Charlie Hebdo non china la testa, 2 set 2020

Charlie Hebdo non china la testa
Charlie Hebdo ha ripubblicato ieri le caricature di Maometto che ne avevano fatto un bersaglio dei terroristi islamici. Oggi si apre il processo per l’attentato del gennaio 2015 nel quale morirono noti vignettisti come Wolinski, Cabu, Charb e Tignous. Per questo il settimanale satirico ha deciso di rendere omaggio alle vittime e sfidare di nuovo gli integralisti. «Non chineremo mai la testa, non rinunceremo mai», ha spiegato il direttore Riss.
«Le vignette al centro delle polemiche erano state pubblicate la prima volta nel settembre 2005 dal quotidiano danese Jyllands-Posten. In segno di solidarietà, Charlie Hebdo le aveva riprese. In uno dei disegni veniva mostrato il Profeta con una bomba al posto del turbante, o armato di coltello affiancato da due donne con il velo nero» [Ginori, Rep].


La StampaStamattina a Parigi comincia il processo a 14 imputati della carneficina di Charlie Hebdo, la rivista satirica nella cui sede, nel gennaio 2015, i terroristi islamici ammazzarono 12 persone. Ieri la notizia è girata qua e là per la scelta del direttore di ripubblicare le vignette sacrileghe su cui fu pronunciata la sentenza di morte, s’è letto qualche articoletto di rievocazione più che di commemorazione, ma della stentorea e commossa difesa della libertà occidentale d’opinione, fuoco fatuo di quei giorni, nemmeno una scintilla. La libertà di Charlie Hebdo in Italia è affare ozioso, o gingillo per molesti maniaci dello stato di diritto, almeno dallo scandalo sollevato dalle vignette sul terremoto di Amatrice e sul ponte di Genova, altrettanto oscene di quelle su Allah. Come combattenti della jihad, soltanto e per fortuna senza la passione del sangue, anziché discutere le opinioni pessime o sgradevoli, contiamo di impedirle. Per esempio, si incitò a togliere di mezzo il libro di Walter Siti (Bruciare tutto) poiché conteneva descrizioni di impulsi pedofili. Si incitò a trascinare giù dal palco di Sanremo, con l’appoggio impetuoso e straordinariamente unanime di partiti di maggioranza e opposizione, il rapper Junior Cally per un vecchio testo su un femminicidio. Si incita quotidianamente a mettere i sigilli alle pagine social dei movimenti di estrema destra, non perché contengano calunnie o diffamazioni, ma perché sono ricolme di tesi sconce. Guarda un po’, la stessa sentenza pronunciata dai macellai di Charlie Hebdo, che si avviano alla vittoria: loro tagliano la gola, a noi basta tagliare la lingua.Mattia Feltri

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.