È la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, 25 novembre 2020

È la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Francesco Grignetti su La Stampa:

«Il Covid non ha frenato la violenza contro le donne, anzi. È avvilente il terzo report emesso dall’Organismo di monitoraggio sul rischio di infiltrazione nell’economia da parte della criminalità mafiosa. Con le violenze su mogli e compagne, l’infiltrazione mafiosa non c’entra granché. Ma questo gruppo di studio interforze, coordinato dal prefetto Vittorio Rizzi, vicecapo della polizia, ha voluto allargare l’orizzonte a tutti i reati del periodo. Ed esaminando le conseguenze dirette e indirette del Covid sulle dinamiche criminali salta agli occhi che nei mesi più caldi della pandemia quasi tutti i reati in Italia sono calati, salvo i crimini informatici. E i cosiddetti reati di genere. Sono le donne, infatti, ad aver fatto da parafulmine per le tensioni più varie. E così, se nei cinque mesi che vanno da marzo a luglio si riscontra una diminuzione del 22% di omicidi volontari rispetto all’anno prima (passando da 140 a 109), a ben guardare questo decremento non tocca le vittime femminili. “Le vittime di genere femminile – si legge nel report – rimangono sostanzialmente invariate”. Si è passati da 51 a 50 donne uccise. Di conseguenza, cresce enormemente la percentuale dei femminicidi sul totale. Si sale al 46% rispetto al 36% dell’anno precedente. Anche restando al più ristretto ambito familiare-affettivo, a fronte di una diminuzione degli eventi, le vittime di sesso femminile sono il 75% (erano il 68% del 2019). La violenza contro le donne non teme la pandemia, insomma. Lo dicono anche le statistiche sui cosiddetti “reati spia”: gli atti persecutori, i maltrattamenti contro familiari e conviventi, la violenza sessuale. E, se nei mesi di marzo e aprile, quelli dello stretto lockdown, c’era stata una lieve flessione rispetto all’anno precedente (da 3.319 a 2.417 a marzo; da 3.125 a 2.511 ad aprile), appena le restrizioni si solo allentate, ecco “un incremento dei reati, con un picco a maggio 2020, che peraltro supera il dato riferito allo stesso mese dell’anno precedente (da 3.280 a 3.363)”».

vai anche a:

https://anci.lombardia.it/dettaglio-news/202011251129-giornata-internazionale-contro-la-violenza-sulle-donne-compito-dei-sindaci-%c3%a8-sensibilizzare-i-propri-cittadini-/

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.