POLITICA E SCIENZE POLITICHE

Blockchain e partiti, di Claudio Velardi, 21 marzo 2018

Buchi Neri

In una lettera al Washington Post, Davide Casaleggio scrive: Rousseau (la piattaforma on line M5S) non si fermerà qui. Stiamo già lavorando a nuovi progetti. Uno su tutti quello di applicare tecnologie di blockchain al voto: ciò consentirà una certificazione distribuita di tutte le votazioni online e un meccanismo di voto più solido. Ma immaginiamo anche un percorso di selezione meritocratico attraverso la Rousseau Open Academy che ci assicura di schierare candidati di altissima qualità…”.

Nella sua sesquipedale ignoranza, la stampa politica italiana non ha raccolto neppure di striscio il riferimento di Casaleggio alla tecnologia blockchain, e al suo possibile utilizzo in politica. E dunque proviamo noi a spiegare in parole semplici che cos’è questa catena di blocchi, definita da l’Economist la “prossima grande rivoluzione”. E proviamo a capire se può servire alla politica.

La blockchain è, in sostanza, un grande libro mastro distribuito tra i membri…

View original post 424 altre parole

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.