GORI Cristiano, Combattere la povertà. L’Italia dalla Social card al Covid-19, Laterza, 2020

vai alla scheda dell’editore

recensione di Maurizio Ferrera in Corriere della Sera/La Lettura, 20 settembre 2020

letto in edizione cartacea, cerca in : https://www.pressreader.com/italy/corriere-della-sera-la-lettura/20200920/281629602699087

Combattere la povertà. L’Italia dalla Social card al Covid-19 di Cristiano Gori (Laterza). Maurizio Ferrera su La Lettura (Corriere della Sera): «Nell’ultimo decennio la povertà ha rotto gli argini. Fra il 2007 e il 2018 il numero di persone bisognose è passato da 1,8 a 5 milioni. Si è formato un esercito di working poor, di persone relativamente giovani che, pur lavorando, non riescono ad arrivare alla fine del mese. E per la prima volta dagli anni Cinquanta il tasso di povertà minorile ha superato quello degli anziani. Una piaga di queste proporzioni non poteva restare inosservata. E infatti a partire dal governo Letta è iniziato un tortuoso percorso, sfociato nell’istituzione del Reddito di inclusione (Rei) da parte del governo Gentiloni, nel 2017. Ai poveri è stato riconosciuto un diritto soggettivo a ottenere un trasferimento in denaro e a ricevere servizi. Insieme alla riforma degli ammortizzatori sociali introdotta dal governo Renzi, il Rei ha riempito un vuoto che rendeva il welfare italiano privo di una rete di sicurezza. Nel 2019, in fretta e furia, il governo composto da Lega e Movimento cinque stelle ha però rimpiazzato il Rei con il Reddito di cittadinanza (Rdc), cambiando le regole e rompendo inspiegabilmente con il percorso sin lì seguito. Come si è arrivati allo spartiacque del Rei? Il nesso fra la pressione dei problemi e le decisioni politiche non è mai automatico. Quali attori e quali idee hanno fatto da intermediari tra la forte impennata della povertà e la risposta del governo? E perché il cambio di rotta della coalizione giallo-verde? È a queste domande che risponde il libro di Cristiano Gori Combattere la povertà (Laterza). Non si tratta di una cronaca degli avvenimenti né di un’analisi puntuale delle varie misure e dei loro effetti. È piuttosto (il lettore perdoni il linguaggio un po’ tecnico) la “ricostruzione esplicativa” della politica italiana contro la povertà nell’ultimo decennio, effettuata da un protagonista di quella stagione. Gori non è infatti solo un apprezzato studioso di welfare, è stato il principale architetto delle riforme, in particolare del Rei. Ha partecipato attivamente sia alla progettazione sia alla loro presa in carico da parte dei decisori politici. Entrambi questi ruoli sono stati svolti in seno all’Alleanza contro la Povertà, che Gori stesso ha “inventato” e di cui è stato coordinatore scientifico fino al 2019».

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.