Il caso del feto vivo dopo l’aborto. Mons. Sgreccia: doverosa l’assistenza al di là della legge, da Radio Vaticana

Il caso del feto di 22 settimane rimasto in vita per 24 ore dopo un aborto terapeutico praticato in un ospedale calabrese e poi deceduto per mancanza di ossigeno sta scuotendo l’opinione pubblica italiana. Medici e infermieri coinvolti nell’interruzione di gravidanza hanno ricevuto un avviso di garanzia: la Procura della Repubblica di Rossano indaga per capire se siano state violate le disposizioni della legge 194. La Curia vescovile ha parlato di “arbitraria superficialità dei sanitari nell’omettere qualsiasi tipo di cura e rianimazione del bambino”.

Trecento grammi appena e un cuore che doveva morire e invece non ha voluto smettere di battere. Almeno per un altro giorno, finché ha dovuto arrendersi. Ora si è spento per sempre, ma la storia del piccolo feto mai diventato bambino ha avuto un iter di una drammaticità inusuale nemmeno per le stanze abituate agli aborti terapeutici. I fatti: lo scorso sabato mattina, una donna si presenta all’ospedale “Nicola Giannattasio” di Rossano Calabro, in provincia di Cosenza. Ha deciso di interrompere la sua prima gravidanza alla 22.ma settimana: l’ultima ecografia ha evidenziato due malformazioni al palato e al labbro del figlio che porta in grembo. I medici del reparto di Ostetricia dell’ospedale le praticano l’aborto terapeutico e depositano il feto espulso, avvolto in un lenzuolo, dentro un contenitore, in attesa che muoia. Ma il piccolo esserino non si spegne, continua a respirare anche se non ce la fa da solo, avrebbe bisogno di un aiuto che la legge non ha previsto per la sua età e che dunque non gli viene concesso anche perché nessuno è tenuto a verificare. Ma nelle ore successive, qualcuno si accorge dei timidi movimenti nel contenitore. Si reca dal cappellano dell’ospedale e nel segreto della confessione gli racconta ciò che ha visto. Ma è già domenica mattina quando don Antonio Martello verifica di persona: una terribile scena di solitudine, a 24 ore ormai dall’aborto, che più tardi si consuma con l’ultimo sussulto vitale del feto. Sulla vicenda ora indagano gli inquirenti calabresi per stabilire chi aveva il compito di verificare il decesso e se si sia configurato un caso di abbandono terapeutico. Emanuela Campanile ha raccolto il commento del vescovo Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita, che riflette sui limiti di una legge che assicura l’intubazione e la ventilazione solo a feti vitali di 23 e 24 settimane:
 
“Il medico non deve guardare la data deve guardare il fatto. Quindi, se un feto viene abortito, volontariamente o accidentalmente, e lo si trova vivo anche se ai limiti della sopravvivenza, ai limiti cronologici, e però si è di fronte a un feto che, o perché vigoroso o perché non calcolate bene le date, di fatto viene fuori vivo, si è obbligati a farlo vivere. Questo venga chiarito per legge, o addirittura venga anticipata la data della vitalità. Quindi, ha fatto bene il vescovo a richiamare la massima attenzione e vigilanza, perché quello che vale di fronte alla vita umana – di fronte alla coscienza, di fronte a Dio – è uno che nasce e addirittura è già fuori dell’utero materno e si dimostra di essere vitale, deve avere tutto il soccorso per essere accompagnato”.

Il caso del feto vivo dopo l’aborto. Mons. Sgreccia: doverosa l’assistenza al di là della legge

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.