Edgar Reitz, L’intraducibile Heimat, di Cristina Battocletti in Il Sole 24 Ore, 13 aprile 2014

TRACCE e SENTIERI

Die andere Heimat in italiano è stato reso con L’altra Patria, ma il vocabolo “Heimat” non ha un corrispondente nelle lingue neolatine e in inglese; solo nello slavo dòmovina. «La parola tedesca “Heimat” è certamente connessa a diversi significati secondari carichi di emotività -, spiega il regista -. Ecco perché è così difficile da tradurre. Non descrive soltanto il luogo della propria infanzia, ma anche la particolare sensazione che colleghiamo alle nostre origini, la sicurezza e la felicità correlate al senso di identificazione, e nello stesso tempo, la percezione di aver perso tale appartenenza. Suppongo che nelle parole e nei concetti, ed è così in ogni lingua, si rispecchi l’esperienza vissuta da diverse generazioni. Quella delle popolazioni germaniche, scandinave o slave deve dunque celare un vissuto che ben rappresenta il concetto di “Heimat” e che magari risale a migliaia di anni fa.

l’intero articolo è qui:

East…

View original post 17 altre parole

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.