WelForum, 9 luglio 2020. Indice degli articoli

Politiche per le famiglie e disuguaglianze
Chiara SaracenoLe politiche per le famiglie possono concorrere a ridurre o rafforzare le disuguaglianze di genere, di classe, tra famiglie di diverso tipo e dimensione. In Italia l’impatto sulla riduzione delle disuguaglianze è comparativamente contenuto, data l’entità della spesa e la frammentarietà delle misure. Alcune riforme sono particolarmente urgenti, come l’assegno unico per i figli, la riorganizzazione dei congedi parentali, il potenziamento dei servizi 0-6 e, pur controversa, la riforma dell’indennità di accompagnamento.

Povertà e disuguaglianze

Il reddito di emergenza e la missione di non lasciare nessuno indietro
Maria Luisa MaitinoLetizia RavagliNicola Sciclone

Il REM è stato introdotto dal Governo come reddito di ultima istanza per le famiglie, provate dall’emergenza Covid-19 e rimaste escluse da una qualche forma di protezione sociale o ammortizzatore. Obiettivo condivisibile di questo nuovo strumento è quello di non lasciare indietro nessuno, almeno tra le fasce più povere della popolazione. Proposito raggiunto?  LEGGI > 

Politiche e governo del welfare

Diritti essenziali e coprogrammazione
Ugo De Ambrogio

Negli ultimi giorni sono accaduti due importanti fatti che, messi insieme, potrebbero rappresentare altrettanti importanti segnali per uno sviluppo del welfare sociale nel prossimo futuro in Italia: una sentenza della Corte Costituzionale sull’Articolo 55 del Codice del Terzo Settore e l’approvazione di un emandamento al Decreto Rilancio. Vediamoli insieme.  LEGGI > 

Anziani

Covid-19. La mortalità nelle strutture residenziali per anziani
Franco Pesaresi

In Italia, dati certi e completi sulla mortalità collegata al Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani non ci sono. L’unica rilevazione nazionale è una survey sul contagio Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani realizzata dall’Istituto superiore di Sanità (ISS) (5/5/2020). Che cosa emerge dalla survey?  LEGGI > 

Professioni sociali

I Servizi centrati sulla persona utente
Beatrice Bassini

Storicamente i Servizi Dipendenze Patologiche dell’Ausl di Bologna distinguono varie fasi nell’approccio all’utente: dal primo contatto, alla fase di osservazione-diagnosi fino al trattamento vero e proprio. Per questo percorso è essenziale far riferimento al lavoro di equipe, perché “lavoro comune” devono essere sia la diagnosi che il trattamento, sistematizzando i “pezzi di sé” che spesso l’utente proietta sulle varie figure professionali.  LEGGI > 

La psicologia del lavoro nel post-emergenza sanitaria
Il rischio di abbandono nella scuola a distanza

Regolarizzazione: la guida pratica di Asgi

Coronavirus: alcune lezioni dall’emergenza

Sanità e assistenza nel Rapporto Corte dei Conti 2020

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.