Fosco Foglietta (a cura di), Management in Sanità. Abilitazione alle funzioni direttive di ASL e Aziende ospedaliere (Top e Middle manager), Maggioli editore, 2020

MANAGEMENT IN SANITÀ
Indispensabile supporto all’abilitazione dei dirigenti di vertice e intermedi presso le Asl e le aziende ospedaliere, il manuale analizza l’evoluzione del SSN, focalizzandosi sui principali aspetti di governance, organizzazione, integra-zione sociosanitaria, committenza, ruolo del cittadino, welfare di comunità, livelli essenziali di assistenza, sanità integrativa, ed esamina sistema di finanziamento, rapporto fra Stato e Regioni e ruolo degli enti locali, evoluzione dei sistemi informativi e informatici, della ricerca scientifica, del risk management e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
SCHEDA PRODOTTO

Capitolo 1 – Breve visione storica comparataCapitolo 2 – Premesse costituzionali al diritto alla salute e interpretazioni giurisprudenziali2.1. La tutela della salute: cenni introduttivi• L’interpretazione costituzionale del diritto alla salute• L’elaborazione del diritto alla salute nella giurisprudenza della Corte di Cassazione2.2. La tutela della salute in ambito comunitario: cenni• La giurisprudenza comunitariaCapitolo 3 – Prima e dopo la legge 833/1978: dalla segmentazione assistenziale all’universalismo del Servizio Sanitario Nazionale3.1. Prima della riforma sanitaria, un lungo percorso• I primi decenni del Novecento• Il Testo unico del 19343.2. Dal 1968 al 1978: una grande stagione di riforme settoriali• Il “sottosistema” degli enti locali• Il “sottosistema” degli enti mutualistici• Il “sottosistema” ospedaliero3.3. L’avvento della riforma sanitaria• La legge 833/1978: principi ispiratori• I “soggetti istituzionali” della riforma3.4. La prima riforma della riforma3.5. La seconda riforma della riformaCapitolo 4 – Il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale4.1. Il sistema di finanziamento del SSN – Fondo Sanitario Nazionale e criteri ripartitori• Il Fondo Sanitario Nazionale nella prima riforma• Il tentativo di risoluzione della crisi finanziaria con le riforme degli anni• Il cambiamento fondamentale del nuovo millennio. Le spinte verso il federalismo fiscale• I patti tra Stato e regioni per la determinazione del fabbisogno standard nazionale e regionale. Il Fondo con cui lo Stato “concorre” e la ripartizione regionale• L’attuale assetto del sistema di finanziamento, FSN e criteri di riparto4.2. Disavanzi e crisi finanziaria• L’andamento storico delle crisi finanziarie• La prima riforma della riforma• La riforma “Bindi”• La grande crisi (2007-2014)Capitolo 5 – Il rapporto tra Stato e regioni5.1. Competenze e conflitti• Introduzione• L’era pre 2001• L’era post 2001• Conclusioni5.2. Uniformità nazionale e difformità regionali• I “segni” di un Servizio Sanitario Nazionale• Le autonomie regionali• Le difformità regionali• Le difformità regionali nell’articolazione istituzionale e organizzativa dei vari Sistemi sanitari di loro pertinenza: Emilia Romagna, Lombardia e Toscana5.3. I livelli della programmazione• La pianificazione nazionale• La programmazione regionale• Il “Piano Sanitario Nazionale 1998/2000”: il primo “Patto per la salute”Capitolo 6 – Dalle USL alle ASL6.1. Il diverso ruolo degli enti locali• Le USL• Le ASL6.2. Dimensioni, autonomie, competenze• Dimensioni• Autonomie• L’autonomia imprenditoriale• CompetenzeCapitolo 7 – La governance7.1. Dal collegiale al monocratico• La gestione delle USL ex legge 833/1978• La governance delle ASL ex dd.llgs. 502-517/1993 e 229/1999• La managerialità del Direttore generale• La problematicità del rapporto fiduciario• Complessità organizzativa e managerialità diffusa7.2. La necessaria distinzione fra “governo” e “gestione”: un problema interpretativo• Il d.lgs. 80/1998• Responsabilità politico-amministrativa e gestionale• L’Atto aziendale7.3. La responsabilità dei professionisti: introduzione• L’evoluzione normativa in materia di responsabilità sanitaria• Il ruolo delle linee guida nella prassi processualeCapitolo 8 – L’organizzazione8.1. Il processo aggregativo• Il Distretto sanitario di base• Il nuovo Distretto• Il decreto Balduzzi (d.l. 158/2012)• Servizi di base e “case della salute”: soluzioni regionali a confronto8.2. I Servizi e i Dipartimenti• I Servizi• I Dipartimenti• Il Dipartimento di prevenzione• Il Dipartimento di salute mentale• Il Presidio ospedaliero• Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS)• L’assistenza farmaceuticaCapitolo 9 – L’integrazione9.1. L’integrazione socio-sanitaria• Le modalità della integrazione• Le ragioni della integrazione socio-sanitaria• I contenuti che qualificano le “dimensioni della integrazione”• Il Piano nazionale della cronicità• L’integrazione nella riforma Bindi9.2. L’integrazione socio-sanitaria nei “livelli essenziali di assistenza”• Prima versione• Seconda versione9.3. Le sperimentazioni gestionali: introduzione• Il contesto italianoCapitolo 10 – La “committenza”10.1. La “committenza” nella programmazione distrettuale• Lo “strumentario” della funzione di “committenza”10.2. I “soggetti”, pubblici e privati, che vendono prestazioni: autorizzazione al funzionamento, accreditamento istituzionale, convenzionamento10.3. Le tariffeCapitolo 11 – Il ruolo del cittadino11.1. Gli spazi e i soggetti della partecipazione• La legge 833/1978• I decreti 502/51711.2. I “Comitati consultivi misti”• Il decreto 229/199911.3. Il coinvolgimento operativo del volontariato: verso il “welfare di comunità”• Crisi finanziaria ed evoluzione del bisogno• Il “welfare di comunità”• La “via italiana” al welfare di comunità11.4. Il consenso informato• Il diritto alla pianificazione anticipata delle cure• Il consenso dei minori e degli incapaci11.5. La vincolatività dei trattamenti• L’assistenza psichiatricaCapitolo 12 – I livelli essenziali di assistenza e la sanità integrativa12.1. Criteri e contenuti• Il d.P.C.M. 29 novembre 2001• Successive modifiche12.2. La concreta applicazione dei “livelli essenziali di assistenza”12.3. La sanità integrativa• Spunti applicativiCapitolo 13 – I sistemi informativi e informatici in sanità13.1. La evoluzione dei sistemi• I sistemi informativi e informatici nella normativa recente13.2. Il Fascicolo sanitario elettronico• Il processo costitutivo del FSE• Lo “stato dell’arte” attuativo• I “trend” evolutivi• Sanità digitale e risparmi13.3. Il mutamento del ruolo del medico (e degli altri operatori assistenziali) alla luce dello sviluppo della sanità digitale• Esegesi di ruolo• Prima della riforma sanitaria• Dalla legge 833 (1978) ai dd.llgs. 502/517 (1992/1993) e 229/1999 (le riforme del SSN)• Dal “dopo riforma Bindi” ai nostri giorni13.4. La privacy in sanità• Cyber-security e tutela della salute: cenniCapitolo 14 – La ricerca scientifica14.1. La ricerca in ambito sanitario: introduzione• La “ricerca scientifica e tecnologica” nell’assetto costituzionale• I soggetti della ricerca• L’Istituto Superiore di Sanità• L’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro• L’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali• Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico• Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali14.2. La programmazione della ricerca sanitaria14.3. Il rapporto tra Servizio Sanitario Nazionale e università14.4. La sperimentazione: cenni• I Comitati EticiCapitolo 15 – La sicurezza nei luoghi di lavoro15.1. L’esigenza della tutela del lavoratore quale principio fondamentale dello Stato di diritto: brevi cenni storici15.2. Il “lavoro” quale fondamento della Costituzione italiana15.3. Il Testo Unico della sicurezza sul lavoro• La struttura del Testo Unico sulla sicurezza• Il datore di lavoro: definizione• I dirigenti ed i preposti• I principali obblighi dei lavoratori e dei soggetti equiparati• La struttura ed i compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione• La sorveglianza sanitaria obbligatoria• La prevenzione nei luoghi di lavoro• Definizione di pericolo• Definizione di rischio• La classificazione dei rischi• La valutazione dei rischi• Il dispositivo di protezione individuale• La segnaletica di sicurezza• I rischi generici• La protezione passiva• La protezione attiva• Il piano di emergenza• Il primo soccorso• Il sistema sanzionatorio nel Testo Unico sulla sicurezzaCapitolo 16 – Il risk management16.1. I cenni storici della normativa italiana sulla gestione del rischio clinico in sanità16.2. Le fattispecie del risk management16.3. La realizzazione del risk management, fra indirizzi normativi e applicazione pratica16.4. L’assetto organizzativo per la gestione del rischio: ruoli e responsabilità16.5. Il processo di gestione del rischio clinico• I principi guida• Il contesto regionale e locale• Gli strumenti di gestione del rischio• La identificazione dei rischi• La analisi, valutazione e mappatura dei rischi16.6. Obiettivi strategici e modalità realizzativeBibliografiaNormativa
Fosco Foglietta
una vita nel Sistema sanitario italiano: Direttore amministrativo nella ASL di Cesena, poi dal 1998 al 2010. Direttore Generale nelle ASL di Bologna sud e Ferrara. Vice presidente FIASO (Federazione italiana delle aziende sanitarie ed ospedaliere) nel secondo quinquennio degli anni 2000. Dal 2011 al 2017, Presidente del Consiglio di amministrazione CUP 2000 s.p.a. (sanità elettronica dell’Emilia-Romagna). Docente a contratto di varie università e di organismi di formazione internazionali. Autore di numerose pubblicazioni (7 volumi e centinaia di articoli in riviste specializzate).

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.