MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » 1) BISOGNI, DOMANDE, PROBLEMI » SALUTE E MALATTIA » vaccinazioni » Dossier sul decreto Vaccini (Dl 73/2017) elaborato dall’Ufficio Documentazioni e Studi dei Deputati PD, inviato da Chiara Braga e Mauro Guerra

Dossier sul decreto Vaccini (Dl 73/2017) elaborato dall’Ufficio Documentazioni e Studi dei Deputati PD, inviato da Chiara Braga e Mauro Guerra

trasmettiamo il Dossier sul decreto Vaccini (Dl 73/2017) elaborato dall’Ufficio Documentazioni e Studi dei Deputati PD, indirizzandovi anche al link del Gruppo dove potrete trovare gli interventi in Aula e i comunicati stampa più rilevanti riguardanti la materia.

Sperando di aver fatto cosa utile e gradita, vi salutiamo caramente.

Chiara Braga – Mauro Guerra

27/07/2017

Approvata la legge sui vaccini obbligatori

In questi mesi, sul tema dei vaccini, c’è stato un forte interesse dell’opinione pubblica. Purtroppo sono state diffuse anche molte notizie false, prive di qualunque fondamento scientifico, che hanno descritto i vaccini come pericolosi per la salute. Ripetiamo, notizie false. Noi però vogliamo farci carico di tutte le preoccupazioni, senza sottovalutarne nessuna, per questo le nostre scelte recepiscono le indicazioni di tutta la comunità scientifica, nazionale e internazionale. E con questa legge – grazie alla quale vengono resi obbligatori e gratuiti 10 vaccini, prima erano 4 –  vogliamo proteggere per prima cosa la salute dei nostri figli.

Perché è così importante vaccinarsi? Perché al contrario di un normale farmaco che tutela la salute del singolo, i vaccini oltre al singolo tutelano anche l’intera comunità, la c.d. immunità di gregge, e rappresentano una prevenzione di sanità pubblica.

 

Cosa prevede la legge

I vaccini obbligatori e gratuiti diventano 10 (prima erano 4) e ne vengono individuati altri quattro consigliati e raccomandati.

Nel dettaglio i vaccini obbligatori sono: l’anti-poliomielitica, l’anti-difterica, l’anti-tetanica, l’anti-epatite B, l’anti-pertosse, l’anti-Haemophilus influenzae di tipo b.

Quelli obbligatori “a tempo”, cioè solo fino al 2020, sono: l’anti-morbillo; l’anti-rosolia; l’anti-parotite; l’anti-varicella.

Quelli consigliati sono: l’anti-meningococcica B e C; l’anti-pneumococcica; l’anti-rotavirus.
Queste dieci vaccinazioni saranno realizzate attraverso due sole somministrazioni, una esavalente e una quadrivalente.

“Mono” Vaccini: Le persone potranno ricevere somministrazioni singole se già immuni da alcune malattie.

 

Viene creata un’anagrafe nazionale dei vaccini, che raccoglie dati sui soggetti che hanno effettuato la vaccinazione, su chi non può fare la vaccinazione e su eventuali effetti indesiderati.

Viene potenziato il sistema di vaccino-vigilanza attravero l’Aifa.

 

Chi riguarda

L’obbligatorietà riguarda i bambini da 0 a 16 anni

L’obbligo di vaccinazione è esteso anche ai minori stranieri non accompagnati.

 

Sanzioni

I bambini da 0 a 6 anni, se non in regola con le vaccinazioni, non possono accedere all’asilo nido, alla scuola d’infanzia e alla scuola materna.

I bambini dai 7 ai 16 anni che non abbiano fatto tutte le vaccinazioni possono essere iscritti a scuola e vaccinati successivamente, nei termini previsti dal calendario vaccinale. La mancata presentazione della documentazione fa scattare a carico dei genitori una sanzione economica da un minimo di 100 euro a un massimo di 500 euro.
Le Asl si faranno cura di segnalare le vaccinazioni mancanti.

Dall’anno scolastico 2019/2020 tra Asl e scuole ci sarà uno scambio di dati sui bambini e ragazzi, da zero a sedici anni, che non sono in regola con il nuovo obbligo vaccinale. Si dispone che, a partire dall’anno scolastico 2019/2020, i dirigenti scolastici delle scuole, i centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie trasmettano alle Asl, entro il 1° marzo, l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico successivo di età compresa da zero e sedici anni. A loro volta, le Asl dovranno inviare entro il 1° giugno gli elenchi completandoli con l’indicazione dei bambini e ragazzi che risultano “non in regola” con gli obblighi vaccinali. Per i servizi educativi dell’infanzia e le scuole dell’infanzia, incluse quelle private non paritarie, la mancata presentazione della documentazione comporta la decadenza dall’iscrizione.


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.672 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,638,299 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: