Animazione sociale n. 292, 2015

Gentile lettrice/lettore,

esce il numero 292, il quinto del 2015. Ecco i principali contenuti (aggiornamenti costanti su facebook.com/animazione.sociale):

>> Possiamo vivere insieme senza «l’altro»?  Oggi alla solidarietà verso gli intimi corrisponde l’insensibilità verso gli estranei. L’operatore sociale può favorire l’interiorizzazione dell’altro nel discorso pubblico? Intervista allo psicanalista franceseJean-Pierre Lebrun

>>  Impegnarsi oggi in campo sociale  Quando si opera nel sociale ci si propone di migliorare le condizioni di vita di singoli e gruppi. Ma in una società così variegata e complessa cos’è «meglio»? Quali bussole ci possono orientare? Di Franca Olivetti Manoukian

>> Dieci questioni di agenda politica sulle sostanze  Serve una nuova agenda culturale e politica per una società che intenda misurarsi con le molte sofferenze connesse ai consumi di sostanze psicoattive. Di Leopoldo Grosso

>>  Il volontariato come luogo rigeneratore del noi  Da sempre il volontariato è il luogo in cui le persone perseguono la ricerca del Noi perché si rendono conto che l’Io è una dimensione troppo angusta in cui pensare la vita. Come accompagnare l’evoluzione del volontariato nei nostri territori? Inserto a cura del Centro di Servizi per il Volontariato di Bergamo

>> Coltivando convivenza in un condominio  Sono molti i cittadini che stanno provando a uscire dalla propria solitudine e a co-produrre concreti beni comuni, con l’accompagnamento di animatori e scelte di politiche locali. Di Davide Boniforti e Benedetta Rho

>> Cos’è realmente in gioco nel ridurre i consumi a scuola  Spesso nei percorsi educativi e didattici legati all’educazione ambientale manca l’incontro con le sfide del reale. Come evitare linguaggi stanchi, che non agganciano né allievi né insegnanti? Di Antonio Castagna

>> Cos’è possibile con i ragazzi in difficoltà a scuola?  Per arginare la dispersione scolastica occorre prevedere momenti di vita scolastica ed extrascolatica in cui i ragazzi possano fare i conti con il caos che li sommerge, fino a ritrovare il desiderio di formazione. Di Massimiliano Anzivino

>> Nel Bazar > Perché la cooperazione sociale deve prendersi spazi di mercato senza attenderli per statuto (Giovanni Teneggi) > La scuola raccontata dalla parte degli ultimi: i rom (Andrea Bortolotti) > Le Locande sociali ci portano a Bresso (Mi) dove la Cooperativa Lotta contro l’emarginazione propone il “pranzo sospeso” (Roberto Camarlinghi).

SE DESIDERI ABBONARTI clicca qui. Se vuoi ricevere subito anche questo numero, specifica nella causale “abbonamento AS con decorrenza dal n. 292”.

Buona lettura!

La redazione di Animazione Sociale

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.