“reddito di cittadinanza” è il contrario di “reddito minimo”. Lo lodano a sinistra, ma forse è di destra – in Linkiesta.it

Lo lodano a sinistra, ma forse è di destra. Lo studiano gli stati, ma lo attuano le aziende della Silicon Valley. Perché, invece di un mercato senza lavoro, ci conviene pianificare una rivoluzione del welfar

Primo: un bel glossario. Che aiuti a capire, ad esempio, che “reddito di cittadinanza” è il contrario di “reddito minimo”. Quest’ultimo è il caposaldo dei sistemi di welfare europei da decenni, spetta solo a chi è sotto una certa soglia di povertà e, soprattutto, è assegnato solo a chi è disoccupato e dimostra la disponibilità a tornare al lavoro.

Il reddito di cittadinanza è invece una somma data a tutti i cittadini indipendentemente dal reddito e, soprattutto, dalla loro intenzione di lavorare: con il reddito di cittadinanza il lavoro non è più il perno su cui si fonda l’appartenenza alla comunità. È questa, forse, la prima verità non dichiarata sul reddito di cittadinanza. Può piacere o meno, ma è bene dirlo chiaramente, specie nella “repubblica fondata sul lavoro”.

Sorgente: Parliamo di reddito di cittadinanza perché non crediamo nel futuro del lavoro – Linkiesta.it

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.