ANZIANI

LA QUALITÀ DELLA COMUNICAZIONE ALLA SCOPERTA DELL’ANZIANO IN DIFFICOLTÀ, di Carlo Cristini, Fabrizio Arrigoni, Marco Fumagalli, Maggioli editore, 2018

La comunicazione è connaturata all’essere umano. Non si può non comunicare, recita il primo famosissimo assioma di Watzlawick. Siamo composti di comunicazione. Mente e cervello si formano e si caratterizzano in base alle esperienze, vale a dire alle relazioni che viviamo, ai contenuti e alle modalità comunicative che sviluppiamo. Spesso comunichiamo senza sapere effettivamente che cosa stiamo comunicando e come. Ma ciò che esprimiamo negli atteggiamenti, nei comportamenti, nelle parole e nei loro silenzi è il prodotto delle nostre idee, di ciò che pensiamo di noi stessi, degli altri, dell’ambiente nel quale siamo inseriti e col quale interagiamo.

Quale idea abbiamo della vecchiaia, della disabilità, della demenza? Ciò che realmente, profondamente pensiamo dell’età senile – e non solamente ciò che ammettiamo di pensare – influenza l’interazione con gli anziani, sani e malati, autosufficienti o disabili. Si può imparare a comunicare in un modo più appropriato con le persone anziane in difficoltà. È possibile riconoscere il proprio modo di comunicare, anche quello non verbale, e predisporsi, se necessario, a modificarlo. Si possono apprendere il più correttamente possibile modalità relazionali e comunicative con le persone anziane che presentano problemi mentali e comportamentali, fronteggiare e proporsi in termini più consoni con chi esprime una sofferenza psichica. Una particolare attenzione viene posta sulla comunicazione non verbale, quale registro determinante per comprendere sempre più approfonditamente le espressioni del disagio e cogliere le modalità individuali di tali manifestazioni. Anche i silenzi devono essere “ascoltati” e compresi.

1. La condizione degli anziani oggi
2. Aspetti generali della comunicazione
3. Alla voce comunicazione
4. Qualità e caratteristiche della relazione
5. La comunicazione: oltre il verbale
6. La demenza: quale difficoltà di comunicazione, linguaggio e senso?
7. La relazione con l’ambiente di vita: il metodo Montessori per l’orientamento e per l’integrazione degli anziani con e senza demenza
8. La comunicazione nell’équipe curante
9. La comunicazione impegnativa

Carlo Cristini
Docente di Psicologia Generale, Università degli Studi di Brescia.
Fabrizio Arrigoni
Docente di Pedagogia e Antropologia e dei laboratori di Geriatria e della Comunicazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Brescia, Docente di Antropologia presso l’Università Pontificia Salesiana di Torino, Docente di Medical Humanities presso l’Università di Cagliari.
Marco Fumagalli
Docente di Metodologia del lavoro sociale. Attualmente lavora per la Cooperativa La Meridiana di Monza presso l’Oasi San Gerardo di Monza

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...