MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » POLITICA E SCIENZE POLITICHE » AGENDE POLITICHE » Agenda della Politica italiana » Silvio Berlusconi, è «prigioniero del mondo che lui stesso ha creato», New York Times

Silvio Berlusconi, è «prigioniero del mondo che lui stesso ha creato», New York Times

Come ogni soap opera che si rispetti, la locandina è melodrammatica: il protagonista, Silvio Berlusconi, è «prigioniero del mondo che lui stesso ha creato»; la donna dello scandalo, Ruby Rubacuori, ha un soprannome adatto alla parte e recita il copione strappalacrime con frasi del tipo «Ho inventato una vita parallela». IlNew York Times si è inventato questa vignetta-poster per corredare l’articolo sul caso Ruby – intitolato «Surreale: una soap opera con Berlusconi» – in cui si racconta l’apparizione televisiva della «bellissima ballerina da nightclub18enne»Karima el Mahroug al programma di Alfonso Signorini su Canale 5, Kalispera.

La performance di Ruby, scrive Rachel Donadio, è stata «l’ultima puntata di una tragicommedia surreale e molto italiana che mescola fatti e finzione, realtà e reality tv, in una terra in cui il confine tra apparenza e realtà è stato a lungo confuso, dentro e fuori la politica». Il Nyt riferisce della testimonianza di Ruby, che ha raccontato di non aver mai avuto rapporti sessuali con il premier.

L’indagine in corso– prosegue il Nyt – è l’ultimo episodio di un melodramma in onda da 17 anni, recitato da Berlusconi di fronte a un’audience «plasmata dalla cultura televisiva sensazionalistica» che lui ha contribuito a creare con la principale emittente privata italiana. «Oggi, la tensione drammatica sale». E Berlusconi sembra «sempre meno il leader di un Paese europeo occidentale e sempre più un personaggio di un dramma di fine impero romano, i cui attori sembrano ormai aver perso il controllo del loro destino».

Il New York Times pone la domanda che si fanno in molti, in Italia e all’estero:com’è possibile che Berlusconi sia ancora al potere? «La risposta è semplice: la politica». Secondo il Nyt «un numero crescente di italiani cambierebbero canale se ci fosse un’alternativa», ma la sinistra è debole e il centro sfocato. Per ora, il primo ministro ha una maggioranza parlamentare, anche se di stretta misura. Il suo destino è in mano alla Lega Nord, «sempre più irrequieta» e «nessuno ha escluso elezioni anticipate».


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.673 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,638,423 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: