2 risposte »

  1. ricevo una lettera: Grazie!
    E’ stato il prof con cui mi sono laureata…
    Ricordo il clima “tumultuoso” e controverso che lo circondava.
    Aveva accettato la mia tesi (sostanzialmente di psicosociologia) su brefotrofi/abbandono minori/progetto legge sull’adozione speciale, dicendomi “Se fa tutto da sola”. E così fu. Poi in sede di discussione elogiò la mia “passione” per il tema e difese molto calorosamente il mio punto di vista nei confronti di chi mi aveva domandato: “ma lei, signorina, al legame di sangue non ha pensato?” (***, diritto pubblico) .
    Con gli studenti a volte sapeva essere un po’ indisponente, un po’ troppo gigionesco, almeno per i tempi di allora. Certamente non odioso come Gianfranco Miglio (tuo conterraneo) – allora preside di Facoltà – che ti obbligava a fare su quattro complementari (che avresti potuto scegliere creandoti un a specie di “indirizzo”) due dei suoi insegnamenti per farti comperare le dispense…. E se tentavi di fare una domanda alle sue lezioni ti gelava dicendo che eri venuta all’università per ascoltare e non per parlare.
    Insomma un bel po’ di ricordi.
    ***
    —————————————
    rispondo:
    MA CHE BELLO IL TUO RICORDO !!!
    pensa che non sapevo nel modo più assoluto di questa tua esperienza con Alberoni
    anche in questo le nostre vite si sono intrecciate:
    Alberoni è stato il preside di sociologia a Trento, proprio quando io mi iscritti a quella università
    ho ricordi vividi della sua interazione con gli stronzi del sessantotto (molti dei quali diedero vita poi al terrorismo assassino delle brigate rosse )
    interagiva
    creava situazioni di compromesso con la loro prepotenza e invadenza
    ma soprattutto portò a Trento professori come Tullio Aymone, con cui feci la tesi anni dopo proprio sui servizi sanitari (di fatto fu la mia iniziazione alle politiche sociali)
    come Carlo Tullio Altan , il mio “maestro più maestro” (gli ho dedicato questo ricordo sul suo lavoro antropologico: https://mappeser.com/2013/03/26/carlo-tullio-altan-1916-2005-una-ricostruzione-dei-passaggi-chiave-della-sua-ricerca-schedavideo-di-paolo-ferrario/)
    come Franco Fornari che chiedeva per il suo esame di psicologia la lettura di tutto il trattato di Musatti e che mi diede trenta e lode: pensa che ricordo ancora i momenti dell’esame!
    ma anche Silvia Bonino
    e Gianfranco Albertelli che fu il contatto per arrivare all’Ensiss di via Ruffini
    insomma: se nella vita occorre “seminare ” e “lasciar traccia”, di certo FRANCESCO ALBERONI ha segnato l’epoca del secondo novecento e la biografia di Scramaglia gli rende i meriti che ha avuto e che vanno tramandati alla storia
    userei per Alberoni il concetto di “gratitudine” così come lo intende Duccio Demetrio. Gli devo gratitudine e lo dico: infatti la gratitudine va detta, va ribadita, va approfondita
    e a proposito ancora di gratitudine: ho in mente di fare in questa primavera un giro milanese nel quale farò un servizio fotografico sui LUOGHI che hanno segnato la mia biografia di formatore: Via Ruffini; Via Daverio; Via Pace, Via D’Annunzio, Via Piceno, alcune aule della Università di Milano Bicocca
    e naturalmente riceverai il video che costruirò . Appunto per gratitudine a quello che ho avuto dalla città di Milano e ad alcuni suoi “abitatori”
    grazie per avermi fatto rievocare questi pezzi del mio passato relativo alla fine degli anni ’60 e primi del ’70
    Paolo Ferrario, 7 aprile 2018

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.