MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » GEOPOLITICA » Europa » Francia: elezioni del 23 aprile 2017. En March di Emmanuel Macron al 23,8%

Francia: elezioni del 23 aprile 2017. En March di Emmanuel Macron al 23,8%

Francia – Il candidato indipendente di En Marche! Emmanuel Macron e la leader del Front National Marine Le Pen si sfideranno al ballottaggio per le elezioni presidenziali francesi, dopo aver conquistato i primi due posti al primo turno. Ecco le mappe chemostrano il voto dei francesi e, in particolare, dei parigini. Leggi un’analisi del voto e di come il terrorismo islamico abbia favorito Marine Le Pen. Intanto, il presidente uscente Hollande ha annunciato che voterà Macron.

La Francia e l’Europa non sono più quelle di prima. Dal Paese bersaglio dei terroristi viene una grande domanda di riscossa e di cambiamento, che si biforca nella direzione populista di Marine Le Pen (21,4%) e in quella europeista di Emmanuel Macron (23,8%). Il suo primo posto rappresenta una bella sorpresa, per quanto indicata da sondaggi di cui nessuno si fidava davvero. Vista anche l’alta affluenza (78,8%), la Francia ha dato una prova di partecipazione, slancio verso il futuro, rifiuto della condanna al declino e delle interferenze del terrore. Per la prima volta da quando esiste l’elezione diretta del presidente (De Gaulle-Mitterrand, 1965), la destra repubblicana non è presente al ballottaggio. Il candidato del partito socialista al governo esce umiliato, molto sotto il 10%

Marco Gervasoni sul Messaggero:
Benché annunciato dai sondaggi, resta un evento clamoroso. L’arrivo di Macron al ballottaggio era infatti qualcosa di inimmaginabile solo un anno fa. Non era mai accaduto nella V Repubblica che una figura relativamente sconosciuta, per poco tempo ministro importante ma di un governo impopolare, scalasse vette che i giganti del passato erano riusciti a raggiungere solo dopo diversi tentativi.

 

Il primo turno delle presidenziali francesi si chiude con Emmanuel Macron in testa, al 23,76% e Marine Le Pen, che passa al ballottaggio (21,58) ma non stravince. Per la prima volta i due partiti che hanno sempre governato la Quinta Repubblica, socialisti e neogollisti, sono fuori gioco. Nelle zone rurali ha trionfato il Front national, nelle città e tra i giovani il 39enne centrista di En Marche!. E’ la resa dei partiti storici, commenta Cesare Martinetti. Marcello Sorgi vede una lezione per l’Italia: chi sa muoversi e cerca soluzioni può battere i populisti. L’essenziale è non restare fermi.

Il primo turno è finito così: Macron e Le Pen vanno al ballottaggio; socialisti e gollisti fuori dal gioco e dalla storia, una sinistra-sinistra che prende voti e non si schiera per il secondo turno, gli operai che votano a destra, le città progressiste anni luce distanti dalla campagna nazionalista, isole metropolitane che galleggiano in un paese diviso e con una mappa politica sconvolta per sempre.

 

 

Nel 1792 viene composto l’inno nazionale della Francia, La Marsigliese.

 

 


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.813 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,669,179 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: