COSTA Francesco, Questa è l’America, Mondadori, 2020. Indice del libro

costa781costa779

costa780

13 ott 2020, Al Maxxi di Roma presentazione di Questa è l’America di Francesco Costa (Mondadori), con la partecipazione dell’autore, del presidente della Fondazione Maxxi Giovanna Melandri e della giornalista Monica Maggioni (ore 19). La Stampa: «“L’America vera si trova nel nulla che c’è tra due luoghi: parlando con le persone che ci vivono è possibile scoprire la realtà degli Usa”: è il consiglio di Francesco Costa per chi vuole conoscere davvero la prima potenza mondiale per economia, scienza, innovazione e forza militare. E la questione sta tutta qui: abbiamo una conoscenza falsata di un Paese gigante, che il giornalista e scrittore racconta in Questa è l’America, il suo ultimo libro. […] Come mai gli italiani hanno un’idea degli Usa così lontana dalla realtà? “Siamo molto influenzati dai film e dalle serie tv, che offrono però una visione molto parziale. Anche quando andiamo in vacanza negli Usa visitiamo grandi città e parchi, luoghi che però non somigliano ai posti in cui vive la maggior parte degli americani”. Il primo capitolo s’intitola La piaga e racconta una vicenda poco nota in Europa: le overdose da oppiacei. “È una storia enorme che ogni anno causa più morti delle armi e degli incidenti, un fenomeno gigante che gli stessi americani hanno impiegato un po’ a definire, perché è più facile immedesimarsi in chi viene ucciso in una strage che in chi muore da solo per un’overdose. In realtà queste vittime si sono trovate a usare farmaci così potenti per curare un dolore cronico o per una chemioterapia e poi ne sono diventate dipendenti, con la complicità delle case farmaceutiche”. Perché questa vicenda rappresenta bene i problemi degli Stati Uniti? “Anche in Italia esistono i farmaci derivanti dagli oppiacei, ma i medici sono giustamente cauti nel prescriverli e i malati nell’assumerli. Negli Usa se è possibile evitare un dolore o avere la vita più comoda non si pensa molto alle conseguenze. Per pigrizia e per libertà: è uno Stato che non ti protegge, come è invece in Europa”. Lei segue e visita gli Usa ormai da 15 anni: c’è qualcosa che ancora oggi la stupisce? “L’ingenuità degli americani. Il lato positivo è rappresentato dall’ottimismo incrollabile nel futuro che è motore di un progresso costante, mentre il limite sta nell’eccessiva fiducia verso se stessi, i politici o, ad esempio, verso la facilità di mettersi un’arma in casa pensando che nessuno si farà del male”» (leggi qui un estratto).

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.