Il settimanale Oggi ha scoperto che Pietro Maso, che nel 1991 uccise i genitori a colpi di spranga, almeno fino alla fine del 2019 ha ricevuto il reddito di cittadinanza, 30 lug 2020

Il reddito di cittadinanza a Pietro Maso
Il settimanale Oggi ha scoperto che Pietro Maso, che nel 1991 uccise i genitori a colpi di spranga, almeno fino alla fine del 2019 ha ricevuto il reddito di cittadinanza, il sussidio riservato dallo Stato a chi guadagna meno di 9.360 euro l’anno. L’avvocato di Maso, Marco De Giorgio, dice che ora il sussidio potrebbe essere stato sospeso per la gravità della vicenda giudiziaria. Secondo il Codice penale gli unici condannati che non possono godere di «pensioni, assegni e stipendi a carico dello Stato» sono quelli che hanno precedenti penali per reati legati alla criminalità organizzata, al terrorismo o per truffa ai danni dello Stato, e Maso non rientra in nessuna di queste categorie. L’articolo 28 del codice penale, però, prevede che chi è stato raggiunto da una condanna che comporta l’interdizione dai pubblici uffici – «nel caso di Maso perpetua, vista la gravità del reato», precisa De Giorgio – non possa ottenere «stipendi e assegni che siano a carico dello Stato o di un altro ente pubblico».
«Le ultime notizie davano il veronese in Spagna, intenzionato a ricostruirsi una vita (dopo aver scontato 22 anni di carcere) lavorando come cameriere. Ma il piano a quanto pare non ha funzionato.“«Mi ha telefonato mesi fa – racconta l’avvocato De Giorgio –, credo che oggi viva dalle parti di Terni con una nuova compagna e che non se la passi molto bene. Vorrebbe solo essere dimenticato ma ancora oggi tutti lo ricordano come il “mostro”. Probabilmente ha chiesto il reddito di cittadinanza proprio perché non riesce ad arrivare a fine mese. A chi si trova in quelle condizioni qualche centinaio di euro possono far comodo…» [Prianzo, CdS].

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.