RAFFAELLO MASCI, La paura moltiplica gli extracomunitari, LA STAMPA

Ma quanti sono gli immigrati nei Paesi occidentali? Una quantità enorme: almeno il 24 per cento della popolazione nei Paesi europei, il 35 per cento negli Usa e addirittura il 37 per cento in Canada. Eccolo il fondamento su cui poggiano tutte le paure per gli stranieri: sono troppi. Questi dati, beninteso, sono falsi, ma sono quelli che le rispettive popolazioni di qua e di là dell’Atlantico pensano che siano, secondo il rapporto «Trasatlantic Trends: immigration 2009» realizzato dal German Marshall Fund e dalla Compagnia di San Paolo, e presentato ieri a Roma nella sede dell’Istituto Affari Internazionali. Nella realtà, tanto per dire, negli Usa gli immigrati sono il 13% della popolazione, nell’affollato Canada il 20% e in Europa superano il 13% solo in Germania (13,4%). In Italia sono «appena» il 6,5%, ma la cosiddetta gente, cioè l’opinione pubblica, ha una percezione talmente enfatizzata dal fenomeno che crede che siano il quadruplo.

Da questo errore fondamentale derivano tutte le perplessità e le paure, di frequente alimentate anche dalla politica che punta a tradurre le fobie in consenso elettorale. E’ talmente vero tutto questo, che l’approccio nei confronti dell’immigrazione è diametralmente opposto tra destra e sinistra. L’immigrazione più che una risorsa è un problema, in Europa, per il 35% di chi è di sinistra ma per il 65% di chi è di destra. Negli Usa il rapporto è analogo: il 48% per i democratici e il 73% per i repubblicani. Gli immigrati non fanno paura tanto per la loro concorrenza economica, tant’è che solo il 31% degli europei e il 42% degli americani ritiene che portino via lavoro agli «autoctoni». Di loro preoccupa, semmai, l’incapacità – vera o percepita che sia – di integrarsi, di accettare un sistema di regole condivise e, soprattutto, di aderire ad una visione culturale di tipo occidentale. La questione – secondo il Rapporto – è fondamentale: gli intervistati, infatti, sono favorevoli all’ingresso di immigrati regolari a patto che si diano due condizioni «sine qua non»: prima, che abbiano possibilità serie di trovare lavoro e, seconda, che abbiano buone possibilità di integrarsi con la cultura e il sistema di valori del paese ospite.

Se c’è solo una di queste condizioni – rileva la ricerca – il rifiuto alla regolarizzazione è netto. Non è difficile, in questo, leggere le diffidenze, fondate o meno, verso alcune istanze della cultura islamica in materia di laicità, di uguaglianza dei sessi e degli orientamenti sessuali, di libertà di pensiero, eccetera. Tant’è, per esempio, che l’immigrato «regolare», per il fatto stesso di aderire formalmente alle norme che governano il paese ospite, è percepito come «migliore» – perfino moralmente e professionalmente – rispetto al «clandestino». Salvo poi, ancora una volta, fare confusione con i numeri, per cui gli italiani ritengono che la percentuale di clandestini sia del 66% sul totale, come dire «sono buoni i regolari ma peccato che siano una minoranza». I clandestini, per contro, sono pericolosi per definizione almeno nel 50% dei casi (Canada) ma si può arrivare anche all’81% (Italia).
L’integrazione

Proprio per questo, comunque, si preferisce una immigrazione «permanente» piuttosto che temporanea, in quanto foriera di maggiore integrazione: in Italia questo valore è del 71% ed è il maggiore di tutto l’Occidente, la media Ue è del 54% e quella americana (Usa e Canada) supera il 40%. Allora tanto vale regolarizzare anche i clandestini? Niente affatto: in generale il consenso verso la regolarizzazione è in caduta ovunque, ma raccoglie qualche adesione solo in quei paesi che di regolarizzazioni non ne hanno avute nessuna (Germania, 52%) o ne hanno avuta l’ultima oltre venti anni fa (Francia 55%). Chi, invece, conosce sanatorie periodiche è molto scettico: solo il 36% degli italiani vorrebbe un inquadramento formale dei clandestini. Tuttavia, dice il Rapporto, «In tutti i paesi la maggioranza dell’opinione pubblica è favorevole a garantire le prestazioni sociali e il diritto alla partecipazione politica agli immigrati regolari, sebbene nel caso delle elezioni locali solo in Francia (65%), Italia (53%) e Spagna (53%) si rilevi una posizione chiaramente favorevole». L’istanza Fini, dunque, per una cittadinanza dopo un tot numero di anni, da noi sarebbe vincente.
La paura moltiplica gli extracomunitari

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.