CRIMINI e VITTIME

Oriana Binik, Quando il crimine è sublime. La fascinazione per la violenza nella società contemporanea (Mimesis, 2018)

«Ma perché la tv si occupa più dei carnefici che delle vittime? Perché tutta questa enfasi morbosa nei confronti di chi ha ucciso? Perché si raccolgono come reliquie le frasi di Franca Leosini che riecheggiano la peggiore letteratura manieristica? Perché è nata la figura televisiva del criminologo, parodia ridicola di una nuova professione fondamentale? Chi vuole capire il perché di questo sbilanciamento deve assolutamente leggere il saggio (molto serio) di Oriana Binik, Quando il crimine è sublime. La fascinazione per la violenza nella società contemporanea (Mimesis, 2018). Attraverso quattro casi di studio (tra cui il programma Quarto grado e il turismo nei luoghi del crimine), la Binik ci spiega perché siamo così affascinati dal crimine, perché ci piace travalicare ogni limite, sia pur seduti in poltrona, perché contrastiamo il “sublime addomesticato” della tv rovistando nelle trasmissioni che si fondano sulla ricerca dell’estremo. Perché, aggiungo, nei media la vittima è vittima due volte» [Aldo Grasso, CdS]

Categorie:CRIMINI e VITTIME

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...