Magistrati: biografie professionali di Ilda Boccassini, Pietro Forno, Antonio Sangermano

Ilda Boccassini, napoletana, 61 anni, è procuratore aggiunto e capo della Direzione distrettuale antimafia di Milano dal maggio 2009. Come responsabile della Dda segue il caso Ruby da quando Antonio Sangermano è entrato a far parte dell’Antimafia milanese. Per tutti è “Ilda la Rossa”, appellativo nato dal colore dei suoi capelli ma che i suoi dei detrattori legano alle inchieste che ha condotto contro il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Da più di trent’anni si occupa di criminalità organizzata. Tra il 1989 e il 1990 è sua l’inchiesta sulla “Duomo connection”, che svela per la prima volta le infiltrazioni mafiose a Milano. Le indagini vengono compiute dai carabinieri del capitano Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, che qualche anno dopo arresterà il capo della mafia, Totò Riina. È con la “Duomo connection” che Ilda Boccassini entra in contatto con Giovanni Falcone.

Così, dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio dove Falcone e Paolo Borsellino perdono la vita, la Boccassini si fa trasferire a Caltanissetta e per due anni partecipa alle indagini che portano alla scoperta di mandanti ed esecutori delle stragi. Con Ultimo collabora alla cattura di Riina. Quando nel 1994 torna a Milano, entra nel pool Mani pulite prendendo il posto di Antonio Di Pietro. È in quell’anno che incontra per la prima volta sulla sua strada il nome di Berlusconi. Le sue inchieste portano in breve ai processi Sme e Imi-Sir. Dal 2004 le sue indagini puntano sull’antiterrorismo, e nel 2007 portano all’arresto di 15 appartenenti a Seconda posizione, ala movimentista delle Nuove brigate rosse. L’organizzazione stava preparando alcuni attentati contro persone a aziende nel Nord Italia: nel mirino c’era anche una delle abitazioni di Berlusconi. L’ultima inchiesta, l’anno scorso, ha portato all’arresto in Lombardia di 175 persone accusate di appartenere alla ’Ndrangheta, svelando la presenza radicata delle organizzazioni criminali calabresi nel Nord Italia.

Pietro Forno, piemontese, 65 anni, è un magistrato assai noto a Milano. Dal 2009 è procuratore aggiunto e, salvo una breve parentesi a Torino tra il 2005 e il 2009, ha svolto quasi tutta la sua carriera nel capoluogo lombardo. Vicino a Magistratura democratica, ma non iscritto, ha la passione per la montagna e lo scialpinismo. Negli anni 70 e 80 ha condotto alcune delle più importanti inchieste sul terrorismo di destra e di sinistra. Quelle sui Nuclei armati rivoluzionari di Francesca Mambro e Giusva Fioravanti, quelle su Prima linea e, infine, sui Proletari armati per il comunismo di Cesare Battisti. Fu lui nel 1981 a firmare, come giudice istruttore, l’ordinanza di arresto di Battisti e di altri terroristi per gli omicidi del gioielliere Pierluigi Torregiani e del macellaio Lino Sabbadin. I colleghi della procura di Milano si sono sempre fidati di Forno. A tal punto che Gherardo Colombo e Giuliano Turone, i magistrati che nel marzo 1981 scoprirono le liste della loggia segreta P2 di Licio Gelli, nascosero in uno dei suoi fascicoli una copia degli elenchi dei mille affiliati all’organizzazione segreta.

Forno ha anche indagato sulla setta Scientology e sul filosofo Armando Verdiglione. Dal 1992 inizia a occuparsi di reati a sfondo sessuale e di pedofilia, creando un pool di investigatori specializzati, il primo in Italia. Ma finisce nell’occhio del ciclone nel dicembre 2000, dopo aver fatto arrestare un tassista milanese accusato di violenze sussuali sulla figlia. Un pm lo sostituisce in dibattimento e nella requisitoria demolisce il metodo utilizzato da Forno per costruire l’accusa, chiedendo l’assoluzione dell’imputato, rimasto nel frattempo due anni e mezzo in carcere. Dopo il proscioglimento del tassista, Forno chiede di essere trasferito a Torino. Vi resta fino a due anni fa, quando l’allora procuratore capo Manlio Minale gli affida il coordinamento del terzo dipartimento, quello che si occupa di reati a sfondo sessuale.

Antonio Sangermano, fiorentino, 46 anni, è il più giovane dei tre magistrati del caso Ruby. Laurea in giurisprudenza nel 1989, un master in diritto tributario e contabilità fiscale delle imprese alla Luiss di Roma, è entrato in magistratura nel 1995. Da giovanissimo lavora alla procura della Repubblica di Patti, poi viene applicato alla Direzione distrettuale antimafia di Messina. All’inizio del 1999 passa alla procura di Vercelli, dove segue numerose inchieste di droga e pedofilia. Approda poi a Milano, dove entra a far parte del pool di magistrati sui reati sessuali guidato dal procuratore aggiunto Forno. Sangermano non si occupa però soltanto di questo. È sua l’inchiesta sul racket delle case popolari a Quarto Oggiaro e Niguarda, due quartieri della periferia di Milano, dove un’organizzazione permetteva di occupare illegalmente le case popolari dietro pagamento di “obolo” tra i 500 e  i 2.500 euro. L’inchiesta nasce da una denuncia dell’associazione Sos racket e usura.

Nel 2010 è ancora Sangermano a chiedere l’arresto di Francesco Tadini, un noto gallerista milanese, figlio dell’artista Emilio Tadini, accusato di aver avuto rapporti sessuali con una 15enne e di detenzione di materiale pedopornografico. Sempre Sangermano porta a processo l’imprenditore Stefano Savasta, accusato dell’omicidio del suo collega e rivale in amore Stefano Cerri, il cui corpo non è mai stato ritrovato. Nel luglio 2010, mentre comincia a occuparsi del caso Ruby, chiede il rinvio a giudizio di 23 persone accusate di contrabbando di sigarette a livello internazionale per un valore di dieci milioni di euro.

da: Caso Ruby, stralcio e processo immediato per Berlusconi. Il ritratto dei tre pm – di Angelo Mincuzzi Il Sole 24 ORE.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.