Una parola dello Zingarelli al giorno: RADIO

La parola di oggi è: radio / radioonda

La parola del giorno dello Zingarelli e la sua pronuncia sono disponibili all’indirizzo http://dizionari.zanichelli.it/parola-del-giorno/

ràdio (1) / ˈradjo/
[vc. dotta, lat. rădiu(m), di etim. incerta  sec. XIV]
s. m.
1 raggio
2 asticciola per misurare sulla balestriglia l’altezza degli astri


ràdio (2) / ˈradjo/
[lat. rădiu(m) ‘raggio’, di etim. incerta, per la forma  1598]
s. m. (pl. -i -ii)
 (anat.) una delle due ossa dell’avambraccio, dalla parte del pollice  ILL. corpo umano/2

ràdio (3) / ˈradjo/ ràdium
[lat. rădiu(m) ‘raggio’, perché emette radiazioni  1904]
s. m. solo sing.
 elemento chimico, metallo alcalino-terroso, presente nei minerali di uranio, fortemente radioattivo, chimicamente molto reattivo; si usa in medicina come antineoplastico e in vari settori scientifici SIMB. RaNUM. AT. 88


ràdio (4) / ˈradjo/
[da radio(fonia)  1918]
A s. f. inv.
1 accorc. di radiofoniaradiotelefoniaradiotelegrafianavi e aerei comunicano mediante radio | (est.)accorc. di radiotrasmissioneascoltare la radio
2 accorc. di radioricevitore; apparecchio radiofonico: accendere, spegnere la radiocomprare una radio portatile | (colloq.alzare, abbassare la radio, il volume della radio  ILL. radio
3 stazione, centro da cui vengono irradiate trasmissioni radiofoniche: radio Londra | radio fante, gavetta, il rapido trasmettersi delle notizie fra i soldati | radio carcere, il rapido trasmettersi delle notizie fra i detenuti |radio libera, negli anni intorno al 1970, denominazione delle prime emittenti private che iniziarono a trasmettere in regime non monopolistico
|| radiòla, dim. | radiolétta, dim. | radiolìna, dim. (V.)
B in funzione di agg. inv.
 (posposto al sost.) nella loc. onda radio, radioonda | (est.) di ciò che emette, riceve o comunque utilizza le radioonde: ponte radiocontatto radiocollegamento radio | stazione radio, centro di generazione, emissione e ricezione di radiosegnali | apparecchio radio, radioricevitore | giornale radio, notiziario periodico trasmesso per radio | via radio, per mezzo delle onde radio: collegarsi via radio  ILL. atmosfera e spazio/1


radioónda / radjoˈonda/
[comp. di radio- (3) onda  1930]
s. f.
 (fig.spec. al pl.) onda elettromagnetica usata per trasmissioni radio, radiotelegrafiche, televisive e sim. di lunghezza d’onda compresa fra i 10-1 cm e i 107 cm SIN. onda hertziana

La parola è tratta da:
lo Zingarelli 2013
Vocabolario della lingua italiana
di Nicola Zingarelli
Zanichelli editore

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.