Obama firma la legge sulla riforma della sanita’ – Mondo – ANSA.it

Il presidente Barack Obama, proclamando la ”nascita di una nuova stagione in America” e dedicando il successo alla madre morta litigando fino all’ultimo con le assicurazioni, ha firmato oggi alla Casa Bianca, in un clima di emozione ed entusiasmo, la storica riforma che garantisce la copertura sanitaria a quasi tutti gli americani. Ma i repubblicani, decisi a dare battaglia, hanno gia’ avviato azioni legali in numerosi stati per far dichiarare non costituzionale la misura. ”Dopo quasi un secolo di tentativi, dopo oltre un anno di dibattito, la riforma sanitaria diventa oggi legge negli Stati Uniti – ha detto Obama parlando nella East Room durante la cerimonia della firma – E’ una legge storica che avvia riforme per cui si sono battute generazioni e generazioni di americani”. Obama aveva invitato all’evento, il maggior successo del presidente Usa in 14 mesi alla Casa Bianca, tutti i membri democratici del Congresso che hanno votato per la riforma. I parlamentari, quasi tutti dotati di macchina fotografica per documentare la memorabile occasione, hanno accolto Obama nel salone con il grido elettorale ‘Fired Up! Ready to Go’. In prima fila c’erano i leader democratici del Congresso Nancy Pelosi e Harry Reid, nonche’ Vicki Kennedy, la vedova del senatore Ted Kennedy che aveva fatto della riforma la causa della sua vita. C’erano anche Caroline Kennedy, nipote del senatore e figlia di John Kennedy, e il deputato Patrick Kennedy che aveva portato in dono a Obama una copia della proposta di riforma sanitaria presentata dal padre Ted nel 1970. Al momento della firma della legge, fatta usando venti penne diverse che diventeranno cimeli storici, Obama ha chiamato sul palco anche diversi personaggi simbolo delle ingiustizie del sistema attuale, compreso l’undicenne afroamericano Marcelas Owens diventato un portavoce della battaglia dopo che la madre e’ morta, per una malattia polmonare curabile, perche’ non poteva permettersi l’assicurazione medica. Il presidente Obama, aggiungendo un momento di emozione personale alla cerimonia, ha detto di voler firmare la legge ”anche a nome di mia madre, che ha dovuto combattere con le compagnie di assicurazioni anche negli ultimi giorni della sua vita mentre stava morendo di cancro”. Le celebrazioni si sono spostate dalla Casa Bianca ad un teatro del Ministero degli Interni dove Obama ha ringraziato oltre 600 persone che hanno lavorato per oltre un anno per giungere alla storica riforma che estende al 95 per cento degli americani la copertura sanitaria. Dopo la giornata di celebrazione Obama comincera’ fin da questa settimana la seconda fase della battaglia: il presidente deve adesso ‘vendere’ la riforma agli americani che sembrano essere ancora perplessi e confusi sulla reale portata della nuova legge. Un sondaggio odierno della CBS mostra che solo il 29 per cento degli americani ritiene che la riforma migliorera’ il sistema, il 34 per cento pensa che le cose andranno peggio mentre il resto e’ indeciso. La campagna promozionale comincera’ per Obama fin da giovedi’ con un discorso ad Iowa City, un luogo doppiamente simbolico: in questa citta’ Obama annuncio’ nel maggio 2007, da candidato, il suo piano di riforma sanitaria. E dall’Iowa partono tutte le campagne elettorali. I repubblicani, compatti nella opposizione alla riforma, hanno giurato di farla pagare, nelle elezioni di midterm del novembre prossimo, ai deputati democratici che hanno votato a favore della legge. Inoltre gia’ 13 stati hanno avviato azioni legali nei tribunali federali per far dichiarare non costituzionale la riforma. Ma Obama ha detto di essere tranquillo: le azioni legali saranno sconfitte. E i deputati democratici saranno protetti da un semplice fatto: gli americani scopriranno, nei mesi a venire, i benefici pratici della storica riforma, la piu’ importante in campo sociale dagli anni ’60. Un notevole successo per Barack Obama.

Obama firma la legge sulla riforma della sanita’ – Mondo – ANSA.it

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.