europeo, e antropologo di rilievo non solo accademico, intellettuale combattivo ma estraneo al discrimine destra-sinistra, almeno nei suoi termini autentici (le caricature e le denigrazioni sono altra cosa). Bensoussan, con l’aiuto di un gruppo di collaboratori, ha cercato per diciotto mesi di dare voce a quelli che non hanno voce, che non è la solita solfa dei senza potere. E’ roba seria. Sharia, costumi islamici dominanti, intolleranze salafite negli ospedali, nei tribunali, negli uffici pubblici, nelle scuole, nei territori delle banlieue che una volta erano rosse e ora sono verdi, come il verde dell’islam.

Un’inchiesta con i fiocchi, tra sociologia e giornalismo, qui la chiamano storia immediata. Gli oppressi e i discriminati, obiettivi del “razzismo” e dell’islamofobia, ritratti come potenziali o reali oppressori che si muovono all’ombra dell’ideologia che li vittimizza e mostra la debolezza di un’eredità culturale e di un’identità nazionale in ritirata. La prima puntata era stata un caso enorme. Si chiamava “I territori perduti della République”, e sollevava il tema dell’antisemitismo islamista politico quattordici anni prima dell’attentato all’Hypercacher e quattro anni prima del rapimento, tortura e assassinio del giovane ebreo Ilan Halimi in una banlieue carceraria alle porte di Parigi. All’epoca Mohammed Merah, ricorda sul Figaro Alexandre Devecchio, frequentava le scuole di odio dei territori perduti, e nel 2012 ucciderà soldati francesi e bambini ebrei davanti a una scuola giudaica di Tolosa e a Montauban. Ora a due anni da Charlie Hebdo, a un anno e poco più dal massacro del 13 novembre, dopo Nizza e lo sventramento di padre Hamel a Saint-Etienne-du-Rouvray, e in vista dello scontro su chi comanderà le istituzioni in Francia, questa inchiesta promette di essere più che un caso, una bomba. Non è cambiato niente, dice Bensoussan, tutto è peggiorato. C’era già un ritardo di vent’anni, ora la Francia sottomessa si vede a occhio nudo, e fa paura. Si vede per chi vuole vedere. Un proverbio hindu, ricorda l’autore, dice: “Raccontami belle storie e io ti crederò”.

….

tutto l’articolo qui:

Sorgente: Francia sottomessa agli islamisti – Il Foglio


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.511 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,541,304 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: