Simone Marzola, Una mappa per pensare, una mappa per sapere, una mappa per mediare, www.sapermediare.it, www.simonemarzola.it


Guardando una mappa mentale, guardiamo il nostro cervello. Anzi, le nostre sinapsi.

Come le sinapsi generano pensiero, così il pensiero genera il linguaggio della mappa, che procede da un nucleo alla struttura radiale circostante. Ma se la mappa non potrebbe esistere senza la comunicazione di concetti preesistenti,  è altrettanto vero che la mappa ritorna al pensiero per svilupparlo e arricchirlo.

La tecnica del mind mapping ® rappresenta quindi un potente strumento metacognitivo. Le parole chiave che compongono la mappa, significanti di concetti riportabili alla sfera razionale del cervello, sono interconnesse con colori e immagini, afferenti invece alla sfera creativa. Dunque  un metodo che rispecchia il naturale procedere delle nostre abilità di sintesi e associazione neuronale. E, pertanto, un metodo di apprendimento e di organizzazione delle informazioni non sterile, non statico, mai uguale a stesso.

Una mappa mentale, con la sua struttura circolare ma ramificata, è sempre incompiuta. Si può sempre aggiungerle o toglierle qualcosa, inventare nuove relazioni tra gli elementi. In quanto mezzo operativo che non si limita a riassumere, fissare e ordinare i concetti, ma che ambisce a fluidificare la capacità ideativa individuale e di gruppo, la mappa diventa fondamentale in tutte quelle professioni in cui occorre saper trovare soluzioni condivise, anzi, la migliore soluzione possibile condivisa.

A chi, se non al mediatore (il facilitatore neutrale per eccellenza, colui che deve far emergere dagli altri emozioni e bisogni personali), può essere utile il mind mapping ®? Non solo per pianificare e memorizzare, ma soprattutto per gestire, attraverso il problem solving, una negoziazione di tipo cooperativo tra le parti in conflitto. Un accordo soddisfacente per entrambe le parti, stabile e duraturo nel tempo, si fonda spesso su soluzioni alternative, che esulino, per esempio, dal mero dato economico, tenendo invece conto del contatto relazionale e dei sentimenti  tra le persone.

La mappa mentale rappresenta quindi una risorsa per il mediatore che tenti di arrivare al cuore del conflitto, di inserirlo nel quadro biografico ed emozionale delle parti che ha di fronte. Saper mediare è, in fin dei conti, dare la giusta rilevanza ai giusti concetti (mediante le parole chiave) e far cogliere il collegamento migliore tra essi, ossia il collegamento che rimette insieme tutti i pezzi, senza trascurare i desideri di alcuno.

Il rispetto dell’etica della mediazione, imperniata sul dialogo propositivo, sulla partecipazione attiva e su un approccio di tipo integrativo, è pertanto il punto di forza del mind mapping ®: più brainstorming significa più idee, e più idee significano maggiori possibilità di autodeterminazione.

Ecco perché oggi esiste in Italia un corso di formazione per mediatori altamente innovativo ed originale, basato sul metodo didattico delle mappe mentali. L’Istituto Nazionale Telematico di Battaglia Terme (Padova), mentre forma efficacemente i nuovi professionisti, offre loro un indispensabile alleato, estremamente vantaggioso e funzionale, tanto nel lavoro che nella vita privata.

Dott. Simone Marzola

docente-formatore

Responsabile progetti formativi



Istituto Nazionale Telematico
per la Formazione e la Certificazione delle Competenze
CSFO s.r.l.

Via Manzoni, 19  35041 – Battaglia Terme (PD)
mobile 347 5783679

tel. 049 9101545 
fax 049 9114000

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.