MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » 1) BISOGNI, DOMANDE, PROBLEMI » IMMIGRAZIONE E POLITICHE MIGRATORIE » Politica delle migrazioni » Nel discorso di Boeri è evidente che c’è una confusione catastrofica fra immigrati comunitari e non; clandestini spacciati per migranti economici; rifugiati | fonte: Charly’s blog

Nel discorso di Boeri è evidente che c’è una confusione catastrofica fra immigrati comunitari e non; clandestini spacciati per migranti economici; rifugiati | fonte: Charly’s blog

Tempo fa avevo scritto che le parole hanno un significato ben preciso e che mischiarle finisce per creare confusione se non addirittura politiche sbagliate. Nel discorso di Boeri è evidente che c’è una confusione catastrofica fra

  • immigrati comunitari e non;
  • clandestini spacciati per migranti economici;
  • rifugiati;

Boeri parla chiaramente di chi risiede e lavora in Italia, ma la discussione attualmente in atto verte sui clandestini che si riversano sulle spiaggie italiane e che gli altri paesi europei non vogliono prendere in carico. Non ci vuole un genio a capire che i regolari lavorano e versano i contributi, i clandestini no (e magari non hanno neppure le caratteristiche – skills, lingua – per lavorare in Italia).

Se poi giochiamo con i numeri si dovrebbe ricordare che i clandestini costano: «L’ultima stima complessiva è contenuta nella lettera indirizzata dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ai commissari Ue: ben 3,3 miliardi di euro solo quest’anno» [4]. E quanto fa 38 miliardi diviso gli anni da qui al 2040? Neppure 1,7 miliardi l’anno.

Vi è poi l’altro fattore da considerare: quello economico. Come ci ricorda l’Istat i disoccupati sono quasi tre milioni. Per quanto riguarda «il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 37,0%, in aumento di 1,8 punti percentuali rispetto al mese precedente», mentre è bene ricordare che «guardando alle altre classi di età, il tasso di occupazione a maggio cala di 0,2 punti percentuali tra i 25 e i 49 anni, mentre cresce di 0,2 punti tra gli ultracinquantenni. Il tasso di disoccupazione cresce tra i 25-34enni (+0,5 punti) e i 35-49enni (+0,2 punti) mentre cala tra gli over 50 (-0,4 punti). Il tasso di inattività cala di 0,2 punti tra i 25-34enni, rimane stabile tra i 35-49enni e cresce di 0,1 punti tra gli over 50» [5].

Detto in termini semplici, l’economia italiana non registra la piena occupazione né il bisogno disperato di manodopera.

Sorgente: Cari immigrati, scappate: Boeri vuole rubarvi i contributi! | Charly’s blog


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.620 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,624,487 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: