Lorenzo Spallino, assessore all’Urbanistica del Comune di Como: Lettera aperta al ministro sulla bozza di legge urbanistica, agosto 2014

Lettera aperta al ministro Lupi a proposito della bozza di legge urbanistica


Può darsi che non interessi a tutti. Ma per quelli che hanno a cuore il tema (e non leggessero i quotidiani di Como), ecco la lettera aperta al ministro Lupi pubblicata su La Provincia il 29 agosto scorso. Chi volesse può anche leggere le risposte del ministro e dell’on. Braga, pubblicate il 31 agosto.

IL GOVERNO CI CONSENTA DI FARE SCELTE PER LA CITTÀ

Caro Ministro, sembra giunto il momento perché la legge urbanistica del 1942 vada in pensione. Il ministero ha reso disponibile la bozza di un nuovo testo, frutto del lavoro coordinato della Sua segreteria, e di esperti da Lei nominati. Si tratta di un gesto apprezzabile.

Tuttavia, va detto che accanto a elementi di sicuro interesse come il riallineamento delle leggi regionali all’interno di un più solido telaio normativo, due elementi rischiano di pregiudicare la già difficile opera di pianificazione degli enti locali: la retorica della tecnica di scrittura utilizzata e il regime di straordinario favore per la proprietà privata. La prima si tradurrà in un incremento dei già frequenti contenziosi, la seconda nega alle fondamenta il principio contenuto nell’art. 42 della Costituzione, secondo cui i fini sociali della proprietà prevalgono sugli interessi particolari del proprietario.

Affermare che le volumetrie create dagli strumenti urbanistici non decadono al decadere del piano che le crea, significa impedire alla collettività di decidere il proprio futuro, anche quando questo futuro dovesse consistere in minori metri cubi di edificato. Esentare dalla fiscalità gli immobili destinati alla vendita o alla rivendita che non siano utilizzati può avere un senso in un’ottica di leva per il recupero, ma non può valere quale regola generale, perché se così fosse significherebbe ignorare che i servizi pubblici di cui immobili inutilizzati godono sono pagati dai cittadini che non hanno nulla da mettere sul mercato.

Stupisce poi leggere che il governo del territorio è regolato in modo che sia assicurato il riconoscimento e la garanzia della proprietà privata, la sua appartenenza e il suo godimento. Siamo tutti d’accordo nell’affermare che la programmazione si fa, anche, con la proprietà, ma ciò non significa sottrarre alle amministrazioni il ruolo di decisori. Eravamo convinti che scopo del governo del territorio fosse la corretta pianificazione, non la tutela di alcuni, pur importanti, interessi.

E infine, tante novità ma nessuna reale semplificazione delle procedure. Oggi sono le amministrazioni che chiedono più semplicità. Lo fanno perché a contatto tutti i giorni con una realtà economica che chiede rapidità e certezza nelle decisioni. Potenziare i processi di coinvolgimento, semplificare i processi decisionali, questa è la sfida che chiediamo venga affrontata.

Mi permetta di riferirLe il mio convincimento a proposito del senso del servizio nelle pubbliche amministrazioni: se questo è il destino della pianificazione urbanistica, se il futuro ci riserva faticose contrattazioni con i privati all’interno di procedure obsolete, sarà difficile per chi non fa della politica la propria ragione di vita trovare motivazioni che giustifichino un’importante sottrazione di tempo ed energie alla vita privata e alle professioni.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.