Agenda delle politiche sociali e dei servizi

Regioni e schemi di reddito minimo: rischi e opportunità di una governance multi-livello | Articolo di Matteo Jessoula, Marcello Natili | in welforum.it, 17 gennaio 2018 |

Tradizionalmente ai margini del dibattito politico, negli ultimi tempi gli schemi di reddito minimo hanno trovato uno spazio sempre maggiore nei programmi e nelle proposte dei partiti politici, e sono divenuti oggetto di discussioni sempre più accese.  A questa maggior centralità ha fatto seguito l’approvazione di nuove misure, a livello nazionale come a livello locale.

Più nota è l’evoluzione recente a livello nazionale. All’introduzione a livello sperimentale in 12 Comuni della “Nuova Social Card” ha fatto seguito prima, il passaggio al Sostegno all’Inclusione Attiva e la sua estensione sull’intero territorio nazionale, e successivamente l’approvazione del Reddito di Inclusione (REI), che per la prima volta dota l’Italia di uno strumento strutturale di contrasto alla povertà. Ognuno di questi passaggi è stato caratterizzato dall’introduzione di modifiche significative all’impianto normativo, senza che – neppure  con le recenti modifiche contenute nella bozza della legge di bilancio (Art. 25) – siano del tutte risolte le problematiche che hanno indotto a parlare del Rei come di un “reddito… troppo minimo” (Saraceno 2017),caratterizzato da scarsa generosità, bassa copertura, limite massimo di durata e importanti vincoli nella possibilità di scelta dei beneficiari su come utilizzare la componente monetaria del Rei.

In contemporanea all’intervento nazionale – alle volte precedendolo, più spesso in contiguità con l’introduzione del SIA – sono numerose le regioni che hanno introdotto schemi regionali di contrasto alla povertà (Benassi 2016, Natili et al. 2017). Si tratta del

Friuli Venezia Giulia (legge regionale 15/2015),

dell’Emilia Romagna (legge regionale 24/2016),

del Molise (legge regionale 9/2015), della Puglia (legge regionale 3/2016),

della Sardegna (legge regionale 7/2014), cui si aggiungono le proposte di legge in discussione nelle Marche e in Toscana e le modifiche introdotte alle esperienze di più lungo corso in

Basilicata (legge regionale 26/2014),

in Valle d’Aosta (legge regionale 18/2015) e nelle Provincia Autonoma di Trento.

I programmi regionali sono molto diversi, sia tra di loro, che rispetto al programma nazionale, in tutte le dimensioni più importanti:

….

vai all’intero articolo:

Regioni e schemi di reddito minimo: rischi e opportunità di una governance multi-livello | Articolo | welforum.it

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.