MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » GEOPOLITICA » Islamismo e terrorismo islamista » BELPIETRO MAURIZIO, BORGONOVO FRANCESCO, Islamo-follia. Fatti, cifre, bugie e ipocrisie della gioiosa sottomissione italiana, Sperling & Kupfer, 2017

BELPIETRO MAURIZIO, BORGONOVO FRANCESCO, Islamo-follia. Fatti, cifre, bugie e ipocrisie della gioiosa sottomissione italiana, Sperling & Kupfer, 2017

ISLAMOFOLLIA

MAURIZIO BELPIETRO, FRANCESCO BORGONOVO

«Alla fine, è sempre colpa nostra. Colpa della nostra coscienza sporca, colpa dell’Europa debosciata e corrotta. Perfino a Rimini. ‘Sono senza Allah, devastati dalla società occidentale’, ha gridato l’imam, commentando il terrificante stupro di una coppia di giovani e una transessuale da parte di un ventenne congolese, in Italia per motivi umanitari, e tre minorenni, due marocchini e un nigeriano. Colpa dell’Occidente decadente e dissoluto. E dire che in casa hanno il versetto del Corano appeso alla porta. Ma l’imam ha puntato il dito, e nessuno ha osato contraddirlo. Al contrario, solo pochi giorni dopo l’agghiacciante episodio, è scoppiata una gran cagnara attorno a un’avvocata che si occupa di pari opportunità. ‘Dobbiamo accogliere. Ma anche educare alle regole chi viene nel nostro Paese’, ha detto pacatamente Carmen Di Genio, ricordando semplicemente che molti stranieri giungono da Paesi in cui le donne sono considerate meritevoli di rispetto quanto un posacenere. Dati confermati del resto anche dall’OCSE, l’organizzazione internazionale che si occupa di cooperazione e sviluppo. Ma no, non si può dire. Apriti cielo. L’islamofollia impone il prezzo aggiuntivo del giustificazionismo radicale, della contrizione perenne, del piagnisteo ipocrita, oppure del silenzio. Anche di fronte ai deliri, alle minacce, agli orrori, agli attentati terroristici. Pena la censura, il pubblico ludibrio, la scomunica, il bavaglio. Ecco, noi non ci stiamo: vogliamo continuare a fare anche in questo caso il nostro mestiere, esporre i fatti, tutti, elencare e smascherare le bugie, chiamare le cose per nome. Vogliamo dar conto nel dettaglio ‘di un’ideologia che giustifica, promuove, celebra e incoraggia questi atti’, per usare le parole illuminanti di un’attivista dei diritti come Ayaan Hirsi Ali. Perché la realtà ci dice che i moderati veri nel mondo musulmano mettono in gioco la propria vita, sono costretti a vivere sotto protezione, ricevono minacce e insulti, vengono emarginati dagli altri musulmani. Gli estremisti dettano legge, tutti gli altri subiscono. Noi vogliamo infrangere il tabù. Raccontare questa follia di cui non si può parlare. Senza arrenderci alla gioia della sottomissione.»
269978882006hig_2_227x349_exact

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.820 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,669,752 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: